primopiano

Ischia trema ancora. Scossa poco dopo le 10,00

Ancora un evento di media entità si è registrato sull’Isola d’Ischia, un evento che ha fatto tintinnare le suppellettili e sobbalzare i cittadini intorno alle 10,02. Il boato, il classico rumore e il conseguente tremore  si sono uditi sentito nitidamente a Casamicciola, Lacco, Forio fino a Panza e Buonopane. L’Osservatorio Vesuviano sta analizzando la situazione per individuare correttamente epicentro e magnitudo. L’evento è stato registrato sia dalla stazione IOCA che dalla OC9.

Fortunatamente solo tanto spavento, non si registrano danni a persone o cose.

La registrazione  automatica INGV delle coordinate ha reso una prima localizzazione a 4044,43 di latitudine e 1354,91 di longitudine,  la magnitudo è stata indicata con un valore di 2,5. Tutto mentre ancora l’evento è in fase di studio da parte degli esperti dell’Osservatorio. Ancora una volta Casamicciola nella zona boschiva sopra l’attuale zona Rossa.

Il comunicato ufficiale conferma la magnitudo 2,5 e rende coordinate dell’epicentro pari a 40.43.75 di latitudine e 13.54.30 di longitudine. Nel merito seguiranno aggiornamenti.

Gli ultimi dati forniti dagli esperti modificano leggermente la latitudine che risulta rispetto alla precedente più a sud, sul picco dell’Epomeo: latitudine 40.7292; longitudine 13.9063, profondità 2.0 km magnitudo confermata a 2,5.

 

I DATI UFFICIALI DI INGV

Terremoto di magnitudo Md 2.5 del 08-08-2018 ore 10:02:00 (Italia) in zona: 1 km S Casamicciola Terme (NA)

Un terremoto di magnitudo Md 2.5 è avvenuto nella zona: 1 km S Casamicciola Terme (NA), il

  • 08-08-2018 08:02:00 (UTC)
  • 08-08-2018 10:02:00 (UTC +02:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 40.74, 13.91 ad una profondità di 2 km.

Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Operativa INGV-OV (Napoli).

ALLERTATO IL COM, GRIMALDI E PINTO AD ISCHIA

Fortunatamente solo tanto spavento, non si registrano danni a persone o cose. Paura e timore per il possibile contraccolpo turistico, ma nonostante le preoccupazioni iniziali non si sono registrate fughe di massa o allontanamenti dall’isola verde. In ogni caso il commissario delegato Giuseppe Grimaldi ha allertato il COM, i sindaci del cratere Giacomo Pascale e Giovan Battista Castagna hanno provveduto a disporre i primi sopralluoghi e le verifiche necessarie con il coordinamento della Polizia Locale diretta da Raffaele Monti e Giovanni Mattera. Progettisti e direttori dei lavori affidati in somma urgenza e con delega commissariale sui cantieri per osservare la tenuta delle opere di messa in sicurezza.Nel pomeriggio il Capo della protezione Civile Regionale Massimo Pinto ed il Commissario delegato Giuseppe Grimaldi sono giunti in elicottero sull’isola con una delegazione per effettuare diversi sopralluoghi sia nelle zone ammalorate dal sisma del 21 agosto 2017 che sugli alvei e le zone interessate dai processi franosi. Immancabile il sopralluogo a Piazza Majo e Piazza Fango e poi il volo in elicottero per rilevare dall’alto lo stato del territorio .

GIUSEPPE GRIMALDI, COMMISSARIO DELEGATO

Struttura allertata, sopralluoghi doverosi dopo la paura 2.5?

“Abbiamo fatto un sopralluogo insieme al direttore generale della protezione civile della regione Campania perché avevamo ricevuto delle segnalazioni, ma danni nuovi non ve ne sono. Saranno in ogni caso saranno fatte delle verifiche da parte della direzione generale nei giorni a venire“.

COM Allertato, altri interventi previsti?

“ Spero di far partire al più presto la restante parte degli interventi appena avremo la conferma dell’avvenuta pubblicazione della delibera da parte del consigli dei ministri che dovrebbe finanziare gli ulteriori fondi richiesti per lo stato di emergenza. A quel punto faremo partire anche gli altri interventi urgenti che al moneto attendono di essere avviati.

Ha sentito i sindaci?

“Si ho sentito il sindaco di Casamicciola Castagna, che aveva predisposto dei sopralluoghi specifici nelal zona rossa“.

Ci sono novità, c’erano delle voci sulla possibile imminente nomina?

“ No, io personalmente non ne ho“

MASSIMO PINTO, DIRETTORE GENERALE PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

Dott. Pinto ancora paura ad Ischia, siete intervenuti il COM è allertato. Quale la situazione al termine dei sopralluoghi?

“ Non c’è da avere timore. Siamo intervenuti perché monitoriamo la situazione. Siamo presenti ad Ischia proprio per garantire la cittadinanza. Abbiamo verificato quanto avvenuto e se c’era la necessità di ulteriori interventi in emergenza.Non c’è necessità in questo momento. Torneremo successivamente.“

In termini di messa in sicurezza oltre al terremoto bisogna pensare al rischio idrogeologico, al rischio incendi. Oggi due frane. C’è ancora molto da fare ad Ischia?

“Sicuramente si, abbiamo già parlato delle urgenze con il commissario delegato Grimaldi, stiamo già monitorando i diversi progetti in essere ed i possibili stanziamenti che su Ischia attendono di essere impiegati per migliorane gli aspetti. La regione, ma anche il governo centrale ha previsto diversi finanziamenti in tal senso, stiamo tentando di capire come siano attuabili ora perché rendano al meglio. C’è ancora molto da fare le attività sono in corso. Fortunatamente rispetto allo scorso anno in termini di incendi siamo un po’ più tranquilli. Per certi versi la pioggia ci sta aiutando ma anche l’attenzione che si sta mostrando sotto questo profilo, anche da parte della cittadinanza, è più alta. C’è una maggiore sorveglianza. Speriamo di continuare cosi. Noi ci siamo e continueremo a monitorare“

OSPEDALE, CAPUANO DISPONE VERIFICHE E NUOVO PIANO DI EVACUAZIONE

L’ultimo evento che ha scosso l’isola a quasi un anno dalla tragedia sismica più grande degli ultimi anni per Ischia ha mosso alla massima cautela.Il direttore sanitario dell’ospedale Anna Rizzoli ha disposto proprio ieri le verifiche in ordine ai possibili effetti ed alle conseguenze patite dall’ospedale. Un check-up che ha dato ancora ottimi riscontri in ordine alla tenuta sismica del presidio di via Fundera. Verifiche effettuate dal’Ingegnere regionale Palma. Diposto anche il piano di evacuazione con la classificazione delle modalità e delle vie di fuga in ordine alla patologia ed alla autonomia deambulatoria.
“Abbiamo effettuato le verifiche con il nostro ingegnere Palma, Non vi sono esiti alcuni derivanti dal recente sisma. Ho disposto il piano di evacuazione. I pazienti sono stati classificati secondo la possibilità o meno di spostarsi autonomamente con una codice verde, giallo e rosso. In rianimazione al moneto era ricoverato un solo paziente“.

Un atto dovuto per una struttura che nel pieno della stagione turistica è quasi al completo con tutti i 60 posti letto occupati. Tra questi dai 10 ai 15 pazienti immobilizzati ed impossibilitati a spostamenti autonomi vista la ridotta mobilità.

IL DIRETTORE DELL’INGV FRANCESCA BIANCO

“L’evento sismico di oggi – spiega la direttrice dell’osservatorio vesuviano, Francesca Bianco – rientra perfettamente negli standard dell’isola, che noi monitoriamo costantemente dal 1993. Scosse di questo genere – prosegue l’esperta – si registrano periodicamente, ad intervalli di tempo regolari“.

NIENTE ALLARMISMI, LA PAROLA AI SINDACI
“ Non c’è stato alcun danno a cose e persone da informazioni pervenute; la paura che si è ingenerata tra la gente e soprattutto tra quei villeggianti che lasciano l’isola è ingiustificata”. Così Rosario Caruso, sindaco di Serrara Fontana, ai microfoni dell’Ansa. “Mi stanno sollecitando numerosi albergatori allarmati perché i propri clienti hanno manifestato l’intenzione di partire in giornata, fenomeno che riguarderebbe soprattutto la zona sismica interessata”. La scossa, con epicentro Casamicciola, è stata percepita da gran parte della popolazione. L’invito del sindaco è “alla calma e a non allarmarsi, trattandosi di un fenomeno normale in una zona sismica come Casamicciola”. La Guardia Costiera, intanto, è già stata allertata, nessuna corsa speciale o nessun controesodo. Molti operatori turistici annunciano possibili disdette e cancellazioni delle prenotazioni per le prossime settimane. Quasi un anno fa, a Casamicciola una scossa magnitudo 4.0 provocò 2 morti e più di 2.400 sfollati.

 

 

Tags

10 Comments

Click here to post a comment

  • Di scosse simili e pure più forti in centro Italia ne fanno ogni giorno tantissime….non diffondiamo inutili allarmismi…andate a vedere sul sito INGV quante scosse ci sono in Italia ogni giorno…

    • Grazie per la notizia. Sono notizie importanti e veramente non capisco le lamentele.
      Quando non siete informati vi lamentate!
      Quando siete informati vi lamentate!

      • Non si tratta di lamentele…era solo per dire di non allarmare le persone….se dovessimo dar retta a tutte le scosse di terremoto che avvengono in Italia ogni giorno dovremmo emigrare….ricordiamoci che viviamo di turismo…insieme alla notizia diamo anche rassicurazioni come ha fatto il sindaco di serrara

        • Appunto, “in primis” i turisti devono essere informati!!!
          Devono sapere dove mettono piede!!!

          • Se per questo allora i turisti devono sapere dove mettono i piedi anche alle Eolie dove ogni giorno fa un terremoto in mare e dove il vulcano Marsili sta li per esplodere…devono sapere dove mettono i piedi in Sicilia dove a Messina fanno scosse in continuo…devono sapere dove mettono i piedi in tutta l’Umbria meta di tanti pellegrini…e potrei continuare per tutta la penisola…solo la Sardegna non è sismica…quindi cari turisti venite a Ischia che è molto più sicura di tanti altri posti….e poi io abito a Ischia porto…neanche l ho sentita la scossa….

        • non prendete tutto sotto gamba, gli isolani sono traumatizzati, ci vorra’ del tempo per far rientrare la quiete.

  • Se ne fa solo un’altra di queste scossette ricomincia il fuija fuija e finiamo di nuovo la stagione prima del tempo. Ma a me che me ne frega a me, io non lavoro in albergo!!1!

    • Arnoldo… se vivi sull’isola, vivi cmq direttamente o indirettamente di turismo. Anche il vigile prende lo stipendio dal comune che prende gli introiti (anche) dal turismo e così via. Avvocati, notai, meccanici… in qualche modo tutti siamo dentro il turismo. Oppure sei zappatore autonomo in montagna da dove non scendi mai? (scherzo, eh)

    • A genioooo…..forse n’ hai capito che l’unico indotto economico di Ischia è il turismo….tramite strutture ricettive e se si svuotano quelle t ‘ attacchi al caxxo anche te…anche se non lavori in albergo….a genio…fatti due calcoli che ci dovresti arrivà da solo….ma uno che scrive “ma a me che me ne frega a me” mi sa che non ce la può fare!!!

      • Ma un po’ di ironia non la conoscete proprio… Gabriele tu sei il re degli scollegati dalla realtà. “Svegliatiiii a genioooo…” (gridato con la mano vicino alla bocca a mo di megafono).
        Che tristezza che sei…
        E nonostante tutto cerco di non dipendere troppo dal turismo. Soprattutto avendo uno stile di vita semplicissimo. Che qua non è proprio il caso di fare gli spacconi… Capito ‘a genioooooooo (sempre col megafonetto)…