primopiano

Ischia, la “fregatura” sindacale corre in …taxi

Il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino, ha fregato i tassisti. E’ questa la riduzione, massima, di quanto abbiamo già scritto giorni fa. E la verità emerge da un cartello A4 e da un verbale di Deliberazione di Giunta Comunale. Precisamente quello della seduta numero 27 del 12 aprile /2019

La giunta, al completo del Comune di Ischia, infatti ha approvato l’istituzione dl una tariffa unica predeterminata nell’ambito del territorio del comune di Ischia per il servizio taxi.

Una novità, questa varata dal governo Ferrandino che abbiamo annunciato, come al solito, in anteprima.

Una novità che, però, contiene la fregatura per la categoria dei tassisti. Una fregatura che si legge tra le righe nel testo della delibera.

Nel corso di questi mesi, quelli che hanno visto scemare la protesta dei tassisti partita con lo sciopero di novembre, la trattativa ha avuto il suo “happy ending” soprattutto perché il sindaco si era dichiarato disposto ad accogliere le richieste dei tassisti: controlli massicci su NCC e blocco della peggiore concorrenza della concorrenza, le navette degli hotel.

Ebbene, dal testo che pubblichiamo a breve, non c’è nulla che dia contezza di tutto questo. Anzi, la foto che correda questa pagina racconta che, ad Ischia, ci sono autoveicoli “privati” che possono godere degli stessi privilegi di quelli del “servizio pubblico”.

E’ imbarazzante, infatti, leggete che rispetto alle ZTL del Comune di Ischia i “VEICOLI HOTELS” a transitare proprio come i taxi. Una decisione, questa, che rende inutile l’istituzione della tariffa e che, di fatto, prende i giro i tassisti che si troveranno, solo, ad incassare di meno.

LA COMMISSIONE PER LA NUOVA AUTO DEI TAXI. Dalla delibera, nel frattempo, emerge un’altra notizia che avevamo dato in anteprima. La giunta ha delibero che per decidere la “tipologia di veicola da destinare al servizio sulla base di caratteristiche e tipologia da concordarsi che a tali adempimenti proceda un apposito organo collegiale consultivo tecnico composto da cinque membri di cui due in rappresentanza dell’ente e due in rappresentanza della categoria e presieduta da delegato del Sindaco”. Una commissione che serve per decidere quale sarà la prossima auto. Si parla di un modello tipo 500L. In verità, va detto, che il comune aveva proposto un modello di auto che non prevede la motorizzazione elettrica, nonostante sia intenzione dell’amministrazione di chiedere ai tassisti la scelta dell’elettrico.

Ma torniamo alla tariffa e alla delibera che, di fatto, non dice nulla sul controllo dei veicoli per gli hotel. Da una parte, infatti, la giunta dice di aver “interesse a ridurre il traffico di auto private sulle strade per consentire una migliore vivibilità del territorio” e dall’altra, però, autorizza il passaggio dei “VEICOLI HOTELS” nelle ZTL, proprio come sono autorizzati i taxi e gli NCC.

LA DELIBERA.

La Giunta Comunale nell’ambito di una progressiva riorganizzazione del servizio di trasporto pubblico locale si rende necessario procedere al riesame – inizialmente in via sperimentale – della disciplina degli autoservizi pubblici non di linea: taxi – noleggio con conducente – natanti – trazione equina di cui alla legge 15.01.1992, n.21 e ss.ii.mm. anche al fine incentivare l’uso del servizio pubblico ancorché non di linea quale mezzo alternativa all’auto privata da parte di turisti e residenti.

L’Amministrazione, in collaborazione con le Associazioni di categoria degli operatori e nell’ambito di un percorso il più possibile condiviso ha avviato una riorganizzazione del servizio, per renderlo più moderno ed efficiente, ed elevarne i livelli di qualità in rapporto alle attuali esigenze del Comune, che per la sua vocazione turistica e il mantenimento delle zone a traffico limitato, ha interesse a ridurre il traffico di auto private sulle strade per consentire una migliore vivibilità del territorio;

l’esigenza di procedere ad una più confacente regolamentazione si e resa ancora più pressante al fine di incentivare l’uso del servizio pubblico da piazza, consentendo con una tariffa più economica l’utilizzo di tale servizio da parte dei turisti e dei cittadini residenti;

che a seguito di incontri informali e della conclusiva riunione della Commissione Consultiva  di cui all’art.  4 Legge  21/92 del 09.04.2019 e dell’ 11.04.2019, in cui è stata effettuata un’approfondita analisi sulle caratteristiche, le dinamiche e le modalità di espletamento del servizio, e, come risulta dai verbali del 09.04.-2019 e 11.04.2019, si stabilito, tra l’altro, a parziale modifica ed integrazione della precedente delibera di C.S. n 147 del 26.05.2007 di introdurre l’applicazione di una tariffa unica predeterminata sperimentale da fissarsi a 10 Euro omnicomprensivi nell’ambito del territorio del Comune di lschia tenuto conto delle limitazioni che annualmente vengono imposte con un apposito decreto interministeriale, con una riduzione della tariffa nell’ambito di tutto il comune di lschia;

ritenuto, altresì, di stabilire al fine di favorire la fruizione del servizio da parte dei potenziali clienti, di stabilire la collocazione e/o il ripristino delle colonnine dotate di postazione telefonica in numero di tre (3) nei posteggi presenti nei territori comunali demandandone al Comandante le modalità di collocazione

la proposta elaborata dal Comando P.M., che per la stessa proposta stata preventivamente consultata  la Commissione Consultiva prevista dall’art.32 del Regolamento approvato e vigente, che ha reso il prescritto parere nelle sedute del 09.04.-2019 e 11.04.2019;

preso atto che dalle stesse riunioni della Commissione consultiva del 09.04.1019 e dell’11.04.2019 emersa la volontà di proseguire il confronto tra le parti in ordine alla tipologia di veicolo da destinare al servizio sulla base di caratteristiche e tipologia da concordarsi e che a tali adempimenti possa procedere apposito organa collegiale consultiva tecnico composto da cinque membri di cui due in rappresentanza dell’ente e due in rappresentanza delle categorie e presieduta da delegata del Sindaco.

La giunta ha approvato di approvare l’istituzione di una tariffa predeterminata nell’ambito del Comune di lschia modificando per l’effetto la delibera del Commissario straordinario n. 147 del 26.05.2007, fissandola  ad € 10,00 per l’intera  corsa nel territorio comunale indipendentemente dal numero dei passeggeri, con il solo limite del rispetto del numero di persene per il quale la vettura e omologata, comprensiva di supplemento notturna, festivo, bagaglio e animali. Tale tariffa sarà applicata in via sperimentale per mesi due e sarà prorogata con atto del Comando di P.M. in caso di esito positiva della sperimentazione.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • Sono CONTENTISSIMA!!!!! I tassisti ischitani si meritano solo questo, dopo aver abusato tanto e per tanto tempo di noi turisti.