Al Torrione di Forio la II edizione delle giornate in omaggio a Luchino Visconti

0

Luigi Castaldi | Saranno i pannelli con foto inedite di Luchino Visconti e delle sue performance artistiche a ricoprire gli spazi espositivi del Museo Civico “Giovanni Maltese al Torrione di Forio. L’encomiabile esposizione coordinata dal noto giornalista e PR foriano Massimo Zivelli, metterà, quindi, in luce aspetti e personaggi del Jet Set che ruotava intorno all’ineguagliabile Luchino. Il famoso regista e sceneggiatore, dotato di numerosi titoli nobiliari, è caro a Ischia per la sua lunga permanenza nella villa “La Colombaia” che, pervenutagli dal predecessore barone Fassini, aristocratico colto, elegante e amante della bella vita, aveva acquisito, a sua volta, da Luigi Patalano, strenuo difensore della forianità.

Luchino, regista cinematografico, teatrale e sceneggiature, è considerato uno dei più importanti artisti e uomini di cultura del XX secolo. È, ritenuto infatti, uno dei fondatori del neorealismo italiano, ha diretto numerosi film a carattere storico, curando con certosina efficacia le ambientazioni e le ricostruzioni sceniche dei suoi numerosi lavori. Tra le sue opere ricordiamo: il suo primo film: Ossessione, ispirato al romanzo “Il postino suona sempre due volte” di James Cain. Con Clara Calamai, Massimo Girotti, Juan de Landa. Nel 1948 realizza un film polemico e crudo, che denuncia apertamente le condizioni sociali delle classi più povere, La terra trema, adattamento dal romanzo I Malavoglia di Giovanni Verga. Nel 1954 realizza il suo primo film a colori, Senso, ispirato a un racconto di Camillo Boito, con Alida Valli e Farley Granger. e successivamente, nel 1957 Le notti bianche, ispirato al romanzo di Dostoevskij, interpretato da Marcello Mastroianni, Maria Schell e Jean Marais. Rocco e i suoi fratelli, del 1960, è la storia di una famiglia di meridionali che dalla Basilicata si trasferisce per lavoro a Milano. L’anno seguente, insieme con Vittorio De Sica, Federico Fellini e Mario Monicelli realizza il film a episodi Boccaccio ’70. Nel 1962 Visconti mette d’accordo critica e pubblico realizzando quello che è considerato il suo capolavoro: Il Gattopardo, tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d’oro. Interpretato da Burt Lancaster e Claudia Cardinale, è ambientato nel periodo dello sbarco dei garibaldini in Sicilia. Nel 1965 dirige Vaghe stelle dell’Orsa, ispirata nel titolo a Leopardi. Del 1967 è Lo straniero, ispirato al libro di Albert Camus, con Marcello Mastroianni e la partecipazione di Angela Luce. Alla fine degli anni Sessanta Visconti, realizza La caduta degli Dei (1969), con Dirk Bogarde, Helmut Berger e Ingrid Thulin come protagonisti. Il film costituisce il primo tassello di quella che sarà poi definita la ‘trilogia tedesca’. Gli altri due film saranno Morte a Venezia del (1971) e Ludwig del 1972. Nonostante le condizioni di salute, ritorna a lavorare curando nel 1973 un celebre allestimento della Manon Lescaut per il Festival dei Due Mondi di Spoleto diretto da Romolo Valli e, nonostante le grandi difficoltà, riesce a girare due ultimi film, Gruppo di famiglia in un interno (1974) e L’innocente (1976), tratto dal romanzo omonimo di Gabriele d’Annunzio, interpretato da Giancarlo Giannini e Laura Antonelli. Luchino Visconti muore nella primavera del 1976, colto da una forma grave di trombosi poco dopo aver visto insieme con i suoi più stretti collaboratori il primo montaggio del film a cui stava ancora lavorando. L’innocente che verrà presentato al pubblico in quella veste, a parte alcune modifiche apportate dalla co-sceneggiatrice Suso Cecchi D’Amico sulla base di indicazioni del regista durante una discussione di lavoro.

Come riferito alla pag http://www.iltorrioneforio.it/fotogallery/mostre-2019/i-gattopardi-di-luchino/ l’Associazione Culturale Radici, grata all’ineguagliabile Maestro e al Pubblico che da sei anni la supporta invita tutti all’ inaugurazione di mercoledì 11 settembre alle ore 20.30. La mostra è inoltre visitabile fino a domenica 15 settembre 2019 dalle 17:00 alle 19:00.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui