cronaca

Dionigi, la Mangione o si dimette o partecipa all’orale!

Il sindaco di Barano non può avallare l’azione del suo assessore alle politiche sociali

Gaetano Di Meglio | Ieri vi abbiamo raccontato la storia dell’arresto del presidente della Cooperativa Progetto Vita che, spesso, sedeva affianco alla dottoressa De Crescenzo dell’Ambito NA13 e con la quale coordinava i servizi ai circa 50 assistiti sull’isola e il lavoro di oltre 15 operatori.
E, restando in ambito “ambito”, ci si lasci passare il gioco di parole torniamo allo scandalo in salsa baranese che merita una presa di posizione da parte del sindaco di Barano, Dionigi Gaudioso.
Come vi abbiamo già raccontato nell’elenco dei professionisti per la “procedura di selezione pubblica per il conferimento, tramite procedura comparativa, di incarichi di collaborazione continuativa e coordinata” spunta l’assessore alla politiche sociali, ovvero all’ambito, Emanuela Mangione.
Una storia di autoraccomandazione politica che, fino ad oggi, non avevamo ancora visto.
E’ vero ci sono stati figli, mogli, commare, amanti, lecchini ma mai proprio se stessi.
Chi gestisce la carica politica non può e non deve fare determinate scelte!

Con PEC del 7 marzo 2018, l’assessore Emanuela Mangione, nominata dal sindaco Dionigi Gaudioso il 23 giugno 2017, invia la richiesta di partecipazione al bando emesso dall’Ambito Na 13. Non importa che l’11 luglio del 2017, nell’ufficializzare le deleghe, il sindaco di Barano avesse annunciato che all’assessore dott.ssa Emanuela Mangione siano state affidate le deleghe alle Politiche Sociali, Contenzioso, Personale. Non importa. La dottoressa pensa al suo futuro, alla sua carriera lavorativa.
E se anche tutto il procedimento fosse iniziato prima della sua elezione come millanta il padre dell’assessore, spirante minacce, nulla cambia rispetto alla decisione, senza morale politica, di aver partecipato, lo stesso alla presente selezione.
Ma c’è ancora tempo per rimediare alla vergogna: la scelta è facile: Emanuela Mangione si dimette da assessore e da consigliere comunale di Barano e inizia a lavorare come assistente sociale all’Ufficio di Piano. In alternativa, basta l’assenza al colloquio orale presso la sala consiliare di Ischia, dove saremo presenti, per far cadere la pretesa di essere selezionata.
Chi fa politica fa delle scelte. Non possiamo pensare di auto raccomandarci. Non possiamo pensare che l’assessore di un comune facente parte dell’Ambito diventi uno suo stesso lavoratore. Altro che conflitto di interesse. Altro che vergogna.
C’è una questione morale che tocca anche il sindaco Dionigi Gaudioso. Il sindaco, infatti, non può e non deve consentire questa, assurda, deriva. Non vogliamo fare tuffi nel passato, ma la storia di Giosi Gaudioso, sindaco per eccellenza di Barano, insegna che i politici “danno” i posti di lavoro e non si sistemano da soli.
Dionigi non può tacere. Ancora.
Gli avvocati di Napoli, quelli che dovrebbero farci tremare secondo il padre dell’assessora, se sono della risma di quelli per i quali abbiamo testimonianza diretta, beh, non ci fanno paura. Sono abbastanza scarzoni!
Per Emanuela, la scelta è facile: o ci si dimette da assessore o ci si fa assumere dell’Ambito. Una scelta che si fonda sull’onestà che deve avere un politico. Perché, fino ad oggi, il sistema della politica nostrana non ha mai toccato punte così basse. Non siamo mai scesi più giù di così!
Chiusa la parentesi politica, “dalla valutazione delle istanze presentate si stila la graduatoria dei titoli come da tabelle in allegato, firmate in calce” ecco il calendario dei colloqui.
Profilo “Assistente Sociale”: lunedì 18 febbraio ore 10.00 presso la sala consiliare del Comune di Ischia; Profilo “Psicologo”: martedì 19 febbraio ore 10.00 presso la sala consiliare del Comune di Ischia; Profilo “Diplomato”: martedì 19 febbraio ore 15.00 presso la sala consiliare del Comune di Ischia, dal candidato n. 1 Mariarosaria De Vanna al n. 15 Francesca Buono. Mercoledì 20 febbraio ore 10.00 presso la sala consiliare del Comune di Ischia, dal candidato n. 16 Carmela Mennella.

Ecco le graduatorie
Per gli assistenti sociali: Andrea Sirabella 18,04; Antonietta Ferrandino 16,85; Emanuela Mangione 16,45; Carmela Regine 15,2; Viviana Agnese 11,1; Vincenza D’Abundo 10,85.
Per gli psicologi: Angelica Iacono 23; Stefania Regine 19,85; Angela Baglioni 17,3; Filomena De Siano 17; Teresa Quaranta 16,1; Carmela De Blasio 15,2; Marianna Lombardi 15; Michele Schiano 14,1; Maria Palmieri 13,6; Ida Marino 10,15; Francesco Impagliazzo 10,1
Per i diplomati: Mariarosaria De Vanna 25; Maria Funiciello 23,5; Martina D’Alba 21,15; Gianluca Capodanno 21; Gerardo Sorrentino 20; Sabina Conte 20; Giuseppe Migliaccio 19; Mariarosaria Esposito 15,7; Francesco Miluccio 15,45; Carmen Di Meglio 15; Valeria Pesce 15; Simona Regine 14; Giuseppe Conte 13,65; Gabriele De Luca 12,175; Francesca Buono 12; Carmela Mennella 12; Davide Di Costanzo 12; Carmela Migliaccio 11; Vittoria Trani 11; Gennaro Pilato 11; Domenico Patalano 10,5; Luisa Cigliano 10,25; Marianna Senese 10; Cinzia Stoppiello 10; Vera Mancusi 10; Mariarca Cerase 9,8; Noemi Zabatta 7; Federica Zabatta 7; Alessandra Mancusi 7

www.ildispari.it

Tags

Add Comment

Click here to post a comment