primopiano

Di Scala e Carfagna: I docenti ischitani restino sull’isola

Presentata un'interrogazione parlamentare: garantire ad Ischia gli stessi privilegi di Amatrice

La battaglia di Maria Grazia Di Scala per consentire ai docenti dell’isola d’Ischia in forze presso istituti lontani dall’isola sembra si stia avviando verso la vittoria.
Ieri, infatti, la sua iniziativa è stata ripresa dall’onorevole Mara Carfagna che ha presentato una dettagliata interrogazione parlamentare al ministro Fedeli.
«Dopo il terremoto – scrive la Carfagna – che ha colpito Ischia il 21 agosto diverse strutture scolastiche sono risultate totalmente o parzialmente inagibili. Ma per poter garantire a tutti gli alunni una corretta prosecuzione degli studi sono stati previsti dei doppi turni nelle strutture agibili. Riteniamo opportuno che a questa misura straordinaria ne vengano aggiunte altre, così da non creare ulteriori disagi sia agli studenti che al personale docente e non. Per questo, attraverso un’interrogazione parlamentare abbiamo chiesto al Ministro dell’Istruzione Fedeli di applicare ad Ischia gli stessi provvedimenti che nel 2016 furono messi in campo per le zone colpite dal sisma del Centro Italia. In particolare riteniamo che i docenti, il personale educativo ed Ata, residente ad Ischia, non debba essere spostato dall’isola anche se la scuola assegnata è tra quelle inagibili. Crediamo anche sia giusto che venga introdotto un blocco temporaneo della mobilità, per il personale interessato che avrebbe dovuto raggiungere una sede diversa, posponendo di un anno la presa di servizio, come già messo in pratica nelle zone colpite dal sisma dell’estate 2016. Tutto questo per garantire, nonostante le difficoltà – conclude il parlamentare di Forza Italia – ed i disagi derivanti da un terremoto, un corretto svolgimento dell’anno scolastico sia per gli studenti che per il personale scolastico docente e non»
#ischiacomeamatrice è l’hashtag che ha lanciato la consigliera regionale campana di Forza Italia, Presidente della Commissione Sburocratizzazione della Regione Campania, Maria Grazia Di Scala.
Per la nostra consigliera regionale “sarebbe importante che, come accaduto per Amatrice, anche per Ischia si conceda agli insegnanti e al personale Ata in difficoltà e impiegato fuori dall’isola l’assegnazione provvisoria ad Ischia. Con l’istituzione dei doppi turni in molti circoli – spiega Di Scala – la situazione è al paradosso: ci sono insegnanti che dalla provincia di Napoli sono costretti a soggiornare e a pernottare sull’isola e ci sono, viceversa, insegnanti, amministrativi e ausiliari ischitani senza casa costretti a recarsi nel Napoletano».
Il Ministro Fedeli, nel suo messaggio rivolto alle scuole italiane per la ripresa dell’anno scolastico aveva evidenziato: “A tutte e tutti voi vanno i miei migliori auguri di buon inizio e buon lavoro. Con un pensiero particolare alle studentesse e agli studenti, alle e ai dirigenti, al personale scolastico delle aree del Centro Italia colpite dal sisma e di Ischia, a cui il Ministero continuerà a garantire tutto il supporto necessario per ridurre al minimo i disagi”.

Tags

Add Comment

Click here to post a comment