Società

Valorizzare il territorio: 20 ragazzi per il Servizio Civile a Forio

Valorizzare le risorse del territorio attraverso attività e iniziative che passano, inevitabilmente, per il coinvolgimento dei giovani. Un obiettivo importante e particolare che il comune di Forio, in linea con le iniziative nazionali condivise anche da altri enti, sta raggiungendo anche grazie all’adesione ai progetti promossi dal “Servizio Civile Nazionale”.

I giovani volontari impegnati in questo anno nelle attività territoriali sono ben 20 e sono divisi in due grandi progetti: “Borghi da scoprire” e “Nonno sapiens”.

Questi i nomi dei ragazzi che vivranno un anno da volontari presso il Comune di Forio. Partiamo dal progetto “Borghi da Scoprire”: Maria di Massa, Valeria Polito, Sonia Morgera, Elisabetta Maschio, Loreta Zacchia, Paola Russo, Leonardo D’Abundo, Eleonora D’Abundo, Jessica De Siano, Caterina Scotti, Rebecca Di Scala.

Il progetto “Nonno sapiens”, invece, vede come protagonisti: Felicia Castagliuolo, Ada Lucani, Alessandra Caruso, Ilaria Castagliuolo, Luca Morgera, Valentina Calise, Marina Verde, Antonietta Impagliazzo.

I volontari, che hanno iniziato pochi giorni fa la loro esperienza, sono anche responsabili dell’InfoPoint che si trova sul lungomare di Forio e che, anche grazie alle progettualità nelle quali sono inseriti, è aperto dal lunedì alla domenica, dalle ore 08.00 alle ore 20.00 (escluso, al momento, il martedì e il giovedì pomeriggio).

Saranno tanti i progetti che vedranno i ragazzi protagonisti, tante le opportunità da cogliere e sviluppare per una valorizzazione delle risorse,indubbie, del territorio non solo foriano ma anche isolano, e divulgazione delle stesse continuando a migliorare l’offerta turistica e sociale del territorio.

I PROGETTI

L’obiettivo generale del progetto è, oltre favorire la formazione civica, sociale, culturale e professionale dei volontari, quello di promuovere i beni culturali ricadenti nei centri storici minori interessati, rendendo tali risorse forza viva nei territori coinvolti. Tra le attività collegate vi sono la promozione, rivolta alla collettività, di una nuova coscienza ambientale capace di valorizzare in modo armonico i beni culturali individuati, il tutto attraverso azioni di animazione culturale,organizzazione e partecipazione ad eventi di valorizzazione gestione di sportelli informativi, ma anche attraverso la catalogazione/aggiornamento schede relative ai beni culturali, sviluppo di ricerche sui beni, creazione di itinerari di visita, creazione e diffusione di contenuti digitali.

Ogni attività è volta ad ampliare la quantità e la qualità delle conoscenze e delle informazioni relative ai beni culturali ricadenti nei territori interessati dal progetto.

Infine, gli obiettivi istituzionali del progetto sono volto a favorire la creazione di una rete, tanto tra le sedi di progetto che a livello locale, facilitando la partecipazione e lo scambio con anche lo sviluppo della rete di progetto e delle reti locali, sostenendo l’inclusione dei giovani e la cittadinanza attiva, sensibilizzando la comunità, dando visibilità al progetto e facendone conoscere i risultati ottenuti.

IL SERVIZIO CIVILE

Il Servizio Civile Nazionale opera nel rispetto dei principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’ utilità sociale nei servizi resi, anche a vantaggio di un potenziamento dell’occupazione giovanile. Le aree di intervento del Servizio Civile Nazionale sono riconducibili ai settori di: ambiente, assistenza, educazione e promozione culturale, patrimonio artistico e culturale, protezione civile, servizio civile all’estero.

Add Comment

Click here to post a comment