primopiano

Due truffe sul web, la Polizia di Ischia ferma i responsabili

In data odierna personale di questo Commissariato, diretto dal Vice Questore Aggiunto Alberto Mannelli perveniva alla compiuta identificazione di un soggetto,  O.M. Classe 72 residente a Montichiari (Bs), resosi responsabile del reato di truffa nei confronti di un ischitano. La vittima del reato era stata tratta in inganno da un annuncio pubblicato sul sito “Subito.it”  che pubblicizzava la vendita di tre bancali di pellet austriaco marca “Pfeifer al prezzo di 600.00 euro.
 Al versamento della somma pattuita tramite Bonifico Bancario, non era seguita la spedizione della merce; anzi il venditore disonesto, favorito dagli strumenti offerti dalle nuove tecnologie, aveva fatto sparire le proprie tracce. Tuttavia, a seguito di controlli incrociati, attingendo a diverse banche dati, si perveniva  non solo alla esatta identificazione di questo individuo ed alla conseguente denuncia all’autorità giudiziaria per il reato di truffa.
Da accertamenti esperiti dal personale operante l’autore della truffa risultava monitorato da altro  personale “specializzato nella repressione  delle “frodi telematiche” per fatti analoghi, utilizzando il medesimo modus operandi.
 
Sempre in data odierna è stato identificato anche E.F. Classe ’54 residente a Marano di Napoli, resosi responsabile del reato di truffa nei confronti di un ischitano. La vittima del reato era stata tratta in inganno da un annuncio pubblicato su di un profilo facebook che pubblicizzava la vendita di parti di un motociclo marca Yamaha. Al versamento della somma pattuita, non era seguita la spedizione della merce; anzi il venditore disonesto, favorito dagli strumenti offerti dalle nuove tecnologie, aveva fatto sparire le proprie tracce. Tuttavia, a seguito di controlli incrociati, attingendo a diverse banche dati, si perveniva  non solo alla esatta identificazione di questo individuo ed alla conseguente denuncia all’autorità giudiziaria per il reato di truffa ma si scopriva inoltre che questi era un vero e proprio “truffatore seriale”: nell’ultimo anno aveva messo a segno numerosi raggiri, in tutta l’Italia, utilizzando il medesimo modus operandi.

Tags

1 Comment

Click here to post a comment