primopiano

Iniziative sociali, Dionigi approva sette tirocini

Anche il Comune di Barano dà il via sul proprio territorio al progetto “Sperimentazioni di opportunità nella rete del welfare locale” attuato dall’Ufficio di Piano dell’Ambito N13. Interventi finalizzati al «contrasto alle povertà, non in una logica di assistenza ma di supporto al reddito attraverso il potenziamento di un mercato del lavoro inclusivo promuovendo servizi di qualità», così come dal Piano di Zona.
L’adesione del Comune di Barano, approvata con delibera di Giunta, si concretizza con l’attivazione di sette tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo, della durata di cinque mesi ciascuno, di cui uno in favore di disabili. I tirocini verranno attuati all’interno dei vari settori comunali per l’acquisizione di competenze in merito alle attività e servizi erogati dall’Ente locale.
I requisiti per rientrare nella categoria di tirocinante, come per legge, sono: «Per i tirocini di inserimento o reinserimento al lavoro, i soggetti inoccupati, disoccupati, lavoratori in mobilità, lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione da almeno sei mesi, esclusi i beneficiari di Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria»; oltre ovviamente i tirocini di orientamento e formazione o, di inserimento o reinserimento in favore di disabili.
La stessa delibera stabilisce di corrispondere al singolo tirocinante, in relazione all’attività prestata, un’indennità di partecipazione mensile lorda per n. 30 ore settimanali pari a 600 euro. Per una spesa complessiva calcolata in 21.000 euro, comprensiva di oneri assicurativi, che sarà impegnata a cura dell’Ufficio di Piano sul FUA (Fondo Unico di Ambito) con utilizzo dello stanziamento del Comune di Barano d’Ischia per il 2018.
Vengono quindi demandati al Coordinatore dell’Ufficio di Piano «l’individuazione del soggetto promotore e la definizione di tutti gli atti consequenziali in esecuzione della presente deliberazione e all’Ufficio Inserimenti Lavorativi dell’Ufficio di Piano l’individuazione degli operatori da incaricare pur significando che i soggetti saranno individuati dall’elenco in base al progetto globale stilato e alle attività da espletarsi, rispettando un criterio di adeguatezza al compito da affidare». Precisando che «risulta fondamentale l’abbinamento mirato utente-risorsa sull’analisi del caso (progetto globale) in relazione alle caratteristiche del luogo e delle mansioni specifiche richieste dalla sede lavorativa».

Tags

Add Comment

Click here to post a comment