fbpx

Buona scuola bambini. Una lettera di Sandra Malatesta

Sapete bambini, che io da piccola mi sono innamorata della scuola e ho voluto restarci per sempre?

Must Read

Eccoci qui ci siamo, dopo una lunga estate calda tanti piccoli bambini cominceranno a frequentare le scuole elementari e io oggi ho tanta voglia di scrivere a loro che da sempre amo tanto. Cari bambini e bambine che domani e nei prossimi giorni andrete per la prima volta a scuola elementare ,che oggi si chiama scuola primaria. Ci tengo a dire questo perché giorni fa ho incontrato una bimba che amo e con la quale mi fermo a parlare, e le ho detto “che bello ora andrai alle scuole elementari”.

E lei con un tono deciso mi ha risposto “No Sandra, io andrò alla scuola primaria perché ho finito quella dell’infanzia”.

Io ho sorriso e l’ho stretta forte e poi siamo andate a comprare due quaderni con i quadrettoni che attirano tanto con quelle belle copertine colorate. Voi piccoli bambini e bambine proverete una forte emozione quando andrete nelle vostre aule accompagnati dai genitori che sono più emozionati di voi. Sarete accolti con sorrisi, con giochi, e saprete che da quel giorno in poi dovrete dedicare tempo per i compiti e per imparare tante cose belle. La scuola primaria come si chiama oggi, ha un profumo particolare che si stamperà sui vostri grembiuli e che le mamme sentiranno quando verranno a prendervi all’uscita.

Sapete bambini, che io da piccola mi sono innamorata della scuola e ho voluto restarci per sempre?

Tutto quello che vedrete sarà per voi meraviglia, e ogni giorno una nuova conquista e ogni giorno mentre state in macchina con i genitori direte forte “Mamma su quel cartello c’è scritto Ischia” e la curiosità vi spingerà a voler sapere e sapere. Oggi siete bambini fortunati perché a scuola non soffrirete il caldo o il freddo, perché le aule sono piene di cartelloni colorati, perché non userete il gesso che a noi ci faceva impolverare ma le lavagne moderne, le Lim che apriranno ai vostri occhi un mondo in cui viaggerete con la fantasia.

Cari bambini io so che siete anche voi emozionati, ma so anche che i bambini hanno voglia di cose nuove e la scuola sarà una cosa nuova. Farete amicizia con bimbi e bimbe che non erano con voi all’asilo, comincerete a guardarvi con occhi diversi, imparerete a scrivere e leggere e tutto questo farà di voi persone più autonome. So cosa si prova il primo giorno di scuola e so che è troppo bello tutto, anche la confusione dei primi momenti.

Io voglio augurarvi di sognare mentre state imparando cose nuove, di sognare cose belle, di pensare a quello che dicevate fino a un anno fa: “mamma voglio fare il pompiere”, “mamma voglio fare il macchinista”, “la maestra”, “il dottore”, “voglio guidare gli aerei”, “le navi”, “i treni”, “girare il mondo” e, man mano che lo studio vi porterà a sapere e sapere, di poter fare avverare i vostri sogni.

Stare insieme in un’aula tante ore al giorno, seguiti con amore da maestri e maestre, vi insegnerà ad avere pazienza e non fa niente se ogni tanto qualcuno di voi, pur guardando la maestra, starà pensando ad altro, magari a cosa starà cucinando mamma a casa, non fa niente. Bambini non siete tutti uguali e questo fa di voi un materiale costoso che deve essere toccato con cura e lavorato con pazienza.

State sereni non pensate che tutti debbano già essere bravi, pensate che tutti invece imparerete a essere bravi chi più velocemente e chi con più lentezza ma non cambia niente. La natura vuole così e sapete che ci sono animali veloci e animali lenti ma che lo stesso vivono bene e sono felici.

Non conta solo essere bravi a scuola, conta essere bravi a dare una mano a chi è in difficoltà  ad aiutarsi ad avere sempre un sorriso pronto e a dire tutto alle mamme e ai papà che sono i vostri confidenti in questa età bellissima che solo quando sarà passata resterà in voi come ricordi dolci che vi faranno dire “Che belli quei primi giorni di scuola..che bello essere bambini”. In bocca al lupo a tutti voi vi auguro un giorno speciale e che il profumo della scuola resti sui vostri vestiti a lungo.

Sandra

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

E’ morto mons. Regine, la chiesa di Ischia perde un suo pilastro

A 93 anni, Don Giuseppe Regine, parroco della Chiesa di San Vito è deceduto. Un lutto che colpisce l'intera...