class="post-template-default single single-post postid-165590 single-format-standard elementor-default">
primopiano

UTC Gate a Lacco Ameno: rimosso Domenico Patalano

 

IDA TROFA | C’è permesso a costruire e permesso a costruire. C’è pratica e pratica da imbastire. E cosi anche il geometra Domenico Patalano finisce nelle spire del mobbing governativo. Anche lui messo in “punizione”. Dopo essere stato relegato in una stanzetta, ora, con atto di giunta, dovrà assistere solo il commissario Liquidatore Gianfranco D’Angelo, lontano dall’Ufficio Tecnico, e spulciando atti e documenti.
Il Geometra dell’UTC, evidentemente mostratosi poco malleabile con qualche SCIA spacciata per DIA o ancora con qualche permesso a costruire per i procedimenti di Giacomo Pascale è stato esiliato e rimosso dal suo ruolo di responsabile di procedimento.
La Giunta della Regione Campania ha stabilito che i Comuni della Campania “devono garantire in prevista attività di differenziazione tra attività di tutela paesaggistica ed esercizio delle funzioni amministrative di tipo urbanistica-edilizia”. Con Decreto Sindacale del 2015 a Lacco Ameno erano state attribuite tali funzioni “all’istruttore tecnico dell’U.T.C. – geom. Domenico Patalano – le funzioni autorizzatorie in materia di paesaggio, nonché tutte le funzioni inerenti in materia di Paesaggio disciplinate dalla normativa nazionale e regionale. Sin ‘ora è stato Patalano a valutare le istanze intese ad ottenere, fra l’altro, il rilascio di Autorizzazione Paesaggistica.
D’ora in avanti invece, nessun atto, eccetto pratiche di poco conto dovrà passare sotto le sue mani e sopratutto alla sua vista.
Perchè, cosa c’è da nascondere?
Il nuovo sistema dei permessi a costruire avvallati dagli amici della Soprintendenza di Napoli?
Da un lato il governo lacchese sostiene di non avere uomini, mezzi ed aiutanti, affannandosi per ampliare la pianta organica e poi può permettersi il lusso, di tenere a spasso un lavoratore. Incredibile! Dopo Oscar Rumolo ancora un dipendete pagato, stipendiato per non far nulla? Perchè? Forse il suo essere ligio oltre modo non va incontro ai gusti e alle forzature amministrative?
Secondo i ben informati Patalano non avrebbe gradito il nuovo metodo di evitare le DIA per i lavori presso note strutture ricettive ed imprenditoriali dei soliti potenti lacchesi. Per loro ci si limita alla SCIA presentata e depositata agli atti senza ulteriori controlli. Le lasciano la abbandonate e non le pensano più.
Messo in punizione, lontano dagli atti al chiuso di una stanza infondo al Municpio. Sarà forse stato ideato un nuovo metodo di manipolazione dei lavoratori?
Patalano è noto per il San Montano Gate. Ovvero il tentativo da lui bloccato di far passare un permesso a costruire per il noto hotel politico su pratiche sulle pratiche sequestrate dai Carabinieri. Segui l’out out dei tecnici comunali ed il nuovo rimpallo di competenze. Il San Montano Gate, la saga politico familiare, prosegue. Il Geometra Domenico Patalano si dichiara impossibilitato ad istruire la pratica per il rilascio del relativo parere dopo aver eseguito le operazioni di Polizia Giudiziaria dando la pratica al Capo UTC.
C’è comunque molto altro. Ci sono sanzioni pecuniarie per giustificare autorizzazioni false, ci sono gli interventi degli architetti di Casamicciola, ci sono autorizzazioni paesaggistiche ad alcuni sodali della politica locale che richiamano i pareri della Soprintendenza ma non recano l’istruttoria di Domenico Patalano. Un’ onta da lavare con l’allontanamento ?

ATTI SEQUESTRATI, LA POLITICA CI PROVA LO STESSO
Con verbale del 21.07.2015, il Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Ischia, agli ordini del Capitano Andrea Centrella, ha sequestrato l’intero fascicolo edilizio relativo alla Denunzia Inizio Attività prot. n° 5811 del 24.05. 201 3 in esecuzione dell’Ordine di esibizione di atti e documenti emesso in data 20.07.2015 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Sost. Pro. Dr. Ugo Miraglia del Giudice – nell’ambito del procedi-mento penale n° 11531/2014 R.G. notizie di reato.
Al centro di un vero e proprio intrigo,si tratta della richiesta di permesso a costruire in sanatoria, con accertamento di conformità urbanistica e l’accertamento di compatibilità paesaggistica, inviata da Lucia Castagna, legale rappresentante dell’Albergo San Montano srl e zia dei quotati politici imprenditori, i De Siano.
Quello che apparentemente sembrava il recupero del vecchio San Montano si è dimostrata poi nei fatti una pratica già attenzionata dalla Magistratura.
Ebbene al Prot n. 13017 un riluttante e solo geometra svela l’arcano del sempre più intricato San Montano Gate.
Patalano ora, dopo quella stigmatizzazione dai contenuti gravissimi, conferma la sua posizione mettendo agli atti una nota in cui si dichiara impossibilitato ad istruire la pratica per il parere paesistico sul San Montano avendo effettuato i controlli e le pratiche come autorità di PG. La palla passa a Nicola Regine.

PERMESSI PRO
Ma non è solo politica-famiglia- imprese e senatori. Ci sono anche in relazione ad alcuni clienti dello studio Tecnico Pascale e alcuni “prolochini” in odore di amicizie politiche.
A questi ultimi Patalano non ha reso il suo parere dichiarandosi impossibilitato ad istruire la “Pratica”. Il governo locale fa finta di niente e concede il permesso a costruire su di un rudere dichiarato baraccale, richiamando il solo parere della Soprintendenza senza fare riferimento nè a Patalano nè alla commissione edilizia.
Questa è stata l’ultima goccia che ha fatto spostare il Geometra Patalano?
Come sempre a Lacco Ameno tutto si può, il lecito e sopratutto l’illecito!

www.ildispari.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top