Sport

Rinascita Ischia Isolaverde, Taglialatela Presidente e Bilardi DT: forte l’impronta ischitana

PROMOZIONE – Il neonato club gialloblu prosegue la sua organizzazione interna

Dopo un primo comunicato un po’ frettoloso, la Rinascita Ischia Isolaverde – il club ischitano nato grazie all’acquisizione del titolo della Sangennarese – rende nota grossa parte del suo organigramma, aggiornando alcune cariche che nelle ultime ore avevano subito delle defezioni e/o rinunce. Infatti, come avevamo annunciato qualche giorno fa, l’ingegnere Franco Fermo e Leonardo Sasso non avevano accettato le cariche che gli erano state rispettivamente proposte (e poi subito) ufficializzate, che erano quelle di Presidente ed Addetto alla Comunicazione del club. Fermo, comunque, non ha rinunciato a dare il suo supporto economico al progetto gialloblu, a cui si aggiungono anche altri.
Comunque, quasi al termine di una giornata di Ferragosto che deve essere stata di alacre lavoro per un po’ tutti i protagonisti del nuovo sodalizi isolano, è stato partorita una nuova nota ufficiale, dal nuovo Capo Ufficio Stampa del club, ovvero Luigi Iannucci, nella quale è stata rivelata buona parte del nuovo organico societario. Ecco il comunicato: “Ischia, 15 agosto 2017 – Si comunicano le cariche societarie e tecniche ufficiali per la stagione calcistica 2017/2018: Presidente: Pino Taglialatela; Vice Presidente: Giovan Giuseppe Sorrentino; Vice Presidente: Nunzio Iaccarino; Consiglieri: Federico de Angelis, Giuseppe Manzi, Fausto Cigliano, Antonio de Luca, Antonio Ciro Curci, Gianluca Calise, Pierfrancesco di Meglio, Aldo Marena; Direttore Generale: Isidoro Di Meglio; Direttore Tecnico: Ciro Bilardi; Tesoriere: Maurizio Pinto; Capo Ufficio Stampa: Luigi Iannucci. Nei prossimi giorni saranno comunicati gli altri nominativi che andranno a completare e rafforzare la struttura societaria e tecnica per la prossima stagione calcistica”.
Ovviamente salta subito agli occhi che la presidenza sia stata affidata a Pino Taglialatela, già nominato vice presidente (nonché Responsabile dell’Area Tecnica) appena dopo essere entrato in contatto con la parte che ha dato i natali alla società, di cui ha voluto diventare socio fondatore. Però, anche le cariche che sono appena sotto l’ex portiere di Napoli e Fiorentina la dicono lunga su come si sia organizzato il club finora. Infatti, sia i vicepresidenti (due) che i consiglieri (otto) sono divisi equamente fra la parte della tifoseria organizzata e quella riconducibile al gruppo “Amici Sportivi del Rispoli”, ovvero le due anime che hanno concorso alla creazione della nuova associazione.
Confermato i ruoli di Direttore Generale per Isidoro Di Meglio (Direttore dell’Aragona Palace, da non confondere con il cugino allenatore) e di Tesoriere – che avevamo anticipato nei giorni scorsi – per Maurizio Pinto. Per quanto riguarda la panchina, invece, Ciro Bilardi ha ottenuto il ruolo di Direttore Tecnico, quindi dovrebbe svolgere una mansione che in pratica andrà a comprendere quella di Direttore Sportivo ed allenatore. Nell’espletare il secondo ruolo sarà coadiuvato in panchina e nelle attività settimanali da Massimo Fontanella. Inoltre, l’allenatore dei portieri, figura che non è stata ancora resa pubblica, dovrebbe essere (restare) Michele Migliaccio, mentre il tecnico della squadra Juniores dovrebbe diventare Massimo Buonocore.
“Non mi piacciono i titoloni, è tempo ora di dimostrare e sono qui per aiutare i tifosi nel loro progetto. Di marcio c’è ne è già stato tanto. Chi deciderà di far parte della nostra società lo farà gratis ed esclusivamente per amore della maglia”, queste le prime parole del neo presidente del sodalizio gialloblu, che oltre ad i suoi trascorsi da giovane calciatore, è stato anche presidente dell’Ischia Isolaverde fra il luglio e l’ottobre del 2014, quando la squadra era ancora in Lega Pro, prima di lasciare il ruolo (dimettendosi) per tornare a quello di preparatore dei portieri.

Add Comment

Click here to post a comment