mercoledì, Gennaio 27, 2021

A ottobre frena il commercio estero, export -2,6%

In primo piano

Scoperto un traffico internazionale di “fumo”, arrestato un ventenne isolano. L’indagine è partita da Malaga in Spagna

L’organizzazione farebbe capo ad un gruppo di spagnoli che aveva ideato la consegna tramite una grossa ditta di corrieri. Oltre al giovane, T.T. di 20 anni, sono stati intercettati anche due compagni per i quali si è proceduto con la denuncia a piede libero. L’arrestato si è difeso spiegando che la sostanza proveniente dall’estero era acquistata per uso personale. I 300 grammi sequestrati non hanno convinto il pubblico ministero

Firme contro il Don. L’addolorata di Forio non si tocca!

Luciano Castaldi | Sono anni difficili, sicuramente interessanti. Ma nonostante tutto, nonostante la pandemia, le restrizioni, le privazioni di...

Casta & Demanio a Lacco Ameno: l’attacco alle concessioni di Sindaco, Assessori e fedelissimi elettori…

Fronte demaniale. L’ultimo attacco alle concessi illegittime e agli abusi politici: Lacco Ameno trema! L’opposizione di Domenico De Siano passa al setaccio i “lascia passare” di Giacomo Pascale
- Advertisement -
ROMA (ITALPRESS) – A ottobre 2020 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27 una diminuzione congiunturale per le esportazioni (-2,6%) e un incremento per le importazioni (+1,7%). Lo rileva l’Istat.
La flessione su base mensile dell’export interessa tutti i raggruppamenti principali di industrie ed è dovuta in particolare al calo delle vendite di beni intermedi (-6,1%) e beni di consumo non durevoli (-1,9%). Dal lato dell’import, aumentano gli acquisti di beni di consumo durevoli (+7,7%), beni strumentali (+5,2%) e beni intermedi (+2,5%), mentre diminuiscono quelli di energia (-2,7%) e beni di consumo non durevoli (-0,5%).
Nel trimestre agosto-ottobre2020, rispetto al precedente, l’export cresce del 16,1%; la crescita, diffusa a tutti i raggruppamenti, è più sostenuta per beni di consumo durevoli (+31,0%), beni strumentali (+21,4%) ed energia (+19,6%). Nello stesso periodo, l’import aumenta su base congiunturale del 10,9%, con gli incrementi maggiori per beni di consumo durevoli (+37,0%) e beni intermedi (+23,3%). In calo soltanto gli acquisti di beni di consumo non durevoli (-6,9%).
A ottobre 2020, l’export torna a registrare una flessione su base annua ampia (-10,0%, da +2,8% di settembre), cui contribuisce il forte calo delle vendite di energia (-47,6%), beni strumentali (-12,3%) e beni di consumo non durevoli (-10,0%). L’import segna una contrazione ancora marcata ma sostanzialmente stabile (-12.4%; era -12,3% a settembre), spiegata soprattutto dal forte calo degli acquisti di energia (-43,3%). Aumentano su base annua gli acquisti di beni intermedi (+11,4%).
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Covid & caos scuola: Lacco ko tra assembramenti e disagi

Ida Trofa | Uscita doppi turni preso la sede della Scuola Media V. Mennella alle ore 19,30, all’uscita dei...
- Advertisement -