Giosi Ferrandino diventa presidente dell’ANCI Campania

L’importante, certe volte, è stare li e attendere gli eventi. E, come sarà per lo scranno europeo, per Giosi Ferrandino è arrivato il momento di iniziare a raccoglire all’ANCI Campania.

Francesco Paolo Iannuzzi, il sindaco di Monte di Procida, è stato sfiduciato da 10 consiglieri comunali e lo hanno “mandato a casa”. Un ben servito al politico di Forza Italia che sembra prenderle da più fronti. Se le dinamiche di casa “Monte di Procida” ci possono interessare relativamente, quelle regionali invece, assumono una conferma a quanto abbiamo scritto, ovviamente in solidutine all’indomani delle elezioni al vertice dell’associazione dei comuni,.

Per Iannuzzi, infatti, i dolori non solo quelli di casa sua, ma sono quelli che gli stanno arrivando anche da Stefano Caldoro e da Domenico De Siano. Dopo aver “tradito” il buon Mimì “U’ lacches” Iannuzzi e passato alla corte di Fulvio Martusciello (che a sua volta ha tradito Davide Conte dimenticandosi dei 450 voti raccolti ad Ischia proprio contro De Siano) ora ha ricevuto l’aut aut da parte di Caldoro se ha intenzione di candidarsi alla Regione con Forza Italia. Eggià, a Domenico non piace che Iannuzzi continui ad essere il dirigente regionale che firma i decreti di finanziamento ai vari comuni e così avere la leva sui sindaci e sui rappresentanti in tempo di elezioni. La stessa leva che fu usata contro Giosi Ferrandino, infatti, non deve avere effetti sui voti dei singoli candidati. Una bella gatta da pelare sia per Fulvio che per Iannuzzi che, da oggi, non è neanche più sindaco.

p.s. Per amor di cronaca è giusto ricordare ai lettori che la guerra a chi presenzia di più si è consmata anche in occasione dell’incontro ischitano con i termalisti che, tacitamente, hanno omaggiato chi ha fatto pesare un diritto come un piacere…

1 Comment

Click here to post a comment

  • e per noi cosa cambia? Come non ha fatto nulla in questi anni, così l’isola continuerà a sprofondare nel degrado dove lui e il lacchese l’ hanno portata.