martedì, Aprile 13, 2021

Barano chiama, Lacco Ameno risponde: ecco 3 vigilini

In primo piano

Con delibera della giunta comunale numero 15 il Comune di Lacco Ameno ha concesso l’autorizzazione al Comune di Barano all’utilizzo della graduatoria concorsuale comunale inerente il profilo di istruttore di vigilanza categoria C. Prosegue dunque anche in questo 2021 l’asset Barano-Lacco Ameno cominciato nel La richiesta era stata avanzata dal Comune di Barano il 5 Febbraio 2021.

Con tale nota veniva chiesto al Comune di Lacco Ameno l’assenza di utilizzare la graduatoria relativa al concorso pubblico per la copertura di due posti di istruttore di vigilanza approvata il 21 dicembre 2018, considerato che detta graduatorie già stato utilizzato dal Comune di Barano recentemente ed è stata rilevata la buona e proficua attività svolta dagli agenti impiegati. Il Comune di Lacco Ameno ha già comunicato la propria disponibilità affinché il Comune di Barano attinga da detta graduatoria relativa al concorso pubblico in questione.

In tal senso l’esecutivo lecchese autorizzato, in conformità a quanto disposto dalla normativa vigente in materia, l’utilizzo e l’immissione in servizio dei candidati posti in posizione utile della graduatoria. Al sindaco Giacomo Pascale viene demandata la sottoscrizione della relativa convenzione.

L’eventuale rifiuto a prendere servizio presso il Comune di Barano, manifestato espressamente da uno o più dei candidati, non pregiudicherà in alcun modo la posizione in graduatoria e quindi la possibilità di essere assunto dal Comune di Lacco Ameno. Il Comune di Barano dovrà comunicare tempestivamente al Comune di Lacco ameno la data di avvenuta assunzione ignaro atto inerente e conseguente. L’accordo avrà una durata limitata al periodo di efficacia della graduatoria concorsuale. A Barano “tornano” Galano Giuseppe, Monti Francesco e Pascale Alessandro.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -