class="post-template-default single single-post postid-158693 single-format-standard elementor-default">
primopiano

Ischia e l’ambiente. Regolamentata la pulizia dei terreni e l’eliminazione delle sterpaglie

Il comune di Ischia, su impulso dell’assessore all’agricoltura, il dott. Pasquale Migliaccio, ha emesso una ordinanza molto importante per la salvaguardia del territorio e la messa in sicurezza di determinate aree.

Il documento, infatti, regola un aspetto fondamentale per il territorio, quello della prevenzione degli incendi e della proliferazione di ratti e rettili all’interno dei terreni incolti e/o abbandonati e non solo.

“Quello dei terreni incolti nei quali non viene svolta alcuna operazione di pulitura e sistemazione delle aree – dichiara l’assessore Migliaccio – è divenuta una grave emergenza cui dover fare fronte, sia per quanto riguarda l’aspetto dell’igiene e della sanità e sia per quanto riguarda la sicurezza stessa dei luoghi.”

Con l’ordinanza, quindi, si fa obbligo ai proprietari o conduttori di aree private o pubbliche di procedere alla completa pulitura di tali aree da stoppie, frasche, cespugli, arbusti e residui di coltivazione, nonché provvedere al taglio di siepi vive, erbe e rami che si protendono sul ciglio stradale, nonché sui corpi illuminanti pubblici ed altre condutture aeree, di sgombrare le suddette aree da immondizie, materiali putrescibili e quant’altro possa essere anche veicolo di incendio. E, cosa fondamentale, viene fatto divieto di accensione di fuochi dal 1 aprile al 30 settembre (salvo autorizzazione).

“Questo atto va a regolamentare una problematica fondamentale per il territorio – conclude l’assessore Migliaccio – e le sanzioni oscilleranno tra i 100,00 e i 1000,00 euro come previsto dal regolamento comunale.”

 

2 Comments

2 Comments

  1. Fabio

    Gen 11, 2017 at 17:01

    E diventato una emergenza proprio perche’ erba e tutto il resto deve essere trasportato a Napoli come rifiuti speciali costando un sacco di tempo e soldi.

  2. Geppy

    Gen 11, 2017 at 20:10

    E quindi il comune si autosanziona?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top