primopiano

Metanizzazione programma male? Le conseguenze le pagano gli allievi del Telese!

Assurda presa di posizione del Preside Sironi che non consente l'accesso a decine di studenti tutti provienti dallo stesso bus, in ritardo. Nessun colloquio con i genitori e telefoni muti. Ma c'è chi accusa duro: "Dopo avermi detto di non voler parlare, hanno messo il telefono fuori posto"

Ci sono ritardi e ritardi. Certi comprensibili e altri no. In questo caso siamo davanti ad un ritardo, evidentemente, comprensibile.

Ida Trofa | “Il Preside non ci fa entrare a scuola! Anche al minimo ritardo, maggiorenne o meno, ci fa saltare l’intera giornata scolastica senza voler sentire ragioni” è questo lo sfogo di molti studenti del Telese che hanno vissuto una mattinata di polemiche e malumori perchè, in parecchi, provenienti in gran parte da Forio e Lacco Ameno, sono rimasti fuori dai cancelli dell’istituto loro malgrado, in una giornata di prove e test importanti.

Così spiegano la loro frustrazione gli allievi assiepati davanti alla cancello d’ingresso nel tentativo di farsi aprire e recuperare l’impegno scolastico.

Il problema per questi ragazzi è collegato ai lavori di metanizzazione in corso sull’Isola che, per blocchi e semafori vari, impone ritardi sia alle auto private, ma soprattutto ai bus di linea EAV e a quelli dedicati al trasporto scolastico con i quali viaggiano gran parte di questi studenti.

E’ la seconda da volta, nel giro di pochi giorni. Lo stesso e per gli stessi motivi era accaduto mercoledì 10 aprile e non sono valse a nulla le richieste dei genitori e le telefonate da parte dei familiari per parlare con il dirigente scolastico o con i suoi assistenti al fine di perorare la causa degli allievi e spingere la direzione ad esser più indulgenti avverso una situazione non determinata dai ragazzi e collegata ai lavori in corso presso la ex SS 270 all’altezza dello svincolo per San Montano.

Sono gravi le problematiche connesse al mancato ingresso. Infatti, per molti degli studenti rimasti fuori, erano in programma test di lingua e prove per colloqui a concorsi e colloqui in merito alle previsioni dell’alternanza scuola lavoro.

“Non è colpa dei ragazzi se l’isola è bloccata – ci ha detto un genitore esausto – a causa dei lavori e non si riesce a circolare. Erano previste prove importantissime ed è assurdo che un genitore non possa parlare con il preside o il vicepreside, un suo assente nel caso insorgano problemi. Abbiamo provato a chiamare per spiegare ma ci hanno risposto che avrebbero riattaccato il telefono se avremo continuato a disturbare. Dopo numerose telefonate, pensate, nessuno mi ha voluto ricevere telefonicamente. Addirittura il collaboratore ha detto che il preside e il vicepreside erano impegnati in riunione e che se continuavo a telefonare avrebbe chiuso il telefono è non mi avrebbe più risposto. Infatti hanno messo il telefono fuori posto. Ho chiamato – conclude amareggiato – professoresse e amiche del preside, ma niente. Assurdo! “.


Una vicenda che di certo non depone a favore dell’operato dell’Istituto Telese di Ischia, fin qui contraddistintosi in altro e per ben altro, specie per il grande impegno affinché fosse elevata l’offerta formativa e il sostegno agli allievi.

Ma oggi, venerdì mattina, non è stato cosi. L’auspicio è che persa la giornata il preside, Mario Sironi, voglia far recuperare almeno le prove e i test ai ragazzi che, per giusta causa, non sono riusciti a raggiungere l’istituto con il suono della campanella. 5 minuti di ritardo, causati dai marchiani errori nella gestione territoriale di amministratori e adulti non deve e non può avere ripercussioni sulla vita scolastica di ragazzi, molti minorenni, lasciati fuori scuola senza la dovuta assistenza. Siamo certi che se al  prof. Sironi fossero state trasferite quelle chiamate staremmo qui a narrare di ben altre cronache.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • A mia figlia dopo essere entrata alla seconda ora accompagnata da mio marito gli hanno detto di rimanere fuori all’ aula e a seguire gli hanno anche detto di non frequentare più la scuola visto che L’anno era già perso …ma dico io a che punto siamo arrivati