class="post-template-default single single-post postid-158112 single-format-standard">
rubriche

“Quali cambiamenti vedranno i foriani?”

Il 2017 sarà, indubbiamente, il quarto anno dell’amministrazione targata Francesco Del Deo. E’ giusto, e doveroso, ricordare che il sindaco Francesco Del Deo, e qualche suo consigliere comunale, hanno calcato, direttamente o indirettamente, il palcoscenico della politica foriana per ben 40 anni. E i risultati sono quelli che oggi tutti possono vedere.
Questa amministrazione, e nello specifico il sindaco Del Deo, ha pensato di presentarsi nel 2013 agli occhi dei cittadini foriani come l’unica compagine in grado di rivoluzionare il deprimente, anestetizzato e inefficiente assetto politico all’ombra del Torrione.
E’ stato un errore di valutazione, un approccio un pò superficiale, verso un territorio, quello foriano, che necessità di un impegno forte, concreto, coraggioso.
Questo paese soffre da tanto tempo di una crisi economico-sociale, che non è solo figlia della difficoltà finanziaria mondiale, ma soprattutto di scelte sbagliate in ambito locale, che si sono succedute nel tempo.
La tanto pubblicizzata ripresa economica contrasta con i dati negativi relativi al commercio e all’occupazione nel nostro comune. Neanche le festività natalizie sembrano aver riscosso un grande successo. Il Natale foriano è stato sottotono, spento, inanimato. E la “notte bianca”, in programma il 5 Gennaio, che questa amministrazione mostra con grande vanto, è l’epilogo finale di chi cerca dei nascondere la “polvere sotto il tappeto”.
Se il centro urbano è sempre alla ricerca di una ripresa, le periferie del comune di Forio sono totalmente abbandonate.
La gestione delle casse comunali è il chiaro sintomo dell’inefficienza di questa compagine amministrativa. Al deludente spettacolo degli ultimi bilanci (approvati con parere contrario dei revisori dei conti), con una maggioranza labile, e molto eterogenea, hanno fatto seguito atti amministrativi davvero imbarazzanti. Il lavoro della giunta comunale ha portato alla conferma dell’attuale area ecologica, situata nel parcheggio delle “Pietre Rosse”, a pochi passi dalle spiagge di Cava dell’isola, e di Citara. Oltretutto, questa amministrazione ha fornito un ulteriore elemento negativo, in termini turistici, ai tanti alberghi presenti in quella zona, ma sarebbe corretto dire a tutta la comunità foriana.
Sono anni che quella zona funge da area ecologica, eppure questo comune vanta percentuali di raccolta differenziata ingiustificabili.
Insomma, i lavori pubblici, le scuole, la gestione del ciclo dei rifiuti sono costati ai contribuenti foriani tanti soldi, e invece i problemi sono rimasti tutti li. E’ terminato il tempo per “adattarsi” alla gestione dell’ente.
E’ terminato l’inganno di questa amministrazione, che farebbe bene a valutare, con onestà, la propria condotta. Avanti così, non solo non ha senso andare, non si può andare!
L’augurio che il movimento politico Aria Nuova rivolge ai foriani, è quello di trovare nel nuovo anno una classe politica più accorta alla gestione dell’intero territorio. Se questa amministrazione deve continuare con la logica del “Fare Finta”, è meglio ridare al più presto la parola ai cittadini. Noi, certamente, non ci tireremo indietro nell’assumerci la responsabilità nel proporre un programma di rilancio, “per ritornare a servire” i foriani.

Nicola Manna*
*responsabile movimento politico
Aria Nuova.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il quotidiano delle isole di Ischia e Procida.
L'informazione ispirata ai valori del giornalismo
di Domenico Di Meglio.

REDAZIONE: Tel. 081 18909067
Mobile: 3466226480 (Whataspp)

Copyright © Gaetano Di Meglio | parola.cloud

To Top