primopiano

Il Museo del Mare non morirà e vivrà di nuova linfa

Gianni Vuoso | Il Museo del Mare non morirà e vivrà di nuova linfa. A rincuorare i fondatori e quanti hanno partecipato all’assemblea che si è tenuta ieri sera nella sede del Palazzo dell’Orologio di Ischia Ponte, è stato il senatore Salvatore Lauro che ha garantito un buon contributo economico anche attraverso l’istituzione di una navetta che accompagnerà i visitatori. Una navetta che farà concorrenza alla miniZizi ma che avrà la sua efficacia per l’accompagnamento di turisti ed ischitani di una certa età che vorranno recarsi al Museo. Un incontro ricco di prospettive e di buone speranze, che ha visto una buona partecipazione di amici e sostenitori che a gran fatica hanno cercato di dibattere, sopraffatti dall’assordante quanto inutile frastuono delle campane e dei botti che hanno accompagnato la concomitante processione. Sa citare innanzitutto, la sottoscrizione di oltre una ventina di nuovi adepti e sostenitori dell’iniziativa. Poi da registrare la richiesta avanzata dal vicepreside del Nautico prof. Luigi Lamonica, di stringere uno stretto rapporto fra scuola e Museo, come già avviene nella sede di Bagnoli, vista la presenza dell’istituto ischitano che da quest’anno, occuperà la nuova sede dell’ex Liceo Classico: “E’ un motivo in più per legare la scuola a questa bella istituzione- ha detto il prof. Lamonica- un motivo estremamente valido per promuovere una serie di progetti che ovviamente dovranno vedere in una scuola come la nostra, il partner prioritario e che dovrà essere volano di rapporti più stretti con tutte le scuole dell’isola di ogni ordine e grado”.
Certo c’è il problema degli spazi.
Attualmente il Museo è sistemato in locali molto stretti e scoppia di reperti, tanto che molti altri giacciono in un deposito perché non c’è la possibilità di esporli.
Non sarebbe da scartare l’idea di esporre proprio nella hall del nuovo Istituto nautico, alcuni reperti sia per fare spazio ad Ischia Ponte sia per attestare il legame fra la scuola e il Museo.
Ma altrettanto valida è l’idea di attendere la chiusura della sede Inps dello Stradone ad Ischia ponte (visto che ormai tutti i servizi sono online e sembra che non ci sia più bisogno di uffici), per sistemarvi il Museo.
Insomma, non sono mancate le proposte per rivitalizzare il Museo e la relativa associazione, in primo luogo una più capillare sensibilizzazione degli studenti. Ma fra un’idea e l’altra, il dato più positivo che emerge è che il Museo rimarrà aperto e potrà continuare a navigare.

Tags

Add Comment

Click here to post a comment