Sport

Rinascita Ischia Isolaverde, chiarisci perché il titolo acquisito non è di Prima Categoria

Intanto la “dirigenza gialloblu” incontra Pino Taglialatela, Pinto sarà tesoriere. La Sangennarese non ha presentato l’iscrizione al campionato di Promozione 2017/18 ma ha fatto richiesta di partecipazione a quello di Prima Categoria. La squadra vesuviana non è nemmeno stata inserita nei gironi di Coppa Italia, manifestazione che inizierà nel primo week end di settembre. Però, prima di svolgere gli ultimi passaggi burocratici relativi all’acquisizione del titolo, i soci isolani pare abbiano fatto un passaggio per la segreteria del Comitato Regionale, da cui avrebbero ricevuto ampie rassicurazioni sul fatto che la squadra giocherà nel prossimo campionato di Promozione

 

“Campionato di Promozione 2017/18: L’organico delle aventi diritto era composto da 64=sessantaquattro società, come dall’organico allegato al Comunicato Ufficiale n. 1 del 1° luglio 2017; un posto determinato dalla società Artemisium per omesso deposito del versamento e della documentazione, relativi all’iscrizione al Campionato Regionale di Promozione 2017/2018; le società Cicciano Calcio, Felice Scandone, Sangennarese e Sporting Accadia hanno fatto richiesta di iscrizione al Campionato di Prima Categoria; un posto conseguente alla riammissione della società Virtus Volla al Campionato di Eccellenza 2017/2018; conseguentemente, risultano vacanti in organico n. 6 (sei) posti”. Questo è uno stralcio dell’ultimo comunicato ufficiale, il numero 12 del 4 agosto 2107, emesso dal Comitato Regionale Campania, ed in cui – apparentemente oltre ogni ragionevole dubbio – si decreta che la Sangennarese fatto richiesta di iscrizione al Campionato di Prima Categoria. Fino alla data della nota federale (ed anche un po’ dopo…), a nessuno – se non alle società che avevano presentato la domanda di ripescaggio e quindi al Mondo Sport – hanno interessato veramente i nomi delle società che, per un motivo o per un altro, non avrebbero partecipato al campionato di Promozione 2017/18. Ora, invece, le cose sono cambiate. Precisamente, la situazione nello specifico della Sangennarese, è diventata di stretta attualità ischitana da quando il suo titolo è stato acquisito – dopo un viaggio fatto il terra ferma dal prof Gaetano Scibelli ed Aldo Marena – dal gruppo “Rinascita Ischia Isolaverde”, che tiene insieme i tifosi organizzati ex Ischia, gli “Amici Sportivi del Rispoli” ed altri semplici appassionati. Gli stessi, sono tutti fermamente convinti di aver acquisito il titolo di una squadra che ha intatti tutti i diritti di partecipare al prossimo campionato di Promozione, benché il Comitato Regionale asserisca il contrario. In più, la Sangennarese non è stata nemmeno inserita nei gironi di Coppa Italia Dilettanti, manifestazione che inizierà nel primo week end di settembre, alla quale parteciperanno sicuramente Barano, Real Forio, Procida (Florigium) e Mondo Sport. Difficile provare a vederci più chiaro in questa situazione. Nessuno riesce a spiegare perché, un Comitato Regionale che è in ferie ormai da una settimana, dovrebbe autorizzare la partecipazione di una squadra ad un campionato benché abbia fatto espressa richiesta di partecipare ad un altro. Ed è oltremodo difficile anche per noi farlo, tanto è vero che ci rimettiamo quasi esclusivamente alle carte federali che, bontà del Commissario Cosimo Sibilia, non mentono. Sta di fatto che, se la Sangennarese ha fatto richiesta di iscrizione al campionato di Prima Categoria, da qualche parte, su qualche scrivania o già in qualche faldone dell’Ente federale debba esserci una lettera nella quale la dirigenza di San Gennaro Vesuviano, che giovedì mattina ha ceduto la società nelle mani ischitane per 7000 euro, rinunciava a partecipare al campionato per cui aveva titolo, ovvero la Promozione. Comunque, per quanto ne siamo venuti a sapere, prima di svolgere gli ultimi passaggi burocratici relativi all’acquisizione del titolo, i soci isolani pare abbiano fatto un passaggio per la segreteria del Comitato Regionale, da cui avrebbero ricevuto ampie rassicurazioni sul fatto che la squadra giocherà nel prossimo campionato di Promozione. Evidentemente, quindi, in questo passaggio del quale ovviamente non conosciamo il reale contenuto se non gli esiti finali, risiede tutta la convinzione ischitana sulla prossima partecipazione della squadra al campionato di Promozione.  Infatti, la mattina del 22 agosto la Rinascita Ischia Isolaverde ha appuntamento in Federazione per chiudere ogni discorso relativo alla iscrizione al torneo 2017/18 (ultimazione dei pagamenti, presentazione dei documenti che attestano la creazione della Asd con relativo organigramma, autorizzazione comunale per usufruire di una struttura dove disputare le partite, ecc). Il tutto, però, andrebbe sempre a cozzare con l’organico del campionato già ufficializzato dal Comitato Regionale ad inizio mese. Comunque, un escamotage “regolamentare” ci sarebbe: basta che una della 64 squadre attualmente iscritte alla Promozione rinunci a disputare il campionato e che il Comitato Regionale decida di non attingere dalla graduatoria dei ripescaggi per adeguare il numero. Difficile? Può darsi, ma – forse – non conosciamo davvero tutta la storia. La Rinascita Ischia Isolaverde, comunque, dovrebbe e potrebbe evitare di procedere in questi delicati giorni avendo sul groppone questa spada di Damocle, che evidentemente non comprometterà il suo cammino futuro, ma che comunque attira dubbi sull’unica cosa che conta oggi per i nuovi associati, la credibilità. Insomma, dopo la sbornia dovuta all’acquisizione del titolo ed alla manifestazione del polifunzionale, urge un chiarimento, al di la di ogni ragionevole dubbio.

IL GIRONE DI PROMOZIONE – Solo in maniera empirica, abbiamo provato ad ipotizzare quale possa essere il prossimo girone B di Promozione (quello, per intenderci, della Provincia di Napoli). Sedici, come da programma, le società che ne faranno parte e – ad oggi – non c’è la Sangennarese. Ecco le possibili partecipanti: Isola di Procida (titolo: Florigium), Mondo Sport, Neapolis, Oratorio Don Guanella, Ponticelli, Puteolana 1909, Quartograd, Real Poggiomarino, Pompeiana 1929 (titolo: Rinascita Sangiovannese), Rione Terra, San Giuseppe, San Pietro Napoli, Sant’Anastasia, Vico Equense, Virtus Ottaviano e Virtus Somma.

TAGLIALATELA – Comunque, la Rinascita Ischia Isolaverde sta iniziando a muover i primi concreti passi verso la composizione di una dirigenza che possa essere all’altezza dei propositi, ma soprattutto che possa dare solide basi alla squadra in vista del futuro. In relazione a ciò, questa mattina ci sarà un incontro, fra quella che per comodità chiamiamo la “dirigenza gialloblu” e Pino Taglialatela, indimenticato campione nativo dell’Isola Verde. A Taglialatela, verosimilmente, sarà offerto un ruolo nella futura Area Tecnica del club. L’ex estremo difensore del Napoli dovrebbe diventarne il Responsabile Tecnico e, quindi, scegliere in primis il nome dell’allenatore, mettendo d’accordo le varie anime che oggi compongono il nascente soggetto. Per il ruolo, i nomi in lizza paiono essere almeno due: Thomas Dinolfo (che nella passata stagione era sulla panchina del Lacco Ameno) e Franco Impagliazzo (ex Real Forio). Inoltre, tutto va fatto in fretta, anche perché va composta una rosa che possa puntare alla salvezza in campionato: a questo punto pare davvero irrinunciabile l’attingere al Torneo Amatoriale isolano, nel quale comunque ci sono molti elementi che potrebbero ben figurare in Promozione. Per quanto riguarda l’assetto societario, ieri sera si è comunque svolta una riunione fra tutti i nuovi sodali, nella quale verosimilmente è stato varato lo statuto della nascente Asd, che prenderà vita all’inizio della prossima settimana, con tutte le cariche – di cui comunque si è discusso nell’incontro – al suo interno. Intanto, è confermato che il presidente sarà l’ingegnere Franco Fermo, mentre – contrariamente a quanto asserito da Enrico Scotti giovedì sera – Ciro Sorice non rivestirà i panni di Amministratore, mentre un ruolo lo ricoprirà Maurizio Pinto, che sarà a tutti gli effetti il tesoriere della nuova associazione.

I RINGRAZIAMENTI – Attraverso una nota, apparsa ieri sul gruppo Y.B.L Ischia 1983, la Rinascita Ischia Isolaverde ha voluto esprimere i suoi ringraziamenti a chi ha partecipato alla serata al polifunzionale in cui hanno esposto nel dettaglio il suo progetto. Ecco il comunicato: “Vogliamo ringraziare tutti coloro i quali ieri 10/8/2017 (data che rimarrà impressa) si sono presentanti al teatro polifunzionale, per assistere e quindi collaborare affinché quella che è da sempre una passione possa trasformarsi in una realtà brillante, spinta dalla sincerità e dal calore che solo chi ama incondizionatamente riesce a dare. L’Ischia calcio siamo noi la sua rinascita il nostro obiettivo, sperando bella collaborazione di tanti altri appassionati. Grazie a tutti!”.

 

Tags

About the author

Redazione Web

Add Comment

Click here to post a comment