wispline

Procida ricorda l’anniversario della nascita di Elsa Morante

Era il 18 agosto del 1912 quando nacque Elsa Morante. E l’anniversario non passa inosservato al Comune di Procida: un legame fortissimo legò l’isola ad una delle più grandi e complesse scrittrici italiane del Novecento. “C’è chi ancora la ricorda rinchiusa nella pensione a Procida – ricorda il profilo Facebook ufficiale dell’ente – magari a scrivere con Alberto Moravia, al quale fu legata in una storia d’amore tra le più travagliate e romanzate. E proprio a Procida nacque L’isola di Arturo, premio strega 1957”.  La pensione era la “Pensione Eldorado”, celeberrimo l’agrumeto sotto il quale la scrittrice amava riflettere, appuntare, scrivere, prima di esplorare la “sua” isola, fitto intreccio di casette e gatti, scorci colorati e volti amici. Il ricordo che Procida dedica Elsa Morante passa anche attraverso una citazione: “Su per le colline verso la campagna, la mia isola ha stradine solitarie e chiuse tra muri antichi, oltre i quali si stendono frutteti e vigneti che sembrano giardini imperiali”. Un premio letterario, a lei intitolato, rinnova ogni anno il rapporto tra la Morante e la più piccola delle isole del Golfo di Napoli.

pasrai

1 Comment

Click here to post a comment

  • Ero ragazzina e promettente studentessa quando il tabaccaio di piazza Olmo, nel suo negozio ( minimarket di quei tempi) me la indicò dopo che era uscita dicendomi:” Vedi, Angela, quella è una famosa scrittrice, viene a Procida per scrivere in tranquillità!” Nemmeno mi disse il nome, ma anni dopo di quella signora alta, dall’aspetto gentile ed un po’ triste ,conobbi il mondo poetico ed umano e divorai i suoi libri. .Grazie Signora Elsa Morante per
    “Menzogna e sortilegio” e per” La storia”meravigliosi ed incantevoli- miei preferiti- grazie ancora per “L’Isola di Arturo” e per le altre sue opere, tutte ricche di sensibilità e di grazia.