fbpx

A Ischia il presepe di ghiaccio più grande d’Italia

Must Read

Un gigantesco presepe di ghiaccio, il più grande d’Italia, farà tappa per dieci giorni a Ischia, impreziosendo il cartellone natalizio “Ischia Ice & Light” inaugurato proprio in queste ore.  Dal 16 al 26 dicembre, allestito in un tir frigorifero che potrebbe essere posizionato a Ischia Ponte, nel piazzale aragonese, contribuendo ad ammantare di atmosfera natalizia il borgo di Celsa.


E si tratta di una creazione davvero da record: il presepe di ghiaccio itinerante porta la firma di un artista di Monte di Procida, che ha un laboratorio affermato a Bacoli, Amelio Mazzella.
Con il nipote e fido collaboratore Mimmo, Elio è attualmente in giro per lo Stivale.
E i numeri del suo presepe (non è stata ancora ufficializzato, nel cartellone ischitano) senza dubbio alimenteranno l’attesa della popolazione isolana, per una gustosa novità che andrà ad accompagnare le attrazioni già presenti sul nostro territorio.
Il presepe di ghiaccio viaggia su uno speciale tir frigorifero (dove la temperatura costante è tra i -3 e i -6 gradi centigradi) e compirà un percorso lungo 4 mila chilometri per tutta l’Italia. La tappa di Ischia è una delle più lunghe. Diciotto tonnellate di sculture, sedici pezzi più – particolare che non mancherà di monopolizzare l’attenzione di grandi e piccini – altre sette che verranno lavorate lungo la tourneé. Così, anche a Ischia Ponte dagli strumenti di Elio prenderanno forma altri pastori e piccole strutture, da affiancare a quelle già presenti sul tir, che è già in giro per l’Italia neanche fosse un laboratorio itinerante in grado di portare con sé l’atmosfera natalizia.
Per Mazzella, si tratta di una sfida decisamente singolare: da oltre vent’anni si occupa con la sua azienda bacolese di sculture in ghiaccio per celebrazioni, matrimoni ed eventi (ha anche partecipato alle Olimpiadi invernali con l’Associazione italiana scultori di ghiaccio): stavolta, ha voluto esagerare, coniugando la sua passione per l’insolita arte con il tradizionale amore tutto napoletano per il presepe.
Una novità che l’assessorato al Turismo del Comune di Ischia, con Giosué Mazzella e Luigi Di Vaia, ha colto al volo: la sfida logistica è appena partita, Ischia attende di meravigliarsi davanti alle sculture di ghiaccio che racconteranno un altro Natale.
p.r.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Giuseppe è grave, resta al “Rizzoli” perché nessun ospedale napoletano lo accoglie

Il ventinovenne ischitano soffre di un sarcoma e di una patologia che gli provoca trombi a ripetizione che hanno colpito soprattutto le gambe, che sono aumentate di volume in modo preoccupante, e i polmoni. I genitori hanno smosso mari e monti per trasferire il proprio figlio al “Pascale” o altro ospedale napoletano, ma hanno ricevuto solo porte in faccia e silenzi. Gli avvocati che li rappresentano hanno sferrato una serie di diffide e messe in mora al direttore generale del “Pascale” e informando il presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e il direttore generale nonché coordinatore sanitario Postiglione