primopiano

Ischia: polaroid di un paese scarrupato a 6 giorni da Pasqua

Leggiamo insieme l’ennesima "boiata" comunale :”la ristrutturazione di strutture sportive annesse ai plessi scolastici (Spalatriello)”. Quale plesso scolastico sorge allo Spalatriello? In quella zona c’è solo un campo lasciato al degrado, ai topacci, a qualche drogatello notturno e a coppiette senza un’abitazione...

Oggi è martedì 16 aprile 2019. Domenica prossima sarà Pasqua e, a pochi giorni dall’inizio della prossima stagione turistica, ci troviamo con i centro dei nostri comuni lasciato al degrado, all’abbandono e, soprattutto, al disinteresse di chi, invece, avrebbe dovuto – almeno –  sistemare il centro del paese.

Da Enzo Ferrandino a Giacomo Pascale passando per Giovan Battista Castagna è un continuo di immagini tristi.

Vedere la fontana di Piazza Marina, ridotta a ricettacolo di monnezza è assurdo per un paese che deve andare al voto tra poco più di un mese. Neanche l’euforia elettorale e la tipica “menata di confetti”. Non serve neanche la vicinanza con il comune, il degrado è, ormai, sistematico.

Prima di passare a Ischia, facciamo tappa in quel di Lacco Ameno. Un indecente cantiere per la metanizzazione che merita di essere fermato entro giovedì. Ci sono date importanti che dovrebbero caratterizzare l’agenda politica di ogni amministrazione. Se altrove tutto questo sembra rientrare nella categoria del “normale”, qui non lo abbiamo inserito neanche in quella che è segnata come “miracoli”.

Sulla strada verso Ischia, dove gli scandali sono più evidenti è imabarazzante continuare a guardare i muretti del lungomare danneggiati e interdetti da diversi mesi. Da quando alcuni turisti caddero nel tentativo di scattarsi un selfie ricordo al tramonto, è tutto fermo. Davvero dovremmo credere che non c’è stato il tempo e le risorse per poterli sistemare. Teniamo uno scandalo in caso. E non ci risulta che qualcuno abbia sollecitato la Città Metropolitana ad un rapido intervento di manutenzione e messa in sicurezza.

Ma ciò che rattrista è che dallo scorso autunno al comune di Ischia nessuno ha pensato di mettere in sicurezza il muretto di Piazza Trieste e Trento. Davvero possiamo pensare di lasciare per mesi quello scandalo in pieno “zona portuale”. Eppure, quando si sono verificati eventi pericolosi presso le proprietà care all’assessore Ferrandino le ditte edili si sono attivate in 24 ore. Sul Piazzale Aragonese, invece, trascorrono mesi e ora che inizia la nuova stagione turistica daremo l’immagine che non meritiamo. Un paese scarrupato.

Ma quel che merita il nostro oscar è la rotonda a Piazza degli Eori. Oltre mezzo milione di euro per lasciare al centro della “nuova” piazza degli squallidi new jersey. La motivazione che arriva da Via Iasolino è che a breve, sarà imposto il senso unico. Non si sa, ancora, se a “salire” o a “scendere”, ma con questa decisione, non sarà più necessario la realizzazione della rotonda. Quando si attiverà il senso unico? E lo si terrà per sempre? E se come su Via Michele Mazzella, dove è stato realizzato un maxi marciapiede, poi si torna al doppio senso che fine fa Piazza degli Eroi?

Ma ciò che non meritiamo sono le scelte di abbandono e di degrado. Vivremo l’inizio di questa nuova stagione turistica, il cui arrivo è del tutto programmabile e immaginabile, in mezzo al degrado. E non sarà solo Pasqua, ma avremo un periodo di “alta stagione” molto condensato. Il ponte del 25 Aprile e quello del 1 Maggio, infatti, sono super ravvicinati. E, ci piaccia o no, saremo ancora una volta impreparati.

Il nostro territorio è completamente abbandonato, e non ci sono comuni che eccellano rispetto ad altri, ma ci sono zone più “calde” di altre che meritano, certamente, maggiori attenzioni.

Non faremo la conta dei cantieri aperti, non ci chiediamo perché non vengano bloccati, non ci chiediamo più perché non possiamo poter contare su un territorio ben organizzato, pulito e senza scandali perché lo abbiamo fatto fin troppe volte, ma continuiamo ad evidenziare quello che non va.

Così come continuiamo a smascherare la semplice demagogia del sindaco di Ischia che, pensa di rabbonirci con post facebook.

«Stamattina (ieri per chi legge, ndr), alle ore 12.00, si è tenuto l’incontro tecnico a Piazza Matteotti alla presenza del Direttore Generale dott. Cozzolino per candidare i progetti del Comune di Ischia per la formazione del Piano Strategico Metropolitano. Il Comune di Ischia, rappresentato nella riunione dal Sindaco Enzo Ferrandino dal Presidente del Consiglio Comunale Ottorino Mattera e dall’arch. Consiglia Baldino, capo dell’ufficio tecnico, ha candidato delle progettualità inerenti la riqualificazione di importanti tratti periferici del territorio (Campagnano), il recupero del verde urbano, la ristrutturazione di strutture sportive annesse ai plessi scolastici (Spalatriello). Da maggio prossimo sarà possibile sottoscrivere le convenzioni che consentiranno la cantierabilità degli interventi prospettati.»

Da questo comunicato, però, emergono due assurdità scritte dal comune di Ischia.

La prima. Enzo Ferrandino prova a vendersi l’iniziativa “elettorale” di Luigi De Magistris come un successo di questa amministrazione. Dema ha avviato un programma metropolitana che riconosce 100 euro per abitante ad ogni comune della Città Metropolitana. Una “menata di confetti” per il sindaco di Napoli che punta alla scalata regionale del prossimo anno. In breve, nulla di programmato da parte del comune di Ischia. Comune che, è evidente, non conosce bene neanche cosa proporrà.

Leggiamo insieme l’ennesima boiata comunale :”la ristrutturazione di strutture sportive annesse ai plessi scolastici (Spalatriello)”. Quale plesso scolastico sorge allo Spalatriello? In quella zona c’è solo un campo lasciato al degrado, ai topacci, a qualche drogatello notturno e a coppiette senza un’abitazione.

Un plesso scolastico annesso allo Spalatriello? Fa ridere vero?…

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • E osate chiamarla isola turistica? Ha Ha, che bel modo di accogliere i turisti. Per fortuna di fronte c’è Capri, e anche se costa un po’ di più vale la pena e senza mai essere delusi.