Società

Meteo: ancora sole e temperature in aumento

Sarà un settembre altamente variabile secondo le previsioni meteo rilasciate in queste ore. L’Italia sembra essersi divisa in aree anche molo diverse tra loro, con il rischio nubifragi al nord e al centro e l’estate che continua al sud. Tanto caldo, afa e umidità, quindi alle nostre latitudini, condizione che continuerà per tutto il weekend.

Le temperature che interesseranno anche Ischia saranno molto elevate, come confermano i professionisti di 3bmeteo, con punte davvero estive.

“Al Sud resisterà l’Estate, con caldo africano fino al weekend” – dichiara Ferrara di 3bmeteo – un nuovo picco di calore è infatti atteso sabato con massime diffusamente superiori ai 30-32°C e picchi di 36-38°C su Puglia, materano, cosentino e Sicilia interna. Domenica le temperature inizieranno a calare, ma sarà lunedì che si avrà una rinfrescata più apprezzabile con l’arrivo dei venti da Nord; il prezzo da pagare sarà tuttavia una maggiore variabilità con qualche rovescio o temporale possibile in primis su Appennino, adriatiche e basso versante tirrenico. In verità già venerdì’ sarà possibile qualche occasionale piovasco”.

“Irromperà l’Autunno al Centronord dove sono in arrivo piogge e temporali anche di forte intensità. Una perturbazione piuttosto intensa interesserà le nostre regioni centro-settentrionali tra venerdì e sabato portando una passata di piogge e temporali dapprima al Nord, ma da venerdì notte anche al Centro. Proprio al Centro è allerta meteo per possibili nubifragi: le regioni più a rischio sono in primis Toscana e Lazio, ma anche Umbria, Marche ed Abruzzo entro sabato; su queste zone si potranno accumulare anche oltre 50-60mm in poche ore con allagamenti non esclusi. Anche Roma è dunque a rischio nubifragio in particolare tra venerdì notte e sabato mattina”.

“Domenica il tempo torna a migliorare salvo ancora qualche temporale su Appennino e Abruzzo” – prosegue l’esperto – “Tuttavia il clima sarà decisamente più fresco e gradevole, grazie all’arrivo di venti settentrionali che porteranno ad un deciso calo delle temperature, in alcuni casi sotto la media del periodo. Sui crinali alpini di confine non escluso qualche fiocco di neve fin sotto i 2000m”.

 

Add Comment

Click here to post a comment