CISI, verso l’affidamento del trasporto dei rifiuti in terraferma

0

Quando sei profeta in patria nessuno te lo dirà poi, però, arriverà la storia e il tempo, una coppia di galantuomini e allora, trovi che avevi visto bene.

Il prossimo 3 e 4 dicembre, in prima e in seconda convocazione, al CISI è stata convocata l’assemblea dei soci. Una seduta, quella a cui il presidente temporaneo del Consorzio, il sindaco di Forio, Francesco Del Deo ha convocato anche i revisori dei conti, durante la quale verrà discusso un ordine del giorno di fondamentale importanza per l’isola: la valutazione dell’affidamento al Consorzio CISI del trasporto rifiuti in terreferma.

Una buona pratica che, se i sindaci non rovinano tutto, può significare una vera e propria svolta nella gestione di un servizio così fondamentale come quello del trasporto dei rifiuti. Ne abbiamo lette di tutti i colori, dal fitto all’acquisto di una nave. La speranza è che i primi cittadini rinsaviscano da questa follia e si decidano per una soluzione più rapida e meno dannosa.

La speranza è che riescano a passare attraverso l’ATO e lo STU, ma anche un bando di gara ben fatto (e non importa chi vince, conta quanto paghiamo e come veniamo serviti) che ci metta al riparo dalle angherie del CO.Tra.Sir. come le tariffe andata e ritorno, i pagamenti anticipati e il servizio a modo loro. I sindaci volevano chiudere il CISI per seguire il disegno, folle, di qualche dirigentello che aveva altre mete.

Il tempo è trascorso, le cronache sono passare, gli articoli di giornali sono stati scritti, le archiviazioni sono state proposte e, per fortuna, il CISI sembra essere in salvo e scippato da mani straniere. Gli altri punti all’ordine del giorno sono relativi alla Delibera del consiglio del 18.09.2019 dell’Ambito Distrettuale Napoli Ente Idrico Campano e per aggiornamenti su alcuni finanziamenti alle infrastrutture idriche e fognarie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui