Società

Guardo, Osservo e scatto mostra fotografica al Torrione

Anna Lamonaca |Grande successo di pubblico per l’inaugurazione della Mostra degli allievi del corso di fotografia “Guardo osservo e scatto”, I° corso di fotografia digitale teorico pratico” tenuto da Claudio Iacono. Domenica 3 marzo, presso la sala inferiore del Museo Civico del Torrione alle ore 17.00, i visitatori hanno potuto assistere alla cerimonia d’apertura della mostra ed al taglio del nastro presenziata da Giuseppe Magaldi Presidente dell’Associazione Radici e dal Vice-Presidente Luigi Castaldi ed inoltre hanno potuto osservare le foto scattate nelle uscite esterne programmate ed organizzate durante le lezioni. Una vera immersione nella tecnica dello scatto che con la mostra è diventata ben altro: un tuffo nell’arte, mettere in pratica quella tecnica affiancata alla fantasia di ogni corsista. Il risultato è stato molto particolare, tanti modi di vedere con uno sguardo appassionato la fotografia, un racconto per immagini fatto di paesaggi urbani, dettagli naturalistici, impressioni, visioni, concetti indagati con profondità e poetica da: Deborah Calabrese, Alessia Pia Colella, Andrea Cortese, Franco Cortese, Bruno Granito, Anna Lamonaca, Graziella Mihalache, Ilaria Montuori, Clementina Petroni, Pietro Pezzella, Veronica Repole, Pina Verde, Giovanna Zacchia. l lavori degli allievi saranno in mostra fino a domenica 17 marzo dalle 17.00 alle 19.00. -“Sono molto contento di come si è svolto il vernissage di questa mostra che è stato la mia prima esperienza di corso ad Ischia.- Ha dichiarato con soddisfazione Claudio Iacono-“I corsisti sono stati molto bravi e poter scegliere solo 2 fotografie per ognuno di loro è stato difficile poiché erano tutte molto belle. Sono molto orgoglioso di tutti, la mostra è dedicata ai loro lavori e sono contento che siano stati felici e soprattutto soddisfatto della grande affluenza di pubblico che è venuto a vederla. La scelta degli scatti è stata effettuata secondo delle regole, partendo innanzitutto dal rispetto di quelle fondamentali trattate durante il corso e poi sotto l’aspetto artistico ed emozionale che la fotografia donava. Devo dire che tutti si sono comportati egregiamente sia dal punto di vista tecnico che artistico, dando la certezza che gli argomenti trattati nel corso erano stati ben compresi.”- Claudio ha concluso. “Sono rimasta colpita dalla preparazione e dalla conoscenza della materia del nostro relatore. In poco tempo, non solo è riuscito a trasmetterci la sua passione, ma ci ha insegnato anche tutti gli aspetti tecnici della fotografia. Se prima scattavo le foto solo con il cuore, ora uso anche la testa”- ha dichiarato Deborah Calabrese. La giovane Alessia Colella si è detta molto felice di questa mostra e ci ha raccontato la sua esperienza: -“È stata un’iniziativa molto carina ed interessante che ha dato l’opportunità non solo alle persone che amano già il mondo della fotografia di approfondirlo, ma anche a quelli che volevano approcciarsi ad essa di avere le basi fondamentali per scattare. Se pur in sole due domeniche, siamo riusciti anche a stabilire dei rapporti d’amicizia con tutti i partecipanti creando un bel gruppo di lavoro. È stata davvero un’esperienza che rifarei volentieri.” Giovanna Zacchia altra giovane allieva ci ha raccontato-“Guardo, Osservo, Scatto” è stata per me un’esperienza molto motivante poiché, non avendo conoscenza della materia, mi ha fatto capire ed imparare molte cose che prima vedevo con un occhio diverso. La mostra fotografica rappresenta un lavoro ben realizzato ed anche al di sopra delle mie aspettative. Sono soddisfatta della modalità in cui è stata proposta la mostra ed anche di tutti i risultati fotografici commentati da Claudio. Veronica Repole altra corsista ci ha espresso il suo pensiero: Mi sono divertita molto grazie agli insegnamenti del maestro adesso riesco a fotografare tutte le sfumature che prima erano solo nella mia testa e sono entrata a far parte di una grande famiglia”. Ilaria Montuori:”Iniziative come questa consentono di arricchirsi sia dal punto di vista teorico-pratico che da quello personale. Tra persone che condividono una stessa passione infatti, avviene una sorta di riconoscimento. Bellissima esperienza professionalità, empatia e tanta voglia di migliorare, aspetto già il corso successivo!” Graziella Mihalache ha deciso di comprare una macchina fotografica: “Il corso ha stimolato la mia curiosità, per me è stato molto utile perché oltre a scattare una semplice foto, non avevo nessuna conoscenza delle impostazioni in modalità manuale, saper usare “tempi”, “diaframmi”, “ISO”. Oltre a chiarire perfettamente queste basi della tecnica il Maestro Claudio Iacono è stato di grande aiuto e molto paziente. Come già detto mi  ha aperto un mondo. Una bellissima iniziativa a mettere in mostra i nostri scatti presso il Museo Civico del Torrione, grazie all’Associazione Culturale Radici.”

Il messaggio è chiaro… – ci ha confessato l’Avv. Bruno Granito- “Il corso è stato un invito  all’alternativa social. Puoi dimenticare il telefonino, ma mai la reflex, perché l’occhio, l’attenzione e il riflesso devono essere sempre pronti ad osservare quel che ci gira intorno, la vita nelle sue pieghe e sfaccettature e noi pronti a fermarne dei fotogrammi per regalare a chi ci sta intorno, momenti diversi attraverso i nostri occhi. Grazie a  Claudio Iacono ed all’Associazione Radici (Peppe e Luigi) per avere avviato questo progetto meraviglioso”. L’istrionica Clementina Petroni ci ha raccontato la sua esperienza dietro la macchina fotografica: “Ringrazio il nostro relatore e l’Associazione Radici per questa iniziativa che io ritengo molto bella, spero che si ripeta perché è stato interessante osservare ciò che ci circonda con occhi che scrutano, vedere i particolari diventa un’esperienza affascinante in modo da farci conoscere più attentamente e osservare con occhi più attenti i luoghi che ogni giorno vediamo, scattare fotografie tra le stradine di Forio, emozionandoci con il connubio di sentimento e creatività”. Pina Verde ha continuato: “Partecipare al corso è stata un’esperienza bellissima. Due giorni in cui tra teoria, pratica ed anche tanta allegria, Claudio ha saputo trasmetterci la voglia d’emozionarci nell’OSSERVARE ciò che guardiamo prima di scattare”. Andrea Cortese:”Il corso è stato svolto con grande professionalità e senza presunzione. Ho seguito la formazione con grande voglia che mi ha portato a guardare con occhio diverso quello che mi circonda, riuscendo a scattare foto in manuale cosa che mi era scocciante”. Franco Cortese: Questo corso è stato molto interessante. Grazie al maestro ho capito meglio la differenza tra fotografia digitale e fotografia analogica. La fotografia è un mondo meraviglioso che attraverso gli scatti, racconta una storia o un’emozione”. Ci ha poi raccontato Pietro Pezzella: “Ho seguito questo corso credendo d’avere un’infarinatura su come approcciare il mondo della fotografia, ma con Claudio Iacono ho imparato molto di più, ho un idea ben precisa su come s’imposta la macchina fotografica, ora sta a me approfondire la creatività! In una sola parola….. Soddisfatto! La mostra ha testimoniato quanto imparato dal corso e credo ci sia stato un buon risultato!”. Ha concluso poi Peppe Magaldi, Presidente dell’Associazione Radici: Essendo uno degli organizzatori non voglio porre l’accento sulla bontà del Corso sarebbe autoreferenziale, voglio invece plaudire l’impegno la dedizione e la passione profusa dai corsisti che sono stati come spugne asciugando ogni consiglio del docente ed hanno dimostrato con gli scatti la competenza, ma ancora più importante, la passione per la fotografia, mi ritengo soddisfatto dell’andamento dell’iniziativa in quanto ha portato un alito d’arte e di tecnica nella casa di un grande artista Giovanni Maltese. Le foto saranno in mostra fino al 17 marzo, vi aspettiamo!

Add Comment

Click here to post a comment