primopiano

Tavolati a Casamicciola, ecco il bando. C’è anche l’ex piazzola Topless

Protocolli scritti a mano: parte cosi la stagione 2018 dei tavolati. Al 11156 e 11157 il bando di prequalificazione per le aree attrezzate e il giardinetto dei lotti B1 e B2 e le tensostrutture del lotto F2. La scadenza del bando è alle ore 12.00 del 14 luglio.

La prequalificazione avviata dall’architetto Agnese Cianciarelli dovrebbe portare, in primis, alla selezione dei soggetti interessati ad una procedura ristretta per l’affidamento di un servizio di gestione area attrezzata per posa tensostrutture e lettini su pedane, ai sensi dell’art. 45 bis c.n all’interno della concessione, nonché per l’affidamento della gestione di un chiosco bar all’ottenimento delle autorizzazioni di legge a carattere semestrale in caso ed annuale nell’altro, seppure per entrambi di una durata di tre anni. Siamo al lotto F2 e con la medesima procedura al lotto B1 e B2 per l’affidamento dell’area demaniale marittima da attrezzare con panchine fioriere, giochi per bambini e siepi e chiosco bar. Con soli dieci giorni a disposizione per partecipare. E’ evidente come tutto, soprattutto l’esito della selezione, sia già scritto.

Tutto alla luce del nuovo regolamento di gestione del demanio marittimo e il Piano di utilizzo della costa approvato in data 27 aprile 2017 con atto n.7 dal civico consesso con quale sono stati individuati i lotti per la realizzazione e gestione di opere sul demanio marittimo; ed in particolare l’art 42 con il quale si è previsto che con delibera di giunta il comune, in relazione a quanto previsto nelle singole tavole, potrà attivare prioritariamente forme di utilizzo per aree/specchi acquei concedibili che garantiscano un previo diretto affidamento in capo all’ente pubblico funzionale alle sole modalità di inizializzazione delle aree e alla garanzia di apprestamenti che valorizzino la destinazione ad interessi pubblici prioritari, tra cui una gestione che assicuri ulteriori forme di finanziamento alle entrate comunali; nonché modalità di gestione che tengano conto di parametri prefigurati e di pubblico interesse. Il pubblico interesse sarà ovviamente sostituito alla voce : “voto”. In tali ipotesi la successiva scelta degli affidatari del servizio nell’ambito del bene in concessione avverrà attraverso una procedura di evidenza pubblica.

 

DATEGLI UNA “B”: TENSOSTRUTTURE E LETTINI

Con atti del competente settore sono state rilasciate al Sindaco quale legale rappresentante del Comune le concessioni demaniali marittime n° 01 del 02/07/2018 per il Modulo “B5” e n° 02 del 02/07/2018 per il Modulo “B1” previsti dal Regolamento di zonizzazione della costa. All’interno delle concessioni si intende ora affidare a terzi, con sistema detto di evidenza pubblica, la gestione del servizio di posa tensostrutture e lettini, nonché per il posizionamento di un eventuale gruppo di infrastrutture turistiche e chiosco bar, fermo restando il carattere pubblico delle concessioni, rispettando, nella realizzazione delle strutture, le prescrizione di cui all’Autorizzazione Paesaggistica n° 02 del 10 aprile 2018.

Il bando di prequalificazione allo scopo precipuo di addivenire al rilascio di un titolo abilitativo all’esercizio del predetto servizio, per un periodo di tempo triennale e cioè dal 1 Gennaio 2018 al 31 dicembre 2020, data di scadenza della concessione vigente, eventualmente prorogabile di tre anni nella ipotesi in cui la concessione comunale dovesse essere rinnovata.

Per l’espletamento del servizio, stimato sotto soglia di rilievo comunitaria sulla base del canone applicato per la gestione area attrezzata  per una durata stagionale di 6 mesi salva l’applicazione per le strutture di un periodo più breve in relazione alle prescrizioni del DPR n.31/2017 e per un periodo complessivo di tre anni ovvero, per il primo anno, dal 1 maggio fino al 31 ottobre 2018/2019/2020 .Il periodo di durata è eventualmente rinnovabile per un periodo triennale nella ipotesi in cui il comune  dovesse rinnovare la concessione demaniale. In concessione anche il Modulo “B5” per una durata stagionale. La tariffa posta a base per l’affidamento del servizio è di 0.06654 moltiplicato per i metri quadri ed i giorni di affidamento (periodo stagionale, limitato ad un periodo di sei mesi annui) salvo l’anno in corso, anno 2018, la cui tariffa è pari ad 0.06654 x 92 x i metri quadri .

 

 

F2: PANCHINE FIORIERE ED AREE ATTREZZATE

Anche il modulo F2 e le sue fioriere sarà affidato sulla base del canone applicato di circa 7mila euro. Si tratta della gestione di una area attrezzata per posa tensostrutture e lettini su Pedane, nonché per l’affidamento della gestione dell’area demaniale marittima da attrezzare con panchine fioriere giochi per bambini e siepi e bancone bar, fermo restando il carattere pubblico della concessione e all’ottenimento delle autorizzazioni di legge. Il  Modulo “F2” del vecchio PUC sarà concesso per una durata stagionale di sei mesi  e conformemente ai titoli paesaggistici già rilasciati all’amministrazione comunale e salva l’applicazione per le strutture di un periodo più breve in relazione alle prescrizioni del DPR n. 31/2017 e per un periodo complessivo di tre anni, ovvero, per il primo anno, dal agosto fino al 31 ottobre per gli anni 2019/2020 dal 1 Aprile al 31 ottobre. Il periodo di durata è eventualmente rinnovabile per un periodo triennale nella ipotesi in cui il comune dovesse rinnovare la concessione demaniale.

La Tariffa posta a base per l’affidamento del servizio è di 7.039,99 annui (periodo stagionale, limitato ad un periodo di sei mesi annui) salvo l’anno in corso la cui tariffa per il solo anno 2018 è pari ad 3.026,00; per i successivi anni 2019 e 2020 sarà pari ad 7.039,99 annui. La procedura di scelta del contraente si svolge mediante l’avviso pubblico e prevede la preselezione e successivamente la lettera d’invito per la procedura negoziata. Nella preselezione si verifica il possesso e regolarità dei requisiti minimi di partecipazione di carattere generale, professionale, economico-finanziario e tecnico-organizzativo.

La fase di gara successiva tra gli Operatori economici idoneamente qualificati avverrà con le seguenti modalità. L’amministrazione procederà alle fasi successive anche se, al termine della procedura, vi sia in presenza anche di un solo Operatore Economico per ogni lotto, purché l’offerta risulti congrua e conveniente. L’Amministrazione a suo insindacabile giudizio può sia non effettuare o sospendere la procedura, che ritirarla, revocarla o annullarla. I soggetti, che avranno presentato domanda conformemente agli articoli precedenti – ed in possesso dei requisiti generali previsti – saranno invitati, nei termini di legge, a fase negoziale, con assegnazione del servizio al concorrente in base all’offerta economicamente più vantaggiosa.

 

I VECCHI CONCESSIONARI: LE PROMESSE E I REQUISITI

In sede di gara saranno assegnati dalla Commissione prioritariamente i punteggi relativi all’offerta tecnica presentata, e successivamente verificate le offerte economiche. Nel caso che un concorrente nell’assegnazione del punteggio tecnico non raggiunge un minimo di punti 35, sarà escluso dal prosieguo. In caso di parità complessiva di punteggio, al termine del procedimento, si procederà con sorteggio. Si procederà anche in caso di una unica offerta con l’aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Paradossalmente le condizioni cosi restrittive di partecipazione al bando, la necessità di possedere taluni requisiti di carattere istituzionale nei rapporti con la pubblica amministrazione fanno sì che i vecchi concessionari, tra vecchie promesse, attese e requisiti, partano in condizioni svantaggiate causa abusi e giudizi in corso ed in gran part causa pendenze con l’erario comunale. Ma Casamicciola si sa, occorrono ben altri requisiti per ottenere l’affidamento degli ambiti tavolati da decenni in cerca di una regolamentazione mai ottenuta e di posizioni mai sanate.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • spero tanto che questi bandi vadano deserti cioè che nessuno presenti offerte in quanto un privato investe soldi ma soldi veri e poi deve essere anche rotto la minchia dalla magistratura controlli della capitaneria di porto manco se fosse un criminale. Ma andate a quel paese perché in altri paesi a gente che vogliono investire gli mettono il tappeto rosso per terra.