fbpx

Al voto, spunta il manifesto anonimo… Luigi Iacono e lo scuorno di Cesare Mattera

Must Read

Gaetano Di Meglio | Dell’elezione politica di Serrara Fontana abbiamo capito una cosa: Luigione si mette vergogna della candidatura del figlio Roberto nelle fila di Cesare Mattera.
Una vergogna, quella che prova il leader di Progetto Ischia così forte che reagisce, scomposto, ad ogni tentativo in cui si mettono sullo stesso piano lui e Cesare Mattera.
Non lo sopporta quando è un giornale a scriverlo e non lo sopporta quando è, invece, un anonimo.
Purtroppo, quando ti allei con un candidato solo perché coltivi la speranza di un piccolo spazio “luce” o perché dall’altro lato di hanno scartato, l’errore è fatto.

Ieri mattina, un genio anonimo, ha affisso per la strada di Serrara Fontana, un manifesto molto chiaro. Partendo dal titolo del film di Franco Rosi, “Le mani sulla città”, qualcuno ha pensato di parafrasarlo e di dedicato al voto serrarese: “Le mani su Serrara Fontana”. Un’opera grafica che sintetizza, in maniera perfetta, la coalizione che sostiene Cesare Mattera.

E così, da Luigione Iacono sclera sui social:« Continuano a provocarmi e a cercare di intimidirmi solo perché diffondo idee e proposte. Qualche codardo, che non ha il coraggio di confrontarsi in pubblico sulle idee e proposte che ho avanzato per il futuro di Serrara Fontana, durante la notte ha affisso di nascosto manifesti abusivi, senza indicare cioè il committente responsabile, con l’intento di screditare il candidato Sindaco Cesare Mattera. Vanno fatti rimuovere dal Comune con immediatezza per il rispetto della legalità e – lo dico con ironia – perché riportano la medesima mia foto pubblicata dal giornale Il Dispari nei giorni scorsi che non riflette affatto tutto il mio fascino…

Mi auguro che la candidata Sindaca Irene Iacono, avversaria di Cesare Mattera, condanni pubblicamente questa vile e mistificante iniziativa che danneggia il confronto democratico e la stessa immagine della Comunità di Serrara Fontana. Così come avrebbe già dovuto fare per l’articolo del Dispari che riportava le medesime foto. O pensa di trarre vantaggio da simili squallidi mezzi per guadagnarsi il potere?»

Ma qual è il problema di Luigione? La sua foto brutta? O i suoi amici del manifesto che, tra l’altro, è anche molto simpatico?
Nelle sue elucubrazioni mentali qualcuno vorrebbe “intimidirlo”. Ma di cosa? Perché? E’ solo lui che si preoccupa. Secondo me il manifesto aveva una sola funzione: illustrare perfettamente chi muove i fili della lista di Cesare Mattera. Un’operazione verità molto interessante, puntuale e fatta bene.

E, sulla scorta di quel manifesto, googolando un po’, ho ritrovato le foto e ho realizzato anche altri “meme” come è di moda in questi giorni. Ne ho fatto uno ispirato da Gomorra e un secondo, invece, dalle recenti olimpiadi. Non è stato difficile rifarli. Sono serviti 5 minuti su google….
Ma ora lasciamo stare lo “scuorno” e la vergogna di Luigione. Perché c’è un’altra notizia, interessante, che ci fa sapere Luigione.
Nel pomeriggio di ieri, infatti, qualcuno ha ripreso i vigli urbani di Serrara Fontana nel loro lavoro di rimozione dei manifesti anonimi. Peccato che i vigili non abbiano rimosso anche i manifesti abusivi di Cesare Mattera che erano affissi proprio affianco a quello anonimo. Vuoi vedere che Raustella abbia chiesto qualche favore a qualche vecchio collega? O qualcuno ha detto che i manfiesti di Cesare non si devono toccare . Che dire, davvero, le mani su Serrara Fontana…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

E’ morto mons. Regine, la chiesa di Ischia perde un suo pilastro

A 93 anni, Don Giuseppe Regine, parroco della Chiesa di San Vito è deceduto. Un lutto che colpisce l'intera...