fbpx
HomeaperturaBrutale rissa tra “protettori” alla Marina. Si pestano a sangue per contendersi...

Brutale rissa tra “protettori” alla Marina. Si pestano a sangue per contendersi la piazza

Un fermato. Grave la prima ipotesi sul movente dell’episodio. Indagano i Carabinieri. Scene di inaudita violenza e sangue ovunque

IDA TROFA | Martedì di botte e paura alla “Marina”, tra la Piazza e i portici della sede provvisoria del comune di Casamicciola Terme, dov’è scoppiata una maxi rissa tra immigrati rumeni armati di bottiglie di vetro. Un brutale episodio di violenza, verificatosi nella centralissima Piazza Marina a pochi passi dal Municipio, dal porto e dal centro principale, interrotto solo dal tempestivo intervento dei carabinieri della locale Stazione. Al momento di andare in stampa, una persona è stata identificata e condotta in caserma. Un episodio brutale da condannare e stigmatizzare che ha riempito di sangue il paese. Scene surreali, che mai avremmo voluto raccontare e, assolutamente, non depongono a favore della comunità.

I contendenti, stando ad una prima ricostruzione, con la complicità di altri soggetti della stessa nazionalità scampati alla cattura e in corso d’individuazione, si sono pestati a sangue, con pugni, calci e colpi di bottiglie di vetro sul viso, alla testa e al corpo, riportando diverse ferite al cranio e politraumi. Incredulità e paura tra la gente. Sul posto è intervenuta anche una ambulanza del 118.

Dopo le botte, i soggetti feriti hanno tentato di lavare via il sangue immergendosi nella fontana cittadina, mentre fiotti di sangue e pozze di liquido ematico sono state lasciate in diversi angoli della zona. Un solo soggetto, presumibilmente, il ferito più grave è stato visitato e medicato dai sanitari. Dopo aver fatto ricorso alle cure mediche l’uomo voleva andare via, ma è stato fermato dai militari in attesa delle indagini e dei passaggi burocratici.
Una presenza tale di sangue, da costringere l’AMCA a disporre una pulizia straordinaria dei luoghi interessati. Ancora da chiarire le ragioni del selvaggio episodio. Alcune indiscrezioni raccolte dal nostro quotidiano parlano di una contesa sulla piazza della prostituzione, uno scambio cruento sul dominio delle “donne” usate come merce di scambio nel prolifico mercato del meretricio che, purtroppo a Casamicciola da qualche anno, ha trovato terreno fertile.

Cause, sulle quali, in ogni caso, indagano i militari dell’Arma con il coordinamento della Compagnia di Ischia, diretta dal Capitano Angelo Pio Mitrione che seguono, a quanto ci è dato apprendere, la pista del regolamento di conti per il controllo degli affari illeciti sul territorio o per uno sgarro commesso ai danni della comunità rumena della zona.

Gli altri articoli
Related News
- Advertisement -

2 Commenti

  1. Allo scatafascio isolano non potevamo farci mancare anche i “ricuttari”rumeni ,un isola ormai sempre più in fase di declino che sta’ trovando la sua reale dimensione con il beneplacito della politica locale(il comune unico è una priorità…)

    • Ma perché ve ne uscite sempre col comune unico come panacea di tutti i mali?
      Col comune unico si ripeterebbero le stesse dinamiche: il gruppo di Giosi, il gruppo di Domenico, il gruppo di Giacomo e Francesco, il gruppo di Enzo e Dionigi..
      Quando Ischia era sugli allori c’erano sei comuni ma la mentalità era diversa, non era iniziata ancora l’avidità feroce che c’è adesso: quella dev’essere combattuta, non trovare dei pannicelli caldi che non servono a niente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui