Campi “playground”, variante a costo zero ma lavori supplementari per 22mila euro

Ischia. Progetto finanziato dal mutuo con la Cassa DD.PP.

0

Varianti a go-go e opere suppletive anche per i lavori di realizzazione ed allestimento di tre campi “playground” in diverse aree del comune d’Ischia. Un progetto varato nel 2016 da Enzo Ferrandino e per la cui attuazione è stato contratto il solito mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. Il tutto, secondo l’Amministrazione comunale, per valorizzare e riqualificare il territorio.

Un progetto del costo complessivo di 134.785 euro, di cui 95.830 per i lavori, poi appaltati alla ditta “Mediterranea” di Casamicciola Terme per l’importo contrattuale di 64.772,51 euro.

Ma già due anni fa, a lavori iniziati, ovviamente, era arrivata la prima perizia di variante suppletiva presentata dal direttore dei lavori arch. Raffaele Ungaro e approvata dall’allora responsabile dei lavori pubblici arch. Aniello Ascanio. Una variante, si evidenziava, che «non altera l’impostazione e le finalità del progetto originario», ma che aveva già comportato un maggior esborso: 70.812,23 euro oltre Iva rispetto ai 64.772,51 del contratto iniziale. Insomma, un aumento di 6.039,72 euro da coprire con il parziale utilizzo della somma imprevisti e delle economie d’asta.

I lavori sono proseguiti ma ecco che a febbraio sempre l’arch. Ungaro ha redatto la seconda perizia di variante. Quest’ultima, come “certificato” dall’attuale responsabile dei lavori pubblici arch. Consiglia Baldino, «non altera la natura generale di contratto» e «non comporta un incremento di importo». Dunque ha ricevuto il nulla osta dalla Baldino.

Ma non è finita. Dopo questa variante senza spesa, ecco arrivare la relazione istruttoria del rup ing. Francesco Fermo, «dalla quale si evince che: che si rendono necessarie alcune opere e forniture per il completamento degli interventi a farsi».

Il costo di tali lavori supplementari è stato calcolato dall’Utc in 20.240,67 euro oltre Iva al 10% e trova comunque copertura nel quadro economico. Dopo aver sondato la disponibilità della “Mediterranea”, si è quindi proceduto all’affidamento diretto alla stessa ditta casamicciolese. Alla luce del ribasso offerto del 2%, l’importo contrattuale, Iva compresa, risulta di 21.819,45 euro.

Approvando l’affidamento, la Baldino ha anche nominato direttore dei lavori e coordinatore per la sicurezza in esecuzione il rup Fermo.

Sta di fatto che i campi da gioco non ancora ultimati comportano una ulteriore spesa (e magari non sarà l’ultima). Senza contare l’ennesimo indebitamento dei cittadini contribuenti a causa del mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui