Abbiamo perso la protesta…

2

Gaetano Di Meglio | Questa mattina, ancora una volta, invece di organizzarci come insegna, benissimo, Eduardo De Filippo in “L’Oro di Napoli” contro il “Duca Alfonso Maria di Sant’Agata dei Fornari”, stendiamo, ancora una volta, il red carpet a chi non si prende cura dei nostri problemi.

A lato abbiamo raccontato, per grandi linee, i grandi problemi che la premiata ditta De Magistris e Marrazzo non riescono a risolvere. Il Telese con 25 aule e 43 classi più il corso serale, il Liceo Ischia ancora diviso a metà tra Ischia e Lacco Ameno e, forse, a breve, al caldo dopo anni di freddo perché senza impianto di riscaldamento. E il tutto si celebrerà in quel mezzo liceo “apparato” alla meglio per renderlo “scuola”.

Il liceo di Lacco Ameno, ancora in spazi da mercato, poco agibili. Il Mattei rimesso a nuovo con i soldi del ministero e aggredito, di fatto, dal “Mennella” in questa folle corsa a copiare gli “indirizzi” degli altri.
Alberghiero e Mattei con il serale, Mattei e Mennella con l’indirizzo sportivo. Chissà se questa mattina sarà l’ora della verità o, invece, come quando De Magistris sfilò al Mattei, sarà solo passerella e belle parole. Questa volta in vista della prossima campagna elettorale regionale.

Purtroppo mancano le opposizioni, manca il movimento studentesco di protesta, manca la società civile che si indigna davanti a tanta indifferenza “ex provinciale”. Mancano i genitori del Liceo che stanno acquistando i plaid per portarli a scuola. Purtroppo abbiamo perso quell’orgoglio che ci aveva caratterizzato negli anni scorsi. Ci piace protestare con la puzza sotto al naso, al fianco dei nostri aguzzini (ora sindaco, ora sindaco metropolitano) ma senza dare troppo fastidio.
Ci piace lamentarci sul web, ma non mettere in imbarazzo pubblico chi si gira dall’altra parte, fa finta di non leggere e continua a fare il porco comodo suo.

E’ così per la sanità in generale. E’ così per il Rizzoli. E’ così per l’EAV Bus. E’ così per i trasporti marittimi. E’ così per i servizi poco efficienti che ci offrono i comuni. Certo, siamo più che coscienti che questi elencati sono problematiche regionali e non di diretta responsabilità della Città Metropolitana ma li abbiamo elencati perché la protesta che vorremmo è verso il disagio, verso il problema non risolto, verso chi non ci difende. E che sia De Magistris o De Luca, sinceramente, per noi non fa differenze! E neanche interessa! A noi, infatti, resta il problema.

E il bus fa tardi ha la stessa gravità della classe mancante così come se manca il medico o l’infermiere o l’OSS al Rizzoli. E i ragazzi del Liceo che stanno al freddo (quest’anno dopo anni si dovrebbero eseguire i lavori) fa arrabbiare al pari se la guardia medica turistica parte con mesi di ritardo per colpa dell’ASL.

2 Commenti

  1. Hai perfettamente ragione, in tutto e x tutto, ma oggi purtroppo protestare e’ molto difficile, chi ti scrive le bastonate,(ritorsioni), le ha addosso, o ti “accucci”. oppure diventi Don Chisciotte.

  2. L’alberghiero non ha aule e mette un nuovo indirizzo turistico? Per copiare il turistico di Forio e farlo chiudere? Complimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui