Antonio e Nina: ricordo di un sacrificio. A venticinque anni dalla tragedia

Venerdì deposizione di una corona di alloro alla scuola media

0

Leo Pugliese | Venticinque anni son trascorsi da quel terribile giorno del 18 novembre 1995, ma il ricordo di Antonio Raimondo, ispettore capo della Polizia di Stato, e di Nina Scotto di Perrotolo, infermiera, resta intangibile. La loro fu una fulgida prova di grande generosità pagata al caro prezzo della vita, una prova di perenne monito.

L’elicotterista e l’infermiera, la cui tragica fine unì per sempre i loro nomi furono insigniti di medaglia d’oro al valor civile con le seguente motivazioni.

Per Lui: «Componente l’equipaggio di un elicottero intervenuto per il soccorso di un ustionato in pericolo di vita, forniva le necessarie istruzioni per consentire, nonostante le forti raffiche di vento che rendevano difficile l’avvicinarsi al velivolo, il trasporto a bordo del paziente. Ultimate le operazioni, poiché il pilota perdeva il controllo del mezzo, a seguito dell’improvviso attrito con la barella che aveva trasferito l’infortunato, si prodigava generosamente nell’allontanare gli astanti dall’elicottero, sacrificando la giovane vita falciata dalle pale dell’aeromobile. Splendido esempio di alto senso del dovere, grande abnegazione ed umana solidarietà».

Per lei invece «Infermiera del Iocale posto di Pronto Soccorso, con generoso slancio si prodigava per il trasferimento su di un elicottero di un ustionato in pericolo di vita. Ultimate le operazioni di sistemazione a bordo del paziente, improvvisamente, a seguito dell’improvvisa inclinazione del mezzo causata dalle forti raffiche di vento, la donna veniva travolta dalle pale dell’aeromobile, perdendo cosi la sua giovane vita. Splendido esempio di alto senso del dovere, grande abnegazione e umana solidarietà»

Venti cinque anni dopo, rimane ininterrotto il rimpianto dei parenti dei due sfortunati eroi. Vent’anni dopo, quel gemellaggio Grazzanise-Procida non è più nutrito di commemorazioni congiunte. A rinnovare la memoria vi sono soltanto una piazza a lui intitolata nel suo comune e il nosocomio procidano all’infermiera . Ne parlano ancora le pietre, ma il cuore di tanti uomini resta più duro. Alle giovani generazioni l’arduo compito di intenerirlo.

La cronaca di quella giornata

Un giovanotto si ustiona alle gambe e all’addome lavorando nell’officina di un parente ; viene portato al pronto soccorso dell’isola dove il medico di servizio, riscontrate le ustioni di primo e secondo grado, ritiene che le stesse non siano curabili in quel nosocomio per cui giudica indispensabile trasportare l’ustionato al centro specialistico del Cardarelli di Napoli.

Dal pronto soccorso di Procida viene chiesta alla Capitaneria di Porto una motovedetta per il trasporto a Napoli del ferito; il comandante, con il mare mosso e vento “forza otto”, valuta la situazione e dichiara di non poter mettere a repentaglio la sicurezza degli uomini per cui rifiuta.

Il medico allora si mette in contatto con la Prefettura di Napoli alla quale chiede soccorso d’urgenza, facendo presente l’imminente pericolo di vita che sta correndo l’ustionato.

A questo punto occorre precisare che il ferito era grave, ma non certo in pericolo di vita. Tant’è che il giovane si allontanerà con le sue gambe dopo la tragedia dell’elicottero: sarà imbarcato solo nel pomeriggio su un traghetto di linea e ricoverato all’ospedale Cardarelli.

Torniamo all’urgenza rappresentata alla Prefettura che, chiamata in causa, smista la richiesta al VI° Reparto Volo della Polizia di stanza a Capodichino.

In questo Reparto sono presenti “piloti d’allarme” e più di un equipaggio. La richiesta arriva a Roberto Palossi, agente scelto pilota. Palossi vuole valutare bene la situazione prima di partire: il vento si è rafforzato in modo preoccupante e lui vuole maggiori informazioni dal servizio meteo sulla possibilità di atterraggio in totale sicurezza. Inoltre c’è da tenere presente che il Reparto ha esperienza di atterraggi ad Ischia, quelli a Procida sono delle rarità.

Palossi valuta tutti gli elementi, quando viene “scavalcato” dal commissario capo Grabiella Pompò che riassegna la missione a Leonardo Baia, un pilota che è abituato a decollare sempre e comunque.

Sull’elicottero “Pol 51” viene montata una barella di soccorso che occupa anche il posto del secondo pilota: per la missione di soccorso perciò viene impiegato un solo pilota ed uno specialista: Antonio Raimondo.

Raimondo non è certo un novellino, ha venti anni di servizio sugli elicotteri ed anche un brevetto di pilota d’aereo. Anche Raimondo, come Palossi, è preoccupato per il vento fortissimo. Anche se non spetterebbe a lui, chiama l’ufficio meteo: su Napoli il vento spira a 40 km/h con raffiche repentine fino ad 80 km/h ed anche più. E su Procida? Sulle condizioni del vento nell’isola non si può sapere nulla perché sull’isola manca un anemometro. Antonio Raimondo è contrario ad effettuare la missione e lo dice ad alta voce mentre si sposta nei vari locali del Reparto. Alla fine cede. Sale sull’elicottero. Da Capodichino ad Ischia, di solito, in condizioni normali, occorrono dieci minuti ma quel giorno, per raggiungere la più vicina Procida, causa il vento ne occorsero di più. E così l’elicottero decolla ed arriva a Procida, scendendo lentamente e di sbiego sul campo sportivo dell’isola, ormai ricoperto d’acqua; rimane con le pale in movimento e il freno, apparentemente, non viene tirato. D’altra parte, tenere il rotore in funzione dopo l’atterraggio è la procedura normale adottata dal servizio elicotteri della Polizia, anche con il modello in questione, le cui pale scendono più in basso di quelle di altri esemplari in dotazione.

Solo dopo l’incidente di Procida arriveranno le disposizioni in forza delle quali si deve spegnere il motore dopo l’atterraggio. Antonio Raimondo scende, parla con il medico contornato da una certa folla, forse troppa.

Sei o sette persone si avvicinano all’elicottero con la barella. Ci sono difficoltà ad imbarcare la lettiga con il ferito dentro il velivolo, forse per le dimensioni, o forse per il vento abbastanza forte. Ambedue gli sportelloni dell’elicottero sono aperti; improvvisamente il velivolo comincia a ballare sulle tre ruote. Subito dopo un rumore strano, come di una raffica di mitra e poi le urla. Sia Antonio che Gaetanina vengono falciati. Tutti fuggono ritenendo che il velivolo stia per scoppiare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui