lunedì, Marzo 8, 2021

Capitale Italiana della Cultura, lunedì 18 gennaio il verdetto

In primo piano

Il saltino. Paura delle dimissioni: Gianluca Trani passa in maggioranza come Antonio e Antonello. Da semplice consigliere comunale

Gaetano Di Meglio | Termina la crisi politica di marzo del comune di Ischia. Gianluca Trani passa da “Ischia...

La “messa” in sicurezza è finita, aprite in pace la “Parrocchia” di Casamicciola

Il comune preme sulla Curia per restituire al culto il sacro luogo. L’occasione è data dalle imminenti festività pasquali. Castagna tuona:“Non posso esimermi dall’informarVi che nulla osta all’utilizzo dell’immobile, pertanto a partire dal 15 marzo 2021 sarà cura del comune assicurare l’apertura della Basilica tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 esclusi il sabato e la domenica, salvo ulteriori disposizioni“

Enzo Ferrandino: “Non ci interessa una operazione zeppa”

Il sindaco azzera i malumori dei suoi e liquida l’apertura di Ottorino Mattera: “apriamo alle forze responsabili”. Una buona “valutazione” per Gianluca?

Lunedì 18 gennaio, alle ore 10.00 il ministro Dario Franceschini, , comunicherà la città che sarà “Capitale Italiana della Cultura” per il 2022.

Una attesa febbrile che vede anche l’isola di Procida tra le protagoniste e tra le possibili vincitrici. Tra le 10 destinazioni giunte in finale, infatti, l’isola di Procida risulta essere la più attrattiva e quella che ha presentato un dossier articolato e supportato da tantissimi “endorsement” di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo.

Oltre 10 mila followers sulla pagina con una copertura di 670 mila persone, più di 150 contributi fotografici da utenti di tutta Europa, 16 mila account raggiunti con il profilo Instagram, con 9 mila interazioni, il sostegno e l’adesione di 220 istituti scolastici e di decine di comuni campani, dell’intero comprensorio flegreo e persino di un comune danese. E ancora: gli interventi di 50 testimonial, tra i quali Toni Servillo, Gigi D’Alessio, Valeria Parrella e Luisa Ranieri.

Lo slogan “La cultura non isola” è il filo conduttore del progetto culturale di Procida, nato da una serie di sessioni che hanno visto il coinvolgimento attivo della popolazione e che abbraccia, tra l’altro, 44 progetti culturali, 330 giorni di programmazione, 240 artisti, 40 opere originali e 8 spazi culturali rigenerati.

“La nostra azione di promozione è andata di pari passo alla costruzione di un’ampia rete di protagonisti legati alla candidatura di Procida, che ha sempre messo – direttamente o indirettamente – i cittadini. – spiega il direttore della candidatura, Agostino Riitano – Numeri così significativi e adesioni così importanti testimoniano la compenetrazione di una comunità e di una community: con la pandemia, la prima si è trasformata nella seconda, alimentando scambi culturali e incontri digitali, grazie anche al partenariato con Regione Campania e Scabec”.

“Siamo orgogliosi del percorso compiuto finora – sottolinea il sindaco Dino Ambrosino – e ancor di più per il coinvolgimento appassionato della nostra comunità e di tante realtà, nazionali e internazionali, che hanno manifestato apprezzamento, sostegno e vicinanza”.

IL MESSAGGIO AI PROCIDANI DEL POSTO E DI CUORE

Il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, ha lanciato un appello attraverso il suo profilo Facebook: “Procidani del posto, e procidani di cuore. La comunità che vive sull’isola conta poco più di diecimila abitanti.  Ma non si contano le persone che Procida se la portano dentro, dovunque tornano nel mondo. Oggi li stiamo riabbracciando tutti, anche a distanza. “La cultura  non isola” e Procida unisce.  Grazie per la vicinanza e il sostegno . Qui vorrei ricordare le 220 scuole, di tutte le province campane, che hanno espresso condivisione del progetto con parole affettuose e convinte. Una marea di mail che hanno raggiunto i nostri indirizzi.  Grazie ai dirigenti scolastici, a Giovanna Martano e all’assessore Lucia Fortini, che ha sostenuto da subito con forza la nostra candidatura.”

PROCIDA, LA CULTURA NON ISOLA

Procida si candida a Capitale Italiana della Cultura perché la terra isolana è luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, è modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali. Il percorso che ha portato alla creazione e consegna del dossier di candidatura e’ una significativa esperienza di innovazione sociale, per la centralità di un modello di vita urbana attiva, orientata alla cultura e ai desideri della comunità. Procida è l’isola che non isola, laboratorio culturale di felicita’ sociale.

photo: FB page Procida Capitale della Cultura e Comicon

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Riflessione sul Venerdì Santo, il grido di dolore de “I Ragazzi dei Misteri”

Con chiarezza e frasi dirette "I Ragazzi dei Misteri" illustrano la situazione in cui vive l'associazione e le prospettive...
- Advertisement -