Asl: la gestione Ferraro al vaglio della Corte dei Conti

    Tra i tanti provvedimenti che ora sono sotto la lente d'ingrandimento dei contabili della magistratura anche i tagli che hanno reso impossibile la riscossione delle prestazioni pagate dalle polizze assicurative estere

    0

    La scure della Procura regionale nella Corte dei Conti della Campania si abbatterà sulla “gestione” Ferraro dell’ASL Na2 Nord.

    Una gestione molto problematica, lo ricordiamo, che ha creato grossi cambiamenti e profonde ferite anche nel tessuto della nostra isola.

    A passare sotto la lente di ingrandimento degli addetti ai lavori saranno, quindi, gli atti emessi negli ultimi tre anni dal manager della grande ASL campana, che ha sottoposto a stretta “austerity” anche le strutture della nostra isola (non possiamo non citare il caso di Villa Orizzonte, che è ancora in evoluzione).

    Tra le tante azioni portate avanti da Ferraro, c’è poi una manovra che ha portato come diretta conseguenza quella di non poter più riscuotere, dalle assicurazioni estere, i corrispettivi per le prestazioni erogate ai tanti turisti stranieri che, durante il loro soggiorno sulla nostra isola, usufruivano della struttura lacchese.

    Cifre di non poco conto che ogni anno confluivano nelle già magre casse della struttura ospedaliera isolana (e che servivano anche come grossa entrata per il bilancio dell’intera area Na2) e che non sono state più riscosse. Abbinato a ciò c’è anche, e lo abbiamo in passato più volte riportato, la sospensione del servizio di traduzione offerto all’interno dell’ospedale “Rizzoli”, che aiutava non poco i degenti stranieri nell’affrontare le cure e nel compilare tutta la relativa documentazione.

    Tutte queste azioni, combinate assieme ad altri provvedimenti resi esecutivi sempre dal Ferraro, hanno portato all’accumulo di enormi passività per la struttura ospedaliera isolana.

    L’intervento della Procura regionale con la magistratura contabile è stato richiesto dal dirigente regionale che ha denunciato Ferraro per aver compiuto atti molto dubbi durante il suo periodo a capo della ASL in cui rientra anche la nostra isola.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui