“C’era una volta….” mostra delle fiabe dei Grimm illustrate dagli artisti dell’Estonia

0

 

Il CEIC- Istituto di studi storici ed antropologici delle isole campane- ha organizzato, col patrocinio del comune di Lacco Ameno e della Fidapa Ischia, la mostra “Cera una volta…” promossa dal Centro per la Letteratura Estone per Bambini di Tallinn, dall’Associazione Italia Estonia, dal Centro Studi sull’Estonia e il Baltico con il supporto di ELKK e la partecipazione dell’Ambasciata di Estonia e il patrocinio del Ministero della Cultura della Repubblica di Estonia.
La mostra si terrà a Villa Arbusto da lunedì 18 aprile al 1 maggio.
“Sono sessanta opere- dice il direttore del Ceic Ugo Vuoso- realizzate da venti artisti estoni che hanno interpretato visivamente le più belle favole dei fratelli Grimm”.
Perché proprio le fiabe dei fratelli Grimm?
“L’iniziativa- continua Vuoso- nasce da una idea del presidente dell’associazione Italia Estonia, Ulle Toode e della curatrice Viive Noor che hanno posto l’attenzione sul fatto che molte fiabe dei Grimm hanno parecchi elementi in comune con quelle di Giambattista Basile e del suo Cunto de li cunti.” Come dire: l’arte supera tutte le frontiere e accomuna i popoli.
E’ interessante anche capire perché proprio in Estonia sia sorto e si sia diffuso tanto interesse per queste opere. In questo paese infatti, è attiva una scuola di illustratori fra le più affermate nel panorama artistico internazionale.
Un appuntamento particolarmente stimolante sarà quello con l’attore Fioravante Rea, narratore di storie tratte dalla tradizione popolare. Nel corso della settimana d’esposizione, il noto attore si intratterrà per leggere alcune fiabe destinate soprattutto ai bambini.
Insomma, un buon motivo per non perdere un evento del genere, il cui prestigio è reso ancor più rilevante se si pensa che la raccolta dei fratelli Grimm rappresenta un vero e proprio monumento alla fiaba di tradizione popolare, genere diffuso e tramandato in tutti i Paesi  e sin dal 2005, inserito dall’Unesco nel Registro della Memoria del Mondo.
L’iniziativa rientra fra le attività di ricerca e valorizzazione della narrativa tradizionale da tempo avviate dal Ceic, che prevede produzioni editoriali, proposte di alta formazione. E’ sempre il CEIC l’Istituto che organizza il Festival internazionale delle arti narrative “Ethnoi/Fabula” che già annovera varie edizioni in vari territori della Campania e lo scorso anno, è stato un appuntamento di prestigio al Forum delle culture, promosso dal Comune di Napoli, alla Mostra d’Oltremare.
L’inaugurazione della mostra di Villa Arbusto (che sarà presentata dallo storico dell’arte Nicola Barbatelli, col coordinamento di Gianni Glinni), è fissata per lunedì 18 aprile alle ore 19.00. Sono previsti saluti istituzionali del sindaco Giacomo Pascale, dell’assessore Cecilia Prota e del presidente dell’associazione Italia-Estonia Ulle Toode.
Sarà possibile visitare la mostra, con ingresso libero, da martedì a giovedì, dalle 9 alle 13. (g.v.)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui