gli editoriali del direttore rubriche

Ischia, la nostra sicurezza legata ad un penna USB?

 

Editoriale | Sembra un incubo, eppure, la nostra sicurezza sismica è legata ad una pennetta USB. O ad un telefono fisso. L’appello di De Natale, come al solito puntuale e vicino alle popolazioni è perfetto: «Se però avvertite la scossa e telefonate in sala monitoraggio dell’OV per dirlo, l’osservatorio è obbligato ad emettere il comunicato. Perché indipendentemente dalla magnitudo, se un terremoto è avvertito deve emettere il comunicato».
Vorremmo che questa diventasse l’ultima spiaggia. Si, un consiglio da tenere bene a mente ma da usare come ultima chance, non come la prima!
Non possiamo pensare di andare avanti con i segnali di fumo da Ischia a Napoli. E’ allucinante pensare che ad ottobre 2017, dopo il 21 agosto, ci siano ancora delle stazioni che registrano in locale e che attendono un tecnico dell’INGV che vada vicino e scarichi i dati per poterli analizzare.
Non ce lo possiamo permettere! Non lo possiamo consentire.
Sembra davvero un incubo. Sembra una tunnel che non finisce mai nel quale ci troviamo e dal quale non riusciamo a venir fuori.
E’ arrivato il tempo di reagire e di farlo con l’unione delle forze. Sei primi cittadini che amano sedersi e ascoltare questo o quell’altro relatore e nessuno che, in maniera serie, affronti il problema con l’Osservatorio Vesuviano. Una istituzione che sembra aver perso ogni credibilità e che continua a procedere senza tenerci (come tante altre) in debita considerazione.
Vogliamo continuare nel nostro “pettinare le bambole” o vogliamo iniziare a chiedere chiarezza come veniamo monitorati. Chi ci deve rispondere? Chi ci deve rassicurazioni? Chi deve essere il nostro interlocutore? Domande legittime che non possono aspettare altrove.
Gaetano Di Meglio

Add Comment

Click here to post a comment