primopiano

Ex Jolly, il parcheggio “regalato” prima di essere inaugurato…

C’è voluto quasi un mese per attivare il nuovo allaccio di energia elettrica dedicato per il costruendo parcheggio di Via De Luca.  Il servizio 7 del comune di Ischia, lo scorso 18 giugno ha inviato ad Enel Energia S.p.A. – Mercato libero dell’energia (quale fornitore ufficiale di energia elettrica Consip per Campania – adesione alla convenzione del 9 agosto 2017 Nr 3801949), la richiesta di allaccio e attivazione di nuova singola fornitura di Pz 30 kW – Tipologia Altri Usi – Tensione 380 V trifase in Via Alfredo de Luca,  Il 2 agosto arriva la risposta e viene comunicato l’importo  complessivo per l’attivazione: € 2.298,26 compreso IVA per l’attivazione del servizio. Si completano gli atti solo il 27 agosto ma il vero problema del parcheggio non è la luce, bensì il modus operandi che meriterebbe di essere portato all’attenzione dall’ANAC, l’autorità anti corruzione del dott. Cantone.

Il parcheggio dell’ex Jolly sarà affidato alla Publiparking, l’azienda che attualmente gestisce le strisce blu e che, con la decisione della giunta, riceve un vero e proprio vantaggio non previsto dalla gara alla quale preso parte. Una mossa che i funzionari del comune di Ischia devono sono avallare e firmare perché ai piani alti così hanno deciso.

Leggiamo insieme cosa ha deciso la GIUNTA in una sua delibera: «Stabilire che il Responsabile del Servizio 15 ed il Responsabile del Servizio 18 provvedano a completare l’adeguamento degli stalli a pagamento da individuare e consegnare nell’ambito del rapporto contrattuale con la ditta affidataria anche prevedendo la gestione in via sperimentale degli stalli individuabili nel parcheggio interrato di via Alfredo De Luca».

Il parcheggio che abbiamo appena costruito viene dato, per delibera di giunta, senza gara e senza trasparenza alla ditta che assume e licenzia i controllori della sosta come piace alla politica. Tra tutti ricorderete il genero di Paolo Ferrandino e la cugina di Giustina Mattera.

«In particolare – continua la delibera di giunta – sono individuati in aggiunta a quelli già consegnati, n.14 in via Michele Mazzella, presso il parcheggio della Pineta degli atleti con tariffa di sosta ad 1 euro all’ora e di 0,50 per la prima mezz’ora, n. 15 in via San Giovan Giuseppe della Croce, sul lato sinistro, riservando su tutti gli stalli di via San Giovan Giuseppe della Croce la sosta a tutti i residenti del Borgo di Ischia Ponte».

Nulla a che fare con il Parcheggio dell’ex Jolly, ma proseguiamo perché il bello viene ora.

«Anche dopo queste ulteriori aggiunte vi sono circa 124 stalli di sosta da assegnare, che in via sperimentale e con specifica regolazione sino al 31/12/2018 sono individuati nel parcheggio di via Alfredo de Luca. Applicare in via sperimentale per gli stalli di sosta ubicati nel citato parcheggio le medesime tariffe previste per gli stalli ubicati in via Alfredo De Luca, oltre alla possibilità di sottoscrivere, limitatamente agli stalli ubicati nella parte interrata del parcheggio, un abbonamento periodico (mensile/semestrale/annuale} per residenti nella zona centrale – S. Ciro e Marina portuale – con stallo dedicato ad una tariffa commisurata ai valori di mercato applicati da strutture similari in zona».

Eggià, avete letto proprio bene, il parcheggio dell’ex Jolly secondo la giunta del comune di Ischia  sarà il parcheggio dei residenti. Che avranno il loro “stallo dedicato”. Si, 124 auto tutte della zona che avranno il loro posto auto al coperto in Via Alfredo De Luca. Noi pensavamo che il parcheggio sarebbe servito alla zona “porto” e “corso” e “spiagge” come occasione per consentire il commercio, sviluppare l’economia, far crescere il paese. Nulla di tutto ciò. Ma chisà, forse dal prossimo anno sarà diverso…

Di fatto, quel che viene fuori, però, è che i funzionari del comune sono dei semplici passacarte. La giunta decide e loro si limitano a firmare. In questo caso, con l’opposizione ferma che aspetta di poter entrare in maggioranza per sedersi vicino ad Enzo, qualcuno ci vorrebbe far capire se è tutto regolare che il parcheggio sia affidato alla ditta delle strisce blu che ha vinto una gara completamente diversa?

E’ ancora, quali saranno queste tariffe? O questo abbonamento? Chi lo decide? Chi lo incassa, la ditta delle strisce blu? Ma non ci troviamo davanti a quel caso che la norma identificherebbe, a tutti gli effetti, come una variazione della concessione? E non evidente che siamo davanti ad una concessione che porta un chiaro vantaggio al privato non previsto in sede di gara?

E i dirigenti che fanno? Come nel caso di Zizì, la giunta effettua la “gara” e il funzionario firma solo?

 

www.ildispari.it

Tags

8 Comments

Click here to post a comment

  • Con questo parcheggio si sono persi 50 posti rispetto a prima, una sciagura solo per accontentare il consigliere “potente”.
    Dolcesosta vorrebbe impedire la sosta pure su via Alfredo de Luca: e chi deve andare da De Luciano a farsi le analisi come farà?
    E chi deve andare alla Maternità?
    E chi deve andare in banca o alla posta?
    Ci siamo messi nelle mani di totali incompetenti.

    • “ta fai a per…”

      è ridicolo che al giorno d’oggi dobbiamo entrare con la macchina fin dentro queste sedi. Intanto via alfredo de luca è un caos pazzesco proprio per la gente che è annoiata di farsi 200metri a piedi.
      Nelle città 200metri te li devi fare per andare a prendere la macchina… evitiamo di fare i soliti caproni comodi.
      Grazie

      • Boh guarda che non si sono persi solo 50 posti macchina come ha detto l’amico ma quasi 100. In più vogliono toglierne altri 50 per fare la pista ciclabile a via A. De Luca. Non è che vogliamo arrivare con l’auto fino ai servizi igienici ma i posti a Ischia servono e come…

        • Cari Arnoldo e Davide,
          non entro nel merito dell’articolo, nemmeno nella difesa di questa amministrazione che è indifendibile, ma mi attengo ai numeri qui espressi delle auto in meno rispetto al passato (-50 Davide e -100 Arnoldo).
          Ebbene, facendo un rilevamento su Google Earth, in cui è presente ancora una foto aerea del parcheggio del passato, ho contato, costipate anche in terza fila fino a 104 auto. Ora, se l’articolo parla di 124 posti da assegnare o già assegnati, il computo di sottrazione mi suggerisce che c’è un + 20 posti rispetto al passato, con più spazi regolamentari e vie di fuga a norma. Dunque, indipendentemente da questa pessima amministrazione, l’opera ha portato, anche se con un minimo scarto, un valore aggiunto alla collettività ed alla viabilità.
          Poi, io sono per riprendere il vecchio progetto del compianto Enzo Mazzella: parcheggio multilivello al posto del Marconi, e contemporaneamente costruzione di una nuova scuola per le elementari a Fondobosso, dove si fermano i circhi equestri.
          Cordiali Saluti, e senza polemiche.

          • Nick Charles si vede che non ci sei mai venuto nel parcheggio o sei tendenzioso a favore dell’amministratore. Nonostante ne dici male inizialmente.

            Le auto sono 100 nell’ora in cui c’era una sola persona (io) e gli altri due andavano a mangiare perché era ora morta. La Clio blu di traverso davanti alla sbarra rotta all’uscita (un drogato ci si era buttato dentro qualche notte prima) ce l’ho messa io perché a quell’ora bastava l’entrata/uscita di via delle Terme.

            Dunque, io che a differenza tua ne so qualcosa, ti posso dire con certezza che quelle 100 auto sono circa la metà di quelle che riuscivamo a mettere. Si, con 180-200 auto era un po’ lunga uscire nelle ore di punta, ma per questo c’erano 1bigliettaio, 3 autisti e 1 alla cassa. E moltiplica per le due gestioni.
            Tutto questo significava 6 stipendi, da aprile a settembre e a dicembre. Più gli introiti delle famiglie dei gestori.

            Sul cartellone dei lavori c’era scritto 60 posti sopra e 40 sotto.
            Mi pare che fa 100.
            200 – 100 fa 100 posti auto in meno e almeno 8 famiglie che già quest’anno si sono dovute arrangiare diversamente.

            È uno schifo e voi continuate a trovare giustificazioni. Ma non vi vergognate?

      • Caprone comodo sei tu e i tuoi amici gelatai.
        Dal parcheggio del jolly alla maternità sono 500 metri ad andare e 500 a tornare, manco questo riesci a vedere?
        Ora vai a prenderti il gelato gratis che spetta ai troll difensori di questa amministrazione scadente.

  • Chiedetelo al sindaco uscente e che ora è europarlamentare. ischi a sempre più in basso.. Andate un Po in svizzera e vedete come si creano parcheggi piste ciclabili ztl..e poi mettete in pratica ad ischia

    • Ma la Svizzera è in pieno Illuminismo, anni luce davanti. Ischia purtroppo in Italia, qundi in pieno feudalesimo. Come fare un confronto tra il cioccolato e la cacca. Però il parcheggio lo si poteva regalare ai Benetton che hanno dimostrato di essere all’altezza di gestire i beni pubblici Ischitani !