10 minuti, attenzione ai biglietti. Tra Covid e qualità: la sfida ischitana

0

Gaetano Di Meglio | Tra i tanti avvisi delle nostre biglietterie ne spicca uno che ha attratto la nostra attenzione. “Avviso, ai sensi dell’ordinanza 18/2002 della Capitaneria di Porto di Ischia, l’emissione di biglietti potrà avvenire fino a 10 minuti prima della partenza e non oltre”.
E’ questa la norma, datata 2002, che oggi potrebbe permetterci di fare un salto avanti nella qualità dei nostri trasporti marittimi. Un piccolo granello, nella landa desolata e di disservizio generalizzato che potrebbe iniziare a qualificare il servizio.

Una norma, questa del blocco dell’emissione dei biglietti fino a 10 prima della partenza, datata 2002 che merita di essere fatta rispettare e di essere rispettata. Il silenzio delle istituzioni, sindaco in primis, è inutile dirlo, è grave in questo frangente molto particolare per la nostra vita.

Viviamo un nuovo tempo, impariamo nuove regole e riprendere a rispettare quelle che, invece, abbiamo disatteso da oltre 17 anni, dovrebbe essere una necessità per tutti.
E i sindaci, al netto di Capitaneria e armatori, dovrebbero essere protagonisti anche di questa. Non possiamo lasciare la gestione di un settore così delicato per la nostra isola e la nostra impresa nelle mani di militari e naviganti.
Così come non possiamo lasciare la battaglia per i diritti delle isole a chi è pronto a venderci al primo consigliere regionale di comodo.

Le richieste di chi non sa… Meglio stare zitti
Ne sentivate la mancanza? Assolutamente no! Con somma sorpresa, all’improvviso, riecco il famoso “comitato sui trasporti” di Salvatore Sodano e company che ritorna in “banchina” con una nota inviata alla Regione Campania e all’inutile presidente di Commissione Cascone con una nota dai toni a dir poco ridicola.
«Egr. Sig. Presidente – scrive il portavoce del comitato -, con la presente vogliamo sottoporle alcune richieste in merito alla mobilità marittima, che crediamo necessarie in seguito agli eventi del covid-19. Come noto, nelle ultime settimane si sono verificate delle situazioni di disagio nei collegamenti da/per l’isola, dovute al numero limitato di corse disponibile e ad alcune criticità organizzative. Anche a seguito di un incontro con il Comandante A. Meloni della Capitaneria di porto di Ischia, abbiamo appreso quali misure di prevenzione e controllo debbano essere poste in essere nei porti e a bordo delle unità di linea sulla base delle linee guida adottate dalla Regione Campania con le recenti ordinanze relative all’emergenza epidemiologica Covid. In merito pertanto vogliamo segnalarle: Mancano nelle biglietterie distributori per gel igienizzanti”. La stazione marittima di Palazzo D’Ambra, così come il pontile 2 a Ischia (Casamicciola ha le sue particolari problematiche logistiche ben diverse) sono di gestione del comune di Ischia e non della regione. Sodano scrive ma a che titolo e a chi? Che figure.

Ma continuiamo. «Crediamo sia necessario in questo delicato momento garantire la bigliettazione elettronica per tutti, dato che ai residenti non è ancora consentito effettuarla; questo eviterebbe ulteriori assembramenti presso le biglietterie. Inoltre per chi oggi può effettuarla, la bigliettazione elettronica, si rende necessario comunque il passaggio in biglietteria per ritirare il titolo di imbarco. Basterebbe dotare le compagnie di un ormai comunissimo sistema di controllo tramite codice QR (per esempio), direttamente all’imbarco.»
Ovviamente è inutile sottolineare che sia Alilauro sia Snav, per gli aliscafi e MedMar per i traghetti, già consente la bigliettazione on line! Il resto, da libro dei sogni e, magari, a carico degli armatori sono le altre richieste di Sodano. La battaglia dei trasporti marittimi sull’isola è così seria che non possiamo più permetterci queste figure. Forse la letterina, concordata con Cascone, serviva per riattivare la figura dello scomparso presidente di commissione in vista della prossima campagna elettorale? Invece di fare la lotta per i trasporti, facciamo i porta borse per i consigliere regionali che non servono, ci girano le spalle e se ne fregano delle nostre esigenze? Non ve lo permetteremo! Non vi permetteremo di venderci al Cascone di turno! «Inoltre – continua il “comitato” – per scoraggiare eventuali “furbetti” non residenti, che potrebbero approfittare delle agevolazioni per i residenti, sarebbe opportuno effettuare dei controlli a bordo, come su treni e autobus, sanzionando i trasgressori.

Mancano sui porti di Ischia, Casamicciola e Pozzuoli installazioni di coperture per la creazione di aree di ombreggiamento, utili per la sosta dei passeggeri nelle aree indicate, che dato il caldo imminente sarebbe opportuno installare al più presto. Per tutte le altre disposizioni di percorsi e distanziamento, ci rimettiamo al lavoro meticoloso che stanno svolgendo gli organi competenti (Comune, Forze di Polizia, Protezione Civile, Polizia Municipale, Capitaneria). Resta infine irrisolto il pagamento della prenotazione per i residenti.»
Fino ad oggi ve ne siete fregati di tutti noi, non vi permetteremo di fare altro!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui