Barano-Ischia: è derby vero

Di Meglio recupera l’under Mattera. Monti cambia?

0

Sarà derby vero, per il semplice fatto che i quattro precedenti tra aquilotti e gialloblù, registratisi nell’arco degli ultimi venti anni, sono sempre stati valevoli per la coppa Italia. Barano e Ischia dopo quindici anni si ritrovano di fronte ma per i tre punti. Quelli che mancano al Barano da otto mesi, quelli che l’Ischia vuole aggiungere alla sua classifica per restare nei quartieri alti e approcciarsi nelle condizioni ideali al big-match interno dell’altra domenica con l’Albanova. Dal canto loro, gli aquilotti dovranno affrontare due trasferte consecutive non semplici (Maddaloni e Pianura) e dunque muovere la classifica ha la sua importanza.

Il pronostico dice “Ischia”, ma il Barano moltiplicherà gli sforzi per colmare l’evidente gap tecnico ma anche in termini di esperienza. In questa sfida che vede ben ventuno ex nelle fila delle due squadre, tecnici e dirigenti compresi, chi ha qualcosa da perdere è la squadra di Monti. Quella bianconera, dopo il rinvio della partita casalinga contro il Napoli United, a Frattamaggiore nella seconda giornata ha subito un’imbarcata ma per proprio demerito, tra errori nell’area avversaria ma soprattutto nella propria. Almeno tre dei cinque gol dei nerostellati furono siglati per gentile concessione degli aquilotti. Che non amano fare le barricate. Gianni Di Meglio infonde tranquillità nei suoi, chiedendo sempre di essere propositivi, buttando via il pallone solo in caso di necessità. Ma i problemi in difesa si sono evidenziati anche nelle due gare di coppa e non si possono nascondere, anche se l’entourage baranese si augura che l’arrivo dell’esperto Antonio Conte (ieri assente alla rifinitura perché influenzato) conferisca sostanza al pacchetto centrale. Così come sperano che Amabile e Nicola Conte facciano le due fasi con continuità per limitare i rifornimenti per vie centrali e per sostenere adeguatamente Arcamone e Sburlino. L’Ischia ha ottimi interpreti anche sugli esterni, con gli ex Pistola e D’Antonio pronti a inserirsi o tagliare in mezzo al campo per dare quel pizzico d’imprevedibilità che in molti frangenti fa rima con superiorità.

SCHIERAMENTI – Ma come si schiereranno le due formazioni? Il Barano con quattro dietro, tre in mezzo (Amabile e i due Conte?) e tre in avanti, a meno che Di Meglio non voglia chiedere all’altro ex Gianni Conte di cantare e portare la croce. L’under Mattera è guarito ed è a disposizione dell’allenatore che punta molto sull’attaccante. In difesa, insieme a De Simone, dovrebbe agire Pisani, con uno tra Rosi e Pascarella terzini. A sinistra ci sarà Manieri. Monti potrebbe confermare così come “ritoccare” l’undici che si è imposto contro il Mondragone. Ciro Saurino ha scontato la giornata di squalifica ma non è ancora al meglio della condizione. Dunque dall’inizio potrebbe giocare Arcamone, insieme a Sogliuzzo e Trofa. Tuttavia “Billone” in settimana ha provato altre soluzioni e non ci meraviglieremmo se l’Ischia quest’oggi scendesse in campo con qualche novità. Le uniche certezze sono gli under Buono e D’Antonio. Pistola è stato provato a destra così come sulla sinistra ma in posizione più avanzata, con Florio sulla corsia opposta. I convocati sono 22 (out gli infortunati Mennella, Di Meglio e Rubino) e due giocoforza dovranno accomodarsi in tribuna. Ma al di là degli schieramenti, dell’attenzione sulle coperture, della bravura nel crearsi gli spazi così come di non abbassarsi troppo, in partite come questa contano tantissimo le motivazioni, il furore agonistico, la determinazione, senza le quali anche l’Ischia, indubbiamente una spanna superiore, potrebbe avere difficoltà ad imporsi. Nel pre-partita, Davide Trofa è stato chiaro: «Dobbiamo dimostrare di essere una grande squadra». Sull’altro fronte, Angelo Arcamone ha lanciato un altro messaggio importante alla sua ex squadra: «E’ in trasferta che bisogna fare tanti punti, l’Ischia in casa non avrà problemi». Sia mister 202 presenze in gialloblù che l’attaccante bianconero hanno espresso lo stesso concetto in due modi differenti.ARBITRO ROMANO – Il derby (15.30, porte chiuse) sarà diretto dal signor Davide Testoni della sezione di Ciampino, coadiuvato da Gianluca Nocera di Nocera Inferiore e Mauro Panico di Nola.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui