primopiano

Ischia Forum: “Follia a Cavascura parete di tufo sventrata per metterci un ascensore”

dal blog di Ischia Forum | La spiaggia dei Maronti è da tempo interessata da un’intensa opera di trasformazione edilizia che sta progressivamente trasformando una baia incantevole in un inferno di cemento.
A seguito di segnalazione arrivata al nostro gruppo con tanto di foto che si allegano ci siamo recati presso la foce di Cavascura nel Comune di Barano d’Ischia ed abbiamo verificato la presenza di copioso materiale di risulta depositato sul letto dell’alveo naturale.
Oltre alle consuete brutture di cemento armato che stanno volgarizzando pesantemente una zona ad altissimo pregio naturalistico, vi sono persino trafori nella parete tufacea di ampie dimensioni, uno dei quali contiene addirittura un ascensore che non è ben chiaro se in funzione o meno. La cosa assurda è che si tratta di un alveo naturale che serve al deflusso delle acque e nei mesi piovosi può trasformarsi in un vero e proprio torrente con una grossa portata d’acqua. L’ascensore ha accesso proprio sull’alveo naturale del canalone.
Sono oltretutto visibili grossi quantitativi di materiale scavato che sono stati stesi sull’alveo del canalone. Tutto ciò mentre paradossalmente si elogia in alcuni articoli il colore turchese della Baia dei Maronti riconducendolo a giochi di correnti e limo, mentre a nostro modesto avviso, tale colore è dovuto alla massa enorme di metriale inerte polveorso che viene scaricato nei canaloni che hanno naturale sbocco in mare.
Abbiamo provveduto a segnalare al Comune di Barano nella figura del Sindaco, dell’Ufficio Tecnico e della Polizia Municipale, la presenza di questi lavori nella foce di Cavascura, chiedendo la verifica della legittimazione urbanistica e della presenza dei necessari pareri per lavori che a noi appaiono assurdi, inaccettabili in un’area così delicata anche sotto il punto di vista idrogeologico oltre che di grandissimo pregio naturalistico.

Tags

16 Comments

Click here to post a comment

  • Pazzesco. Ciò che è successo all’Isola di Pasqua è evidentemente sconosciuto ai nostri conterranei: era un’isola rigogliosa e ricca che per idiozia dei suoi abitanti, che finché non abbatterono l’ultimo albero trasformandola in un inferno sperduto nell’oceano non si sentirono soddisfatti, finirono per creare un disastro tale che per sopravvivere dovettero ricorrere al cannibalismo.
    Ma che bisogno c’è si fare simili lavori? Chi è che ci guadagna? E possibile che al Comune nessuno se ne sia accorto???
    Boh…

  • Sono anni che cavascura è ridotta al degrado totale. Non so di che cosa parlate. Non so di che cosa vi sorprendete!.. Diventerà sempre peggio se si continua a guardare dall’altra parte. Purtroppo i politici sono complice di questa cosa. Povera isola.

  • avete segnalato al sindaco, all’ufficio tecnico e alla polizia municipale? cioè quelli che da decenni hanno permesso l’abusivismo sull’isola??
    ma invece di fare i blogger, perché non tirate fuori le palle e fate una denuncia alla magistratura??

    • La denuncia deve essere inoltrata alla procura di Napoli, se dopo 30 giorni non si vedono risultati si si inoltra la denuncia alla procura di Roma,e dopo si che se ne vedono di cose belle…

        • Certo che lo spiego,può succedere che si può avere amici anche li e la denuncia può essere messa in un cassetto, purtroppo la corruzione esiste, se dopo un periodo di tempo si continua con lavori e non ci vedono articoli inerenti alla denuncia ciò vuol dire che è stata messa in cassetto, ed ecco che deve intervenire un’altra procura Roma, inoltrando la stessa denuncia e allegando il protocollo di quella precedentemente inoltrata a Napoli e li si vedono i risultati…..

          • Scusa isolano ma anche dopo un anno dalla prima denuncia si può inoltrare alla procura di Roma la stessa denuncia?

      • io ho letto l’articolo, forse è lei che guarda solo le foto.
        C’è scritto: “Abbiamo provveduto a segnalare al Comune di Barano nella figura del Sindaco, dell’Ufficio Tecnico e della Polizia Municipale, la presenza di questi lavori nella foce di Cavascura, chiedendo la verifica della legittimazione urbanistica e della presenza dei necessari pareri per lavori che a noi appaiono assurdi”

        e io ho risposto che sindaci, uffici tecnici comunali e polizie municipali sono proprio quelli che per decenni hanno volutamente chiuso gli occhi permettendo lo scempio del territorio isolano. E che le denunce vanno quindi invece fatte alla magistratura.
        Le è chiaro adesso o devo farle un disegnino?

        • La probabilità che la denuncia di un cittadino non cada nel vuoto sull’isola di Ischia è pari a quella di essere colpiti da un asteroide. L’amara verità è che ad Ischia viviamo senza legge. Presenti una denuncia? Se c’è qualche addetto cortese protocolla e chiude la denuncia nel cassetto dove rimarrà. Se c’è qualche addetto meno cortese ti tratterà anche male perché li hai disturbati. Perciò rassegnatevi: se qualcuno vuole costruire un ascensore a Cavascura, vuole alzare un grattacielo, vuole commettere gli scempi più scellerati, lo fa e basta. Senza alcun pericolo di essere sanzionato. E’ Ischia negli ultimi dieci anni, signori!

        • Signor Gianni lasci stare il disegnino. Ho semplicemente frainteso il significato del suo commento, per cui devo chiederle scusa.

        • No, ma sono in cura da uno psichiatra. Martedi pomeriggio ha un buco tra gli appuntamenti, se vuole glie lo blocco.

  • Ah ah ah ah ah ….bella questa,vanno a segnalare in casa,il paese,il cui comune e’ il piu’ corrotto e camorristico dell’isola,dopo forio. Roba veramente da pisciarsi sotto dal ridere.