Sport

Il Giugliano è troppo forte, 4 graffi ad un buon Barano

Troppo forte il Giugliano per l’ingenuo e sprecone, ma comunque buono, Barano di questi tempi. La squadra di Massimo Agovino, grazie alla sua enorme qualità dal centrocampo in su (che sopperisce spesso anche ad una difesa un po’ ballerina), ha portato a casa i tre punti in palio al Don Luigi Di Iorio agganciando momentaneamente il Frattamaggiore in testa alla classifica del girone A. Gli uomini di Gianni Di Meglio, che ha impostato una gara inizialmente sul contenimento dell’avversaria, resiste come può e quando arriva il momento di ferire non riesce quasi mai a farlo. Un po’ come successe nel derby perso rocambolescamente col Real Forio. La salvezza diretta, ancora possibile, passa per gli aquilotti per la gara della prossima domenica, in casa della diretta concorrente Flegrea.
La gara ha visto il Giugliano partire forte, ma la prima occasione capita a Cirelli, che spreca da buona posizione con un pallonetto. Gol fallito, gol subìto per gli aquilotti: su corner Fava Passato porta avanti gli ospiti, che iniziano a giocare sul velluto. Il pressing alto della squadra di Agovino rende la vita quasi impossibile al Barano, che resta nella sua metà campo per molto tempo e subisce ripartenze anche non avendo una spiccata propensione offensia. Prima del raddoppio di Barone Lumaga (gran sinistro dai 22 metri all’incorcio), il Giugliano sfiora il gol almeno 3 volte con Cassandro (palo di testa), Liccardo e Manzo su punizione. Dopo il 35’, gli ospiti si siedono ed il Barano fallisce 2 clamorose palle gol per accorciare. In entrambi i casi è Guidone, che sfrutta disattenzioni difensive e si vede salvare la conclusione a Mola battuto in entrambe le occasioni sulla linea.
Gianni Di Meglio, che ha guardato la partita da più posizioni diverse, inizia la ripresa senza con Scritturale al posto del non al meglio Guidone, spostando Raffaele Cuomo (prestazione brutta a centrocampo) nel ruolo di terminale offensivo. Non ha nulla da perdere (e si vede) il Barano, che ci prova e riesce a trovare anche il gol già al 53’ con Scritturale. Ma, sfruttando un calcio di punizione dalla sua mattonella, Manzo rispedisce indietro le velleità baranesi di rimonta solo un paio di minuti dopo. Prima della metà della frazione, Fava fa doppietta e praticamente archivia la pratica isolana. Il resto è accademia per la formazione giuglianese, fra la festa dei suoi tanti (rumorosi e “fumanti”) tifosi al seguito, tanti cambi e qualche altro buon intervento di Di Chiara, più un paio di altre occasioni fallite da Cirelli & co.

LE FORMAZIONI – Il Barano si è presentato all’appuntamento senza gli squalificati Kikko ed Angelo Arcamone e Christian Cuomo. Gianni Di Meglio (anche lui squalificato) ha schierato i suoi con un 4-1-4-1 che ha visto in campo gli acciaccati Pistone e Guidone. Aquilotti sul terreno di gioco con Di Chiara fra i pali, la linea difensiva composta da Errichiello, Chiariello, Di Costanzo e Pistola, il centrocampo composto da Montanino, Conte N., Cuomo R. e più Cirelli con Pistone vertice basso e Guidone in avanti.
Sul versante opposto, Massimo Agovino è giunto alle chianole senza il febbricitante De Rosa ed ha mandato il Giugliano in campo con 4-3-3 che era fatto da Mola in porta, Liguori, Cassandro, Di Girolamo e Mennella in difesa, a centrocampo Barone Lumaga, Liccardo e Tarascio con Manzo, Fava Passaro e Caso Naturale in attacco.

FAVA FULMINA TUTTI – Il match inizia con un minuto di silenzio in onore del giovane Lorenzo, piccolo atleta del Kodokan. Al minuto 6, lancio in profondità di Cuomo per Cirelli, che guadagna spazio su Cassandro ma con un pallonetto manda altissimo da buona posizione. Repalica subito il Giugliano, con una conclusione dal limite di Barone Lumaga, che Di Chiara devia in calcio d’angolo. Sul corner battuto da Manzo, Fava Passaro colpice di testa da pochi passi e fulmina il portiere del Barano. Al quarto d’ora, sugli sviluppi di un altro corner, si crea una mischia fra Chiariello e Tarascio, che complica la conclusione al baranese e Mola interviene bloccando. Poco dopo, Fava gira un pallone dal limite e sfiora la traversa ed un gol da cineteca.

BARONE LUMAGA SUPER – Al 19’, Giugliano vicinissimo al raddoppio: ripartenza con palla che capita a Manzo sulla tre quart baranese, cross per Cassandro in area che coglie il palo di testa a portiere battuto. Ospiti vicini al raddoppio con una punizione di Liccardo dai 25 metri ben respinta da Di Chiara e con un’altra calciata da Manzo dal limite che sfiora la traversa. Al 24’, il Giugliano raddoppia: Barone Lumaga riceve palla ai 22 metri e lascia partire un sinistro di contro balzo che si è insaccato nel sette della porta baranese. Al 37’, pasticcio difensivo del Giugliano, si inserisce Guidone, che resiste ad una carica e di punta supera Mola in uscita ma Di Girolamo salva sulla linea. Poco più di un minuto dopo, Di Girolamo tocca indietro al suo portiere, la palla è corta e ancora Guidone si inserisce e supera l’estremo difensore con un altro pallonetto che Cassandro toglie dalla porta. Barano vicino al gol ancora al 40’, con un destro di Cirelli dal limite che termina di poco alto.   

SCRITTURALE-MANZO, BOTTA E RISPOSTA – Il Barano trova il gol al 53’. Raffaele Cuomo imbastisce una ripartenza, tiro di Cirelli che coglie la traversa e dopo un paio di ribattute è Scritturale, appena entrato per Guidone, a mettere dentro. Passano un paio di minuti e Manzo (che poi lascerà il campo a Murolo), con una punizione dai 22 metri, gira la palla sul palo coperto da Di Chiara, che può solo raccogliere la palla in fondo al sacco. Si giunge al 63’ e alla rete di Fava Passaro, che raccoglie un assist di Manzo quando è di poco all’interno dell’area e di destro ha superato Di Chiara abbastanza agevolmente. Il Barano potrebbe accorciare poco dopo l’80’, quando un destro non pulitissimo di Cirelli viene allontanato da Liguori quando balla nei pressi della porta di Mola. Poco dopo, mezzo miracolo di Di Chiara, su conclusione di Murolo deviata da Chiariello. A 3 minuti dalla fine, dopo tanti cambi, Pistone, che risente degli acciacchi patiti in settimana, lascia il campo a D’Antonio. Tutto finisce qui.

BARANO      1
GIUGLIANO            4

BARANO (4-1-4-1): Di Chiara, Errichiello, Pistola, Pistone (87’ D’Antonio), Chiariello, Di Costanzo, Cirelli, Conte N., Guidone (46’ Scrittuale), Cuomo (74’ Manieri), Montanino. A disposizione: Migliaccio, Di Meglio, Conte A., Mattera, D’Antonio, Brienza, Loaicono. All.: Ciro Mennella (Gianni Di Meglio squalificato)

GIUGLIANO (4-3-3): Mola, Liguori (88’ Peluso), Mennella, Barone Lumaga (80’ Sardo), Cassandro, Di Girolamo, Tarascio (84’ Fragliello), Liccardo, Liccardo, Fava Passaro, Manzo (67’ Murolo), Caso Naturale (75’ Bacio Terracino). A disposizione: Catuogno, Migliarotti, Carbonaro, D’Angelo. All.: Massimo Agovino

Arbitro: Umberto Crainich della sez. di Conegliano (Ass.: Pietro Manfredini e Roberto Ferrara di Castellammare di Stabia)

Reti: 7’ e 63’ Fava Passaro (G), 24’ Barone Lumaga (G), 53’ Scritturale (B), 56’ Manzo (G)

Ammoniti: Pistone, Errichiello, Di Costanzo (B), Liguori, Manzo (G)
 
Calci d’angolo: 4-5

Recupero: 1’ p.t., 4’ s.t.

Spettatori: 180 circa, con una consistente presenza ospite



Add Comment

Click here to post a comment