martedì, Aprile 13, 2021

Ammalato covid non sa che fare. Solo ieri l’intervento dell’USCA

In primo piano

Leo Pugliese | La storia di oggi ha del drammatico e del paradossale se non fosse anche a tratti comica. A raccontarla il medico isolano Giacomo Retaggio che ieri attraverso il suo profilo social ha scritto:
“Alcuni giorni fa una mia vicina di casa, insegnante accusa un po’ di febbre e mal di gola. Mi telefona perché, essendo stato il suo medico per una cinquantina di anni, sono rimasto per lei e la sua famiglia una sorta di punto riferimento. Le consiglio di sottoporsi a tampone per il covid.
Non si può mai sapere! Difatti il tampone risulta positivo. Le consiglio di farlo praticare anche al marito che si attiva subito, ma il suo medico gli dice che non è il caso e conviene aspettare qualche giorno .(!) dopo qualche giorno anche il marito risulta positivo come era prevedibile, I due si chiudono in casa, senza nessun contatto esterno. Passa ancora qualche giorno e nuova telefonata a me. Mi accorgo, per telefono, che lui ha una certa dispnea, vale a dire un po’ di affanno nel parlare.
Gli consiglio di farsi praticare per lo meno una radiografia del torace. Telefona all’ospedale, quì a Procida, e si sente rispondere che, trattandosi di un ammalato covid, non gliela possono fare. Bisogna che si rivolga all’U.S.C.A di Ischia, che una sorta di unità creata apposta per i malati covid, anche per la cura domiciliare. Nel frattempo io comincio ad entrare in fibrillazione perché, mi chiedo, se questi va in insufficienza respiratoria. alla luce delle sue patologie preesistenti, io che ci posso fare?
E’ un ammalato che potrebbe aver bisogno di essere intubato e sottoposto a respirazione assistita in sedazione da un momento all’altro. E queste cose io le so bene perché sono stato anestesista – rianimatore per più di trent’anni. In ogni caso occorre il ricovero ospedaliero, in terapia intensiva. E quì comincia il balletto: arriva un’equipe del 118 procidano, prescrive una terapia e dice di non poterlo trasportare perché l’autoambulanza non è idonea per gli ammalati covid.
Dell’USCA, chiamata già da diversi giorni nemmeno l’ombra fino a questo momento in cui sto scrivendo. Mi dicono che forse verranno da Ischia nel pomeriggio. Forse…. Ora io mi chiedo: è mai possibile che in un paese civile, “capitale della cultura” peraltro, si debbano fare tutte queste “angarelle” attorno ad un ammalato serio come questo? E’ mai possibile che nessuno abbia pensato di istituire anche a Procida una Unità Covid? Ci sono decine di letti vuoti presso il nostro Ospedale, ma a chi e a che servono? Ora, mettiamo il caso che questo ammalato fosse andato in insufficienza respiratoria acuta, come era probabile, ci sarebbe stato il tempo di arrivare per lo meno al Rizzoli di Ischia?
Questi interrogativi angoscianti e senza risposta mi mettono in crisi e mi fanno convincere sempre di più che a Procida c’è ancora molto, ma molto da fare. Altro che “isola della cultura”! E dire che per questa ultima cosa anche io mi sono battuto molto. Ma poi penso che la cultura non esclude una quanto meno normale assistenza sanitaria. Anzi.”
In men che non si dica il profilo dello scrittore e medico isolano è stato letteralmente preso d’assalto, anche dalle persone coinvolte in veste istituzionale come la dott.ssa Maria Rosaria Calabrese che da responsabile del 118 locale ha chiarito una serie di cose. Non sono mancati i commenti stupidi, non sono mancati quelli intelligenti ma su tutti è emerso quello che fotografa una gestione dei casi covid sul territorio a dir poco allucinante. O meglio non pronta alle esigenze di questa terza ondata di coronavirus.
Poco prima di pranzo lo stesso dott. Retaggio attraverso un altro messaggio ha portato all’attenzione il punto in cui versava la situazione dopo che il suo messaggio aveva fatto sobbalzare qualcuno dalla sedia:
“Sempre a proposito del mio post di qualche ora fa sull’ammalato covid, proprio in questo momento il figlio del paziente mi riferisce che l’USCA non sarebbe venuto oggi da Ischia. Mi riferisce anche che loro si sono rivolti al sindaco Dino Ambrosino che si è impegnato ad intervenire presso l’USCA. Pare che in seguito a questo intervento, dopo una brutta telefonata con i parenti dell’ammalato da parte dell’USCA, che li incolpava di essersi rivolti al sindaco, pare che vengano nel pomeriggio. Ditemi voi se questa non è una procedura da medio evo”.
Nel pomeriggio di ieri, poi, i medici dell’USCA sono finalmente giunti sul territorio isolano e visitato il malato a cui hanno di fatto poi cambiato la terapia.
Come non dar ragione al dottor Retaggio. Da tempo la sanità isolana vive momenti di forte ridimensionamento e di grande difficoltà che poi inevitabilmente vengono fuori. Mettere a centro dell’azione amministrativa locale e regionale di nuovo le necessità di un territorio che per la sua insularità appare sempre precario in momenti di emergenza come questo legato al covid, deve essere una priorità non più procastinabile.

- Advertisement -

1 commento

  1. ammiro e ringrazio il coraggio, la tempestività e la determinazione dell’amico dott. Giacomo Retaggio che pur continuando ad offrire il Suo impegno professionale per affrontare il dramma che ha colpito la famiglia …. non ha disdegnato di denunciare all’opinione pubblica le carenze di una sanità procidana che è costretta ad essere legata per il covid 19 all’isola d’Ischia. E’ un tema questo che va definito con urgenza e con un’azione a voce alta da parte del Sindaco Dino per adeguare l’ospedale del luogo alle situazioni di emergenza pandemica che non conosce i tempi burocratici e gli spostamenti tra le isole imposti dalla insipienza regionale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Isole covid free: stop al piano di Regione, ASL e Sindaci

Il prossimo obiettivo, però, è quello di evitare di continuare con la clientela da vaccino e con il mercato dell’inoculazione! La moltiplicazione degli hub e la spicciola clientela locale non possono trovare spazio in questa vicenda. La priorità deve essere chiara: annullare la realizzazione del terzo hub del Negombo e realizzare un unico hub al palazzetto dello sport di Ischia dove concentrare le operazioni di vaccinazione.
- Advertisement -