fbpx

BASTA TENERSI IL MOSTRO IN CASA #25novembre

Must Read

Maria Grazia Di Scala, Avvocato, Consigliere Comunale Comune di Barano | Una donna uccisa ogni 3 giorni. Questo il triste record del 2021. Le procure sostengono che di esse solo il 12% aveva denunciato, e a mio avviso il problema è proprio questo. Le donne non denunciano per paura, certo, ma anche perché sanno bene che allo stato attuale ogni forma di denuncia non sempre risolve il problema. Intendo dire che serve solo a mettere in allarme l’uomo violento, ma cosa ha risolto nella pratica anche il “codice rosso”?

Certo, la nuova normativa ha delle sue utilità, tipo l’allungamento dei termini per presentare denuncia o la previsione per cui la vittima vada ascoltata entro tre giorni. Ma a che serve se poi il processo parte dopo uno o due anni, per concludersi a babbo morto tra vizi di notifica, impedimenti vari e lungaggini che ne conosciamo dopo anni? A che serve se chi commette violenza viene scarcerato dopo sei mesi e ricomincia da capo con le persecuzioni? Per non parlare poi dell’ordine di non avvicinarsi al domicilio della vittima, completamente inutile in mancanza di un adeguato potenziamento del personale e dei mezzi delle forze dell’ordine.

La nuova legge è solo un primo, timido passo verso un sistema sicuro ed effettivamente garantista per vittima e familiari ancora purtroppo lontano, inattuabile senza il concorso di forze della politica e della magistratura secondo un percorso comune Perché aumenta questo vortice di violenza? Perché gli aggressori spesso si sentono impuniti, le donne che sopravvivono alla violenza restano segnate a vita ed impaurite, e gli uomini magari compaiono davanti al giudice come agnellini e dimostrano un finto pentimento che servirà per continuare ad esercitare violenza psicologica.

E non mi stancherò mai di dirlo. La vera rivoluzione è quella culturale, quella che deve partire dall’ambiente familiare, dalla scuola, attraverso la sensibilizzazione dei ragazzi, dei genitori e degli stessi docenti. La libertà delle donne, e non solo, ancora oggi viene quotidianamente minata da una subcultura diffusa che ancora, ahinoi, mitizza la superiorità del sesso maschile su quello femminile come dimostrano tanti episodi cui assistiamo nel quotidiano anche nel nostro piccolo. E conseguenza di tutto ciò è che le donne sono anche oggetto di violenza “economica”, motivo che le spinge spesso a tenersi il mostro in casa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Proroga dell’allerta meteo: tutte le scuole dell’isola chiuse

In seguito alla proroga dell'Allerta meteo arancione, i sindaci dell'isola hanno disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine...