Al cinema per “Operazione UNCLE”, un’occasione persa per l’isola

Sopralluoghi e accordi, poi la produzione optò per Pozzuoli, Baia e Procida

1

Da ogginei cinema di tutta Italia iniziano le proiezioni di Operazione U.N.C.L.E. (“The man from U.N.C.L.E.” il titolo originale), un film del 2015 co-scritto e diretto da Guy Ritchie, con protagonisti Henry Cavill e Armie Hammer.  La pellicola – l’adattamento cinematografico della serie televisiva Organizzazione U.N.C.L.E. (The Man from U.N.C.L.E.), andata in onda dal 1964 al 1968 – racconta di un’importante operazione internazionale con la quale, in piena guerra fredda, America e Russia uniscono le proprie intelligenze.
Le riprese si sono svolte nel Regno Unito, la maggior parte a Londra ed alcune anche nel Circuito di Goodwood, ed altre a Roma e in Campania.  E non tutti sanno che Ischia doveva essere una delle location scelte per alcune scene, come rivelato da Michelangelo Messina, che ha partecipato alla fase italiana delle riprese come location manager. E  che ha parlato di altra occasione persa per l’isola. «Proprio così, si tratta di un film che ho cercato di portare ad Ischia con il produttore Enzo Sisti: sopralluoghi, accordi,ma niente da fare, per i produttori era più conveniente terraferma. E allora la parte campana è stata girata in parte al Castello dell’Ovo, a Napoli, al Castello di Baia e alcune scene sulla vicina isola di Procida».
Un’occasione persa che certo alimenta i rimpianti per non aver ancora pensato a un progetto volto ad agevolare le produzioni (sono tantissime!) interessate a gira corti, documentari e lungometraggi su un’isola da sempre ambita. Meditate, gente, meditate.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui