Società

Settembre ai Giardini Ravino

Un mese all’insegna della cultura questo settembre, ai Giardini Ravino! Un’offerta quanto mai ricca e varia, nella quale arte, umanesimo e umanitarismo s’incontrano con la scienza: una mostra fotografica sull’emergenza dei profughi, tre conferenze scientifiche (ma non solo) e una Summer School di filosofia sul tema delle “Morfologie. Teorie della forma in filosofia, nelle scienze, nelle arti”, in collaborazione con l’Università “Federico II” di Napoli, il Dipartimento di Studi Umanistici, l’Associazione NapoliFilosofica e il Circolo Sadoul.

–        Da sabato 8 a domenica 30 settembre, per la campagna #UMANI di Medici Senza Frontiere, l’organizzazione umanitaria internazionale Premio Nobel per la Pace 1999, mostra fotografica di Bruno Fert “Percorsi interiori”, in cui il fotoreporter francese ha deciso di raccontare le storie delle popolazioni in fuga da guerre e povertà, mostrando l’umanità dei loro volti e i ripari di fortuna in cui sono costretti a vivere in Grecia e in Francia.  
–        Mercoledì 19 settembre, alle ore 17,30, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia e il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura), ci sarà il secondo appuntamento al Bar della Scienza presso il Cactus Lounge Café dei Giardini Ravino: Terremoti, Vulcani, Nuvole e… biodiversità: l’alternativa possibile, conferenza di Anna Benedetti del CREA [http://www.terremoti-vulcani-nuvole.it/] 
–        Giovedì 20 Settembre, alle 17.00, avrà luogo la prima sessione seminariale dell’Ischia Summer School of Umanities, con Giuseppe D’Anna, dell’Università Cattolica di Milano, che tratterà La metamorfosi del “vedere” in Spinoza. Dall’uomo che immagina all’uomo saggio. Questa sessione è aperta al pubblico e, per l’occasione, i Giardini Ravino consentiranno anche l’ingresso per una visita libera gratuita del parco botanico a tutti i residenti isolani, a partire dalle 16.30. 
–        Venerdì 21 Settembre, alle 10.00, avrà luogo la seconda sessione seminariale dell’Ischia Summer School of Umanities, con Gianluca Garelli, dell’Università di Firenze, che tratterà Il sacrificio del discorso. Sulla metamorfosi della bildung. 
–        Alle 15.00, avrà luogo la terza sessione seminariale dell’Ischia Summer School of Umanities, con Dario Giugliano, dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli, Sul mitogramma.
–        Alle 17.30, la quarta sessione seminariale, con Renato Troncon,  dell’Università di Trento (Titolo da annunciare)
–        Sempre venerdì 21 settembre, alle ore 17,30, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia e il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura), ci sarà il terzo appuntamento al Bar della Scienza presso il Cactus Lounge Café dei Giardini Ravino: Terremoti, Vulcani, Nuvole e… musica: per musicam ad astra, conferenza di Luciano Garramone dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) [http://www.terremoti-vulcani-nuvole.it/] –        Sabato 22 settembre, alle ore 11.00, quinta sessione seminariale dell’Ischia Summer School of Umanities, con Riccardo De Biase dell’Università “Federico II” di Napoli (Titolo da annunciare), tratterà delle Dismorfie della coscienza simbolica. 
–        Alle ore 18.30, la sesta sessione seminariale, con Riccardo Falcinelli, dell’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Roma (Titolo da annunciare) 
–        Domenica 23 Settembre, alle ore 10.00, la settima sessione seminariale dell’Ischia Summer School of Umanities, con Felice Masi, dell’Università “Federico II” di Napoli, (titolo da annunciare) 
–        Venerdì 28 settembre, alle ore 17,30, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia e il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura), ci sarà il quarto appuntamento al Bar della Scienza presso il Cactus Lounge Café dei Giardini Ravino: Terremoti, Vulcani, Nuvole e…mare: biodiversità e cambiamento climatico, conferenza diMaria Cristina Gambi, della Stazione Zoologica “Anton Dohrn”; per l’occasione il cantante Romolo Bianco eseguirà dal vivo “Lu guarracino”, una tarantella settecentesca sulla biodiversità del Golfo di Napoli, che elenca tutte le specie marine che lo abitavano allora  [http://www.terremoti-vulcani-nuvole.it/]  

Add Comment

Click here to post a comment