Christmas in…4WARD: un augurio per tutti

0

4ward di Davide Conte

A Natale siamo tutti più buoni.” Lo diceva sempre il mio amico Domenico, lo sostiene ancora oggi suo figlio Gaetano, che vedendosi investito rocambolescamente dal titolo e, soprattutto, dalle funzioni e dalle responsabilità del Direttore, ne ricalca fedelmente le orme. Quindi, per questo 4WARD, che sarà anche più breve del solito ed uscirà con un giorno d’anticipo rispetto al canonico venerdì, mi sforzerò di rispettare in pieno le direttive editoriali.

davide-188x80Eviterò, quindi, di parlare di politici incapaci, di funzionari pubblici incompetenti ed irresponsabili, di giornalisti insipienti, di squadre avversarie, di timori per il futuro, di incoscienza civile, di inciviltà diffusa, di delusioni ricorrenti, di ricordi strappacuore, di regresso imperante, di elezioni incombenti, pur nella consapevolezza di condire solitamente e puntualmente questi argomenti con quell’interpretazione sincera, cordiale, talvolta anche un po’ goliardica ma sempre e comunque intrisa di libertà e rispetto per chi legge, che nel corso del tempo mi ha procurato -bontà Loro- la puntuale attenzione di tanti.

Sarà un Natale particolare per me, come per tante altre persone che quest’anno hanno perso affetti importanti. Tuttavia, essendomi riproposto di non cadere nel limbo della malinconia, pericolosissimo in questi casi, l’altro giorno pensavo e ripensavo ad un messaggio augurale che, in qualche modo, potesse abbracciare un sentimento a largo raggio, di quelli così ampi e sinceri da non lasciar spazio ad alcuna appendice di sorta.

E allora, sapete cosa Vi dico? Pensate al meglio, alle cose più belle che il Vostro cuore desidera. Io Ve le auguro tutte, ma ad una condizione: che quando ciascuno di Voi ne invocherà l’avverarsi, pregando il proprio Dio o semplicemente esprimendo un desiderio nel guardare le stelle dicembrine o il mare d’Ischia che in questi giorni sembra più che mai d’olio, si impegni a rendere virtualmente virale un sentimento di reciprocità che per un attimo renda tutti più ricchi di amore ed altruismo.

Sembra un modo sdolcinato di scrivere, forse è vero. Ma pensate per un attimo a 63.000 persone che, contemporaneamente, invochino ogni bene per sé e augurino lo stesso per tutti. Che gioia sapere che, in un attimo, un’isola come la nostra, atavicamente votata all’egoismo più becero, possa immergersi in un tuffo fuori stagione nelle acque dell’altruismo… Che bello sarebbe se non solo oggi, ma tutto l’anno e per sempre, si imparasse a pensare che ciò che appartiene a tutti è più importante di quanto riguarda solo noi stessi. Perché se fossimo tutti più ricchi, in tutti i sensi, e se il rispetto reciproco fosse il primo valore su cui puntare, non ci sarebbe spazio per l’invidia, per la gelosia, per la cattiveria; sentimenti, questi, intrisi di negatività, che in un piccolo centro come il nostro si amplificano in un batter d’occhio.

Ecco perché lo trovo un bel regalo. E per giunta, non costa nulla. Che ne dite? Ce lo scambiamo? L’appuntamento (virtuale, ovviamente) è per stasera a mezzanotte, per tuffarci tutti insieme in un pensiero di valore che ci faccia sentir meglio, unendoci in un insolito quanto prezioso abbraccio tutto ischitano e senza distinzioni di sorta tra amici e nemici.

Questo è il regalo di Natale che vorrei, oggi dalla mia splendida Isola, e che farò a tutti quelli che la vivono. Augurissimi di cuore!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui