fbpx

Carlo Schilardi: “Grazie delle belle parole!”

Must Read

Ida Trofa | Così dice addio al suo ruolo di commissario Carlo Schilardi Con Ischia cessa anche l’incarico nell’Irpinia. “Carissimi. Grazie delle belle parole. Non ci sono tra noi maestri ma solo servitori dello Stato che collaborano tra loro e cercano soluzione ai problemi che è necessario quotidianamente affrontare.

Ogni giorno infatti impariamo qualcosa e più aumentano le esperienze individuali, più aumenta la percezione dei propri limiti – commenta a Il Dispari con amarezza il prefetto Carlo Schilardi che cosi si congeda dalla sua avventura di commissario. Non dimentichiamo il doppio ruolo come commissario del terremoto dell’Irpinia del 1980.

Dopo 41 anni anche il terremoto dei terremoti affidato a Legnini -Aggiungo che in tutti voi ho trovato collaborazione, sostegno e preparazione professionale. Purtroppo tutto quello che facciamo ha un inizio e un termine, ma i ricordi buoni restano. Con stima ed amicizia. Il 31 gennaio a luterò i miei uomini e le mie donne”. Finisce così l’era dell’italia dei commissari. Non il fallimento del singolo ma di un interno apparato chiamato Stato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Maronti ore 15.00, il mare così non può andare!

Sono foto e video dolorosi quelli realizzati da Michele Mattera. Una rappresentazione triste e ingiusta verso tutti: residenti, isolani...