primopiano

Panza e Citara, l’asfalto sempre più blu. Dino D’Abundo: “non finisco le opere, ma già spremono i cittadini”

Dino D’Abundo: “Le strade di Panza sono in uno stato pietoso e il comune pensa a costruire aiuole e ad aumentare le strisce blu, ecco a voi l’amministrazione degli sperperi!”

Antonio Di Meglio | I foriani attenti hanno notato che in questi giorni l’argomento che fa scalpore nell’agone politico all’ombra del Torrione è il conflittuale rapporto tra la maggioranza guidata dal sindaco Francesco Del Deo e il gruppo di opposizione Insieme per Forio guidato da Stani Verde, che, tra le altre cose, ha da poco perso un pezzo importante nella persona di Nino Savio, ex assessore e politico di lungo corso.
Nel frattempo, però, ai foriani attenti non sono passati inosservati i nuovi parcheggi a raso del comune di Forio. Sia a Panza sia a Citar, infatti, mentre le opere non sono ancora completate, il blu delle strisce per il parcheggio spicca in maniera trionfale sotto il caldo sole di questi giorni.
Circostanza che è stata argomento di scontro anche nell’ultimo consiglio comunale di mercoledì mattina. Il conflitto tra maggioranza e opposizione, esacerbato al massimo, ha raggiunto il suo apice nell’ultima seduta del civico consesso, durante la quale, i consiglieri D’Abundo, Verde e La Vista hanno lasciato l’aula in segno di protesta verso la maggioranza, che, a quando denunciano i consiglieri di minoranza, starebbe esercitando “un atteggiamento di disprezzo, noncuranza e opacità nei confronti della minoranza”.
Sul tema della poca trasparenza dimostrata dall’amministrazione a guida Francesco Del Deo è intervenuto il consigliere Dino D’Abundo, strenuo difensore a salvaguardia della frazione di Panza, la maggiore del comune turrito e dove «l’amministrazione ha anche raccolto molti consensi, che sta buttando al vento con una politica scellerata», queste le parole del consigliere D’Abundo, con il quale abbiamo approfondito l’argomento delle “disastrose condizioni” in cui versa la frazione di Panza e le “spese scellerate” dell’amministrazione in carica, che, a suo dire, è strettamente connesso con la sistematica abitudine da parte dell’amministrazione ad agire con poca trasparenza.
Partendo da ciò che è accaduto nell’ultima seduta consiliare Dino D’Abundo ci ha detto: “durante l’ultima seduta l’amministrazione si è mostrata chiusa a qualsiasi dialogo e incapace di accettare qualsiasi critica, inoltre non abbiamo ricevuto risposta riguardo alle criticità che abbiamo evidenziato, per esempio: abbiamo fatto notare che nel bilancio erano previste delle voci che evidenziavano l’aumento degli introiti e del prezzo per quanto riguarda le strisce blu, abbiamo fatto notare che la somma di denaro in oggetto è stata utilizzata male, con molti sperperi (un esempio è l’aiuola incriminata durante la seduta) e soprattutto non è stata utilizzata per riparare le strade, cosa, a mio avviso, vergognosa”.
Su questo punto il consigliere D’Abundo è stato molto chiaro e privo di esitazioni: “il fatto che si metta palesemente mano alla tasca del cittadino per realizzare delle opere inutili, con sperperi più che evidenti solo per far arricchire pochi protetti e amici è uno scandalo! L’amministrazione comunale guidata da Francesco Del Deo invece di rendere dei servizi ai cittadini che l’hanno sostenuta si sta approfittando di tutta la cittadinanza!”.
Abbiamo chiesto al consigliere Dino D’Abundo cosa volesse intendere con quest’ultimo passaggio e abbiamo ricevuto come risposta che nella frazione di Panza, dove l’aumento delle strisce blu è stato molto consistente, non c’è stato nessun intervento per rimettere in sesto la martoriata rete strada ma anzi: “quest’amministrazione incapace sa essere solo rapace e prona allo sperpero, il parco giochi di Panza non è stato ancora ultimato e il comune vuole già spremere chiunque si rechi nelle vicinanze a parcheggiare, l’amministrazione ha già predisposto le strisce blu intorno a tutta l’area del parco giochi, spero che almeno quell’area sia inclusa nell’abbonamento dato che quest’ultimo non copre molte delle zone più trafficate di Forio divenendo, di fatto, inutile; voglio solo sperare che quei genitori che vorranno passare qualche ora in compagnia dei loro figli per svagarsi, non dovranno essere spremuti da un’amministrazione capace solo di sperperare allo stesso tempo”.
Il consigliere ha inoltre tenuto ad aggiungere che i provvedimenti come l’aumento delle strisce, anche se fossero destinati ad aumentare il budget destinato al rifacimento del manto stradale, sarebbero comunque inutili poiché “a Panza viviamo nel Far West, non ci sono regole perché vigili e operatori del traffico non ci sono e quando ci sono non sono sufficienti ad arginare una situazione che è andata fuori controllo, di fatto le strisce blu sarebbero anche utili se solo ci fosse qualcuno che si preoccupasse di farle effettivamente rendere in modo controllato, in questo modo non ci sarebbe neanche motivo di aumentarne il numero contravvenendo alle norme in materia”.
In conclusione alle sue dichiarazioni il consigliere Dino D’Abundo ha voluto sottolineare invece i motivi di scontro tra opposizione e maggioranza riguardo la poca trasparenza di quest’ultima: “l’episodio spiacevole ma necessario che si è verificato nella scorsa seduta consiliare e che ci ha visti abbandonare la seduta anzitempo è stato giustificato da una serie di irregolarità e violazioni della legge vigente in più campi che sono passata inosservate e che noi abbiamo denunciato a chi di dovere; non avendo ricevuto risposta alcuna abbiamo deciso di non poter sopportare oltre”.

Tags

Add Comment

Click here to post a comment