primopiano

Ischitani bloccati a Parigi. Massimo Ielasi nell’inferno di Orly

Il noto gallerista Massimo Ielasi, a Parigi di frequente per i suoi viaggi d’arte utili alla preparazioni delle offerte culturali della sua galleria per l’anno 2017, è bloccato a Parigi da dove stava facendo rientro a Ischia. Dalle notizie francesi sappiamo che si è evitato danni a cose e persone ma per ragioni di sicurezza sono stati interrotti tutti i voli.

 

LA SPARATORIA IN AEROPORTO
Colpi di arma da fuoco all’aeroporto parigino di Orly. Un uomo ha tentato di rubare un mitra dalle mani di una poliziotta dopo averla spinta a terra. A quel punto due colleghi della donna hanno aperto il fuoco contro di lui, uccidendolo.Non ci sono feriti, precisa una fonte ufficiale francese. Si cercano eventuali complici dell’aggressore.
Secondo alcune testimonianze, i fatti sarebbero avvenuti nei pressi di uno sportello della Turkish Airlines, durante il check-in di un volo per Istanbul-Tel Aviv.

E’ subito scattata un’operazione di artificieri e poliziotti per escludere la presenza di eventuali ordigni o di altre minacce per la sicurezza, ma i controlli non hanno rivelato traccia di esplosivi, ha detto il portavoce del minsitero dell’Interno.

Su Twitter, la polizia francese invita tutti a non avvicinarsi al perimetro di sicurezza con il quale è stata transennata l’intera zona dell’aeroporto.

La polizia: “L’aggressore di Orly aveva prima sparato a un posto di blocco – La polizia ha fatto sapere che l’uomo dell’assalto in aeroporto aveva in precedenza aperto il fuoco durante un normale controllo stradale a Stains, nella banlieue nord di Parigi, ferendo un agente in modo lieve. Era poi stato “avvistato” a Vitry-sur-Seine per un “furto d’auto”, prima che si recasse a Orly.
Era un cittadino francese, pregiudicato per reati comuni – L’aggressore era noto ai servizi di Intelligence, riferisce una fonte della polizia, per traffico di droga e altri reati comuni, ma era anche stato sorvegliato perché le autorità sospettavano si fosse radicalizzato in prigione. I controlli erano poi stati sospesi.

Il ministero: “L’uomo non aveva esplosivo” – Il portavoce del ministero dell’Interno Pierre-Henry Brandet, annunciando la conclusione dell’operazione di polizia, ha detto che l’uomo non aveva con sè esplosivo.

Evacuati in tremila e voli dirottati sul Charles de Gaulle – Quasi tremila persone sono state evacuate dal terminale sud di Orly e chi si trovava al terminal ovest è stato spostato in luoghi sicuri. Tutti i voli su Orly sono stati dirottati all’aeroporto Charles de Gaulle, a nord di Parigi. Il terminal sud resterà chiuso fino a sera,mentre è stato riaperto il terminal ovest e i passeggeri bloccati negli aerei arriati appena prima dell’attentato, fermi da ore sulle piste, vengono fatti uscire e accompagnati verso la hall dell’aerostazione per il ritiro bagagli.

Allerta alta – Le forze dell’ordine hanno agito con fermezza e l’allerta resta alta, sottolinea il ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Drian, anch’egli allo scalo parigino di Orly. La polizia ha aperto un’indagine per terrorismo.
[tgcom]

Tags

Add Comment

Click here to post a comment