giovedì, Gennaio 28, 2021

Arriva in Italia la dieta sostenibile per salvare il pianeta

In primo piano

Firme contro il Don. L’addolorata di Forio non si tocca!

Luciano Castaldi | Sono anni difficili, sicuramente interessanti. Ma nonostante tutto, nonostante la pandemia, le restrizioni, le privazioni di...

Casta & Demanio a Lacco Ameno: l’attacco alle concessioni di Sindaco, Assessori e fedelissimi elettori…

Fronte demaniale. L’ultimo attacco alle concessi illegittime e agli abusi politici: Lacco Ameno trema! L’opposizione di Domenico De Siano passa al setaccio i “lascia passare” di Giacomo Pascale

Anteprima. L’ex assessore di Procida Carannante è libero. Annullata l’ordinanza agli arresti domiciliari

Il tribunale del riesame, accogliendo il ricorso presentato dall'avvocato Luigi Tuccillo, ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare agli arresti...
- Advertisement -
ROMA (ITALPRESS) – I nostri sistemi alimentari sono responsabili fino al 37% delle emissioni mondiali di gas a effetto serra e sono intensivi in termini di consumo di acqua. Per questo motivo, dopo la Gran Bretagna, prende il via – anche in Italia – la sperimentazione del progetto europeo SU-Eatable Life. Quattro aziende e tre università, tra il nostro Paese e il Regno Unito, promuoveranno menù sani e sostenibili, al fine di ridurre emissioni di CO2 e l’uso di acqua connessi alla produzione e al consumo di cibo. Saranno coinvolte 2.200 persone in media ogni giorno in Italia (3.150 in totale comprese quelle in UK).
La Fondazione Barilla è capofila dell’iniziativa. Al progetto collaborano i partner greenApes, Benefit Corporation che fornisce la piattaforma digitale usata per ingaggiare gli utenti nelle mense, la Wageningen University, responsabile insieme a Fondazione Barilla dell’elaborazione dei dati raccolti, e la Sustainable Restaurant Association, partner che supporta lo sviluppo dell’iniziativa in UK. Dopo essere partita a gennaio in Gran Bretagna dunque ora è la volta dell’Italia, dove l’Università di Parma, il Gruppo Barilla (nello stabilimento di Novara) e Ducati Motor Holding daranno il via al progetto.
Una dieta sana e sostenibile è basata su pasti che risultino completi in termini nutrizionali, con una prevalenza di prodotti di origine vegetale (verdura, legumi e frutta) e cereali (farro, orzo, riso) o loro derivati (pasta, pane, couscous, polenta), meglio se integrali, privilegiando le materie prime di stagione. In una dieta sana e sostenibile nessuna fonte nutrizionale viene eliminata completamente, ma queste vengono bilanciate durante la settimana limitando la frequenza degli ingredienti – come la carne rossa – meno vantaggiosi per salute e ambiente, a favore di quelli più sostenibili come ad esempio legumi, pesce e carni bianche.
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

S. Angelo, ok all’ufficio informazioni a Cavamare

Il sindaco di Serrara Fontana, Rosario Caruso, ha annunciato la conferma del finanziamento per la realizzazione di un ufficio...
- Advertisement -