primopiano Sport

Ischia, confermata la presentazione sul Giulia Settore Giovanile, (ancora) non si muove nulla

E’ stata davvero una brutta batosta per la SSD Ischia il mancato inserimento (anche se tecnicamente non è così, visto che la società gialloblu c’è) nella graduatoria dei club ripescabili in Promozione. La triplice preclusione alla riammissione nella categoria superiore, era risaputa, eppure la dirigenze gialloblu, con in testa il presidente Emanuele D’Abundo, davvero è sembrata cadere dalle nuvole. Comunque, dopo lo sgomento iniziale, lo stato maggiore ha titubato sulla opportunità di confermare o meno la conferenza stampa di presentazione del nuovo organigramma – che negli intenti del patron doveva essere anche il momento in cui sarebbe stata annunciata la certa prossima partecipazione al campionato di Promozione – fissata per mercoledì 8 agosto (alle 20:00) sul nuovissimo traghetto della Medmar, il Giulia.
Quella che avrebbe dovuto essere (e sarà) una vera e propria kermesse, non sarebbe però saltata del tutto. Infatti, pareva possibile che fosse stata comunque messa in scena, ma solo per presentare la maglia con cui il club scenderà in campo nella prossima stagione (cosa che sarà comunque fatta). Invece, il presidente D’Abundo ha voluto tenere fede a quanto stabilito coi suoi (non tutti questi pare fossero d’accordo sulla eventualità di proseguire nell’organizzazione) e procedere alla manifestazione, nella quale illustrerà definitivamente il progetto decennale (con vista sulla Lega Pro) che ha buttato giù in questi lunghi primi mesi da numero uno gialloblu. C’è attesa per le parole di D’Abundo in generale, ma soprattutto per quelle che il patron proferirà in relazione al Settore Giovanile del club. A parte la mancanza – ufficiale – di un impianto su cui svolgere le attività (il “San Leonardo” di Panza pare essere vicino all’acquisizione), ad oggi un solo tecnico farebbe parte della struttura giovanile, Massimo Fontanella, ex primo mister della Rinascita Ischia Isolaverde.
Inoltre, la Sangennarese, ai sensi di una decisione della Corte Territoriale di Appello (irregolarità per quanto concerne il campionato di Juniores – Attività Mista 2015/16, quindi commesse quando il club era in mani vesuviane), avrà da scontare nel prossimo stesso campionato 3 punti di penalizzazione in classifica. Per come stanno le cose oggi, la SSD Ischia non riuscirà a mettere in piedi una squadra per la categoria. Ciò potrebbe invitare la dirigenza gialloblu a completare comunque una rosa di giovani per il campionato in questione, perché la Federazione potrebbe non aspettare in eterno la creazione della stessa.

MONTEFUSCO – Altra questione che tiene banco da un po’ di giorni (è ritornata in auge dopo il boom iniziale legato al nome di Gigi Pavarese che, bontà sua ha salutato prontamente il progetto gialloblu per lidi superiori) è quella intorno al ruolo di grande consulente del presidente Emanuele D’Abundo ma anche supervisore del Settore Giovanile gialloblu, che come si sa andrà sotto la responsabilità di Pino Taglialatela. Ebbene, i contatti fra le parti, come abbiamo annunciato la settimana scorsa, ci sono stati, ma ad oggi pare che l’accordo non sia stato chiuso. Montefusco, che dovrebbe essere sull’Isola Verde per 1-2 giorni a settimana, nei quali espleterebbe le sue funzioni, attenderebbe un colloquio definitivo con il presidente D’Abundo, probabilmente per discutere delle cifre dell’accordo. Probabilmente avverrà nelle prossime ore, visto che mercoledì l’intero organigramma sarà svelato a stampa e tifosi.

SQUADRA – I numerosissimi contatti mossi da Ciro Bilardi in primis, hanno portato ad una costruzione della rosa che, pur non ancora (ovviamente) definitiva, ma che per la Prima Categoria è una buona base. In questo momento, la SSD Ischia può contare sui portieri, Tufano, Fluido, Arcamone e Balestrieri più Del Deo, Alessandro e Gigio Trani, Mancusi, Chiaiese, De Simone, Gianni Conte, Fondicelli e Faber Ferrandino. Sul tavolo, la trattativa con Ciro Saurino, con cui pareva essere stato trovato un accordo preliminare, che poi si è rivelato poco consistente.

SIRENE DALLA TERRA FERMA – Come scrivemmo sul quotidiano di ieri, per la SSD Ischia esisteva, almeno fino alle 18:00 di ieri pomeriggio, la possibilità di intercettare la volontà di cedere un titolo da parte delle dirigenze di quelle squadre che, nonostante la proroga alle iscrizioni concessa dal Comitato Regionale, stessero ancora annaspando per riuscire a chiudere felicemente la vicenda. Infatti, nelle ultime ore, all’attenzione del presidente D’Abundo sono pervenute più offerte di titoli dalla terra ferma (parliamo di club che molto probabilmente non si iscriveranno alla Promozione), che quasi certamente sarebbero passati di mano davvero per pochi spiccioli. Netta, e prevista perché prevedibile, la replica dell’armatore: un no convinto, nel solco di quanto detto dallo stesso in tutte le precedenti occasioni in cui è stato tirato in ballo l’argomento.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment

  • nulla da eccepire sull’articolo, a parte una piccola pecca … a definire “nuovissimo” un traghetto del 1971 solo perchè è stato ripitturato ci vuole un bel coraggio.